x

x

Reflusso biliare

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Buongiorno,
soffro ormai da quasi 3 anni di reflusso gastroesofageo continuo, cosa che era iniziata nel 2003 ma poi fino al 2010 si era riproposta sporadicamente. Cerco in breve di riassumere tutto:

2003

ho effettuato una esofagogastroduodenoscopia con i seguenti risultati.
Esofago: normale morfologia e cinesi, lume regolare con mucosa normale, cardias continente, con linea Z a 37 cm dall'arcata dentaria superiore.
Stomaco: normoconformato, mucosa ovunque congesta, presenza di abbondante reflusso biliare. Pliche soffici ed appianabili con la distensione, normale cinesi, cardia competente in retroversione, piloro pervio e mobile
Duodeno: bulbo deformato con mucosa integra, seconda porzione indenne.
Conclusioni: gastrite da reflusso biliare

con una cura a base di Peridon e Losec, ho risolto i problemi che si sono ripresentati sporadicamente e sempre risolti con la medesima cura (anche solo Losec)

2010

forse anche a seguito di un periodo di forte stress, ed in coincidenza di un viaggio in Cina, si sono ripresentati in maniera molto forte tutti i sintomi della gastrite e del reflusso. Visti gli inesistenti risultati ottenuti con le solite cure, ho effettuato di nuovo un'altra gastroscopia, i cui risultati riporto di seguito:

Nulla a carico dell'esofago, ernia iatale di circa 2 cm, fondo a caduta laterale, nulla a carico del corpo-fondo gastrico, modesta iperemia antrale (biopsie), nulla al duodeno esplorato fino in regione Vateriana.

I risultati della biopsia sono stati:

frammenti superficiali di mucosa gastrica di tipo antrale con iperplasia foveolare e edema interstiziale. HP negativo


dopo questa visita, ho anche effettuato analisi del sangue e coprocoltura per verificare la presenza di eventuali batteri, ma HP 0,60 nel sangue (negativo tra 0 e 0,90), nelle feci esito negativo, germi comuni negativo, salmonella negativo, giardia negativo, entamoeba histolytica negativa.

Il Lucen sembra non avere effetto, o perlomeno attenua solo un po', prendo ormai il Riopan tutti i giorni da 2 anni.

L'unico sollievo l'ho avuto da cicli di agopuntura, che attenuano molto i sintomi.

Non so più dove sbattere la testa, i medici sembrano sottovalutare il reflusso biliare parlando solo di reflusso gastroesofageo, ma su internet ho visto che gli IPP non sono adattissimi anche al reflusso biliare....

Che mi consiglia di fare? Ci sono analisi che non ho effettuato e che possono essere utili? Farmaci che posso prendere?

La ringrazio in anticipo per la risposta
[#1]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,6k 207 8
È vero per quanto riguarda la patologia del reflusso biliare è necessario ricorrere sia ai procinetici che ai celanti dei sali biliari. Dovrebbe pertanto affidarsi ad un gastroenterologo e non sentire troppi pareri.

Dr. Roberto Rossi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto grazie per la veloce risposta.... ma quindi pensa che i miei problemi siano legati tutti e solo al reflusso biliare?
O pensa che possa essere anche reflusso da acido, o altro ancora (colon irritabile, colicisti, o chissà cosa altro... per cui magari debba fare altri esami?)

Un'ultima cosa.... quali farmaci potrei prendere? Nel senso.... non ho idea di quali possano essere i farmaci procinetici e i celanti dei sali biliari.

Grazie ancora per la risposta
[#3]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,6k 207 8
In questa sede non possiamo consigliare terapie se non in maniera molto generica come nella risposta. Le riaperto pertanto che è indispensabile che si affidi ad uno specialista.

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio