Utente
Buongiorno avrei bisogno di alcune informazioni.
Avevo gia' scritto tempo fa per questo problema ma adesso la situazione si e' aggravata.
Premetto che sono celiaca e sono molto attenta ad eseguire la dieta.
Alla mattina mi sveglio sempre con bruciori sopra ombelico. Poi espello aria sia dallo stomaco che dall'intestino e la situazione migliora.
Dopo un'oretta che sono alzata la situazione si normalizza ma sino che non sono in piedi la sintomatologia non cessa.
Il mio medico mi ha visitato e mi ha riscontrato molta aria nell'intestino. Sospetto colon irritabile. Soprattutto nel quadrante destro alto dell'intestino sente la zona piuì rigida con molta aria infatti a volte mi fa male. Se poi espello aria anche questa zona si normalizza.
Ho eseguito gastroscopia ma non hanno rilevato nulla di particolare ma sono in attesa delle biopsie.
Una recente laringoscopia mi e' stata diagnosticato un evidente reflusso gastroesofageo
Ultimamente ho anche alvo alterno pero' in un unica scarica giornaliera.
Ho eseguito recentemente esami del fegato dove gli esiti erano nella norma. Qualche tempo fa ho eseguito pcr e ves ed anche questi esami rientravano nella norma
Soffro di ansia cronica. Anche per questo mangio velocemente probabilmente senza masticare completamente il cibo ma non riesco a controllare.
Pero' ho molto paura di avere qualcosa di grave. Ma oltre all'intestino il pancreas e le vie biliari possono causare questi sintomi? Possono essere altre intolleranze oltre che la celiachia?
Ma come puo' essere possibile che questi sintomi inizino sempre di prima mattina e non prima o dopo?
Non ne posso piu' di iniziare la giornata in queste condizioni.
Grazie mille per la risposta

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amica, il fatto di essere celiaca non esclude altre intolleranze (es.: al lattosio) e non esclude un intestino irritabile.
Ci puó dire se di notte ha disturbi?
La sua ansia gioca, comunque, un ruolo importante!
Rimango a sua disposizione!
Mi faccia sapere!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore innanzittutto grazie per l'immediata risposta.
No, di notte non ho particolare disturbi sino alle 5 od alle 6 della mattina.
Questa situazione si protrae da 4 anni. Credevo che la diagnosi di celiachia mi risolvesse il problema invece persiste.
Solo se abuso di cibo tipo latticini, verdure cotte etc. allora posso avere qualche sintomatologia durante la notte.
Quando mi hanno fatto diagnosi di celiachia mi hanno sospeso il lattosio per 6 mesi ma il problema sussisteva comunque. Ho assunto in quel periodo anche carbone vegetale e fermenti lattici
Praticamente ho scoperto la celiachia per dei sintomi che tutt'ora sono esistenti
Anzi, aggravati perche' adesso si e' aggiunta tutta questa aria nell'intestino e alvo irregolare.
Dottore ma cosa lei pensa che sia?
Il gastroenterologo da cui andavo mi ha fatto prendere per un lungo periodo un protettore per lo stomaco ma con scarsi risultati. Forse non era il farmaco giusto.
Pensa che il carbone vegetale ed i fermenti lattici possano tornarmi utili.
Grazie di nuovo

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'uniche ipotesi che posso azzardare senza visitarla sono l'intolleranza al lattosio e l'intestino irritabile.
Le consiglio una nuova visita che è obbligatoria per risolvere i suoi problemi.
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Effettuero' una nuova visita. Grazie dottore per il consulto

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla!
Se ha piacere mi aggiorni!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno dottore sono in attesa di una visita gastroentereologica non imminente ma sono molto preoccupata per la situazione verificatasi.
Oltre ai sintomi sopracitati in questa settimana il quadro clinico lo vedo molto peggiorato.
Sto assumendo fermenti lattici e simeticone ma nonostante tutto l'aria intestinale continua a formarsi il che mi provoca notevole malessere
Ho notato anche per alcuni giorni feci color verde scuro nonostante io non abbia mangiato nulla di questo colore.
Alvo con feci morbide marrone chiaro e pezzi di cibo non digerito da piu' giorni
Sono molto attenta alla dieta senza glutine quindi escluderei assunzione accidentale.
Sto provando ad eliminare latticini ma questo solo da ieri.
Sono molto preoccupata potrebbe essere problemi pancreas e vie biliari?
Grazie per la risposta

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amica, feci morbide e "pezzi" di cibo indigerito si trovano spesso nell'intestino irritabile.
Stia tranquilla!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Buongiorno dottore sono andata a ritirare biopsia gastroscopia riporta quanto segue:
Gastrite cronica superficiale inattiva dell'antro.
Non si repertano microrganismi tipo helicobacter.
Frammenti di mucosa duodenare a struttura villosa conservata con aumento dei linfociti intraepiteliali CD3 piu.
Lesione tipo 1 sec Marsh.
Sono preoccupatissima ma cosa puo' essere?
Essendo a dieta aglutinata dovrebbe essere tutto a posto.
Grazie per la risposta sono molto in apprensione

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La classificazione della lesione secondo il grado primo di Marsh indica il primo grado aspecifico di lesione duodenale nella celiachia.
In realtà il quadro è così aspecifico che spesso è riscontrabile in soggetti non celiaci.
Ne parli con il gastroenterologo che la tiene in cura e vedrà che le confermerà quanto sopra!
Tranquilla!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Dottore mi scusi ancora le trascrivo la biopsia di tre anni fa quando mi diagnosticarono celiachia.
transglutaminiasi 41 -inferiore a 7
Mucosa duodenale con aspetto tozzo dei villi e incremento patologico dei linfociti T intraepiteliali (circa 90/IEL/100 enterociti
Quadro istologico compatibile con malattia da malassorbimento intestinale stadio 3C sec Marsh.
Come mai la lesione e' ancora tipo 1 sec. Marsh?
Come mai vi e' ancora aumento linfociti CD3 piu'?
Potrei avere la giarda o qualcosa di peggiore?
Scusi la mia insistenza ma sono veramente in ansia.
La visita gastroentereologica e' tra una settimana

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Cara amica la medicina non usa il codice binario (0 e 1)!
Non è digitale, è analogica!
Quindi una cosa è patologica quando supera una soglia!
Le ho già detto che il grado uno di Marsh si puó trovare in biopsie di non celiaci in quanto quadro aspecifico!
Dorma sonni tranquilli!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12] dopo  
Utente
grazie dottore per la risposta. Mi ha tranquillizzato

[#13] dopo  
Utente
Buogiorno dottore, aveva ragione lei, il gastroenterologo mi ha diagnosticato colon irritabile causato dalla mia ansia.
Sto assumendo ancora fermenti lattici ed un integratore alimentare a base di galattosidasi ma non trovo alcun miglioramento.
Secondo lei e' sufficiente cio' che assumo?
Devo seguire una dieta specifica per questo tipo di patologia?
I prodotti omeopatici possono aiutarmi?
La ringrazio gia' da adesso perche' lei sa sempre rincuorarmi.

[#14]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Una dieta uguale per tutti gli intestini irritabili non esiste!
Comunque puó limitare l'uso di legumi e di verdure.
Personalmente non credo all'omeopatia.
Provi ad eliminare i cibi che le sembrano più dannosi e si faccia aiutare per la quota d'ansia che mi sembra elevata!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia