x

x

Dolore fianco destro

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Buonasera, sono una ragazza di 27 anni e vi scrivo per chiedervi un consiglio. Premetto che questo disturbo che ho(dolore al fianco destro) di tanto in tanto compare(ce l’ ho da quando ero piccola) quando mangio determinati alimenti(cioccolata o grassi) e quando non vado da molti il giorni al bagno(sono stitica).
Sabato scorso ho avuto un lutto in famiglia e di corsa siamo partiti(un viaggio molto lungo di oltre 12 ore) e ho mangiato solo circa 5 merendine al cioccolato. Il giorno seguente ho mangiato un cappuccino e una bomba piccola fritta. A pranzo ho mangiato un pollo con le patate e poco dopo mi sono venute mestruazioni e sono iniziate delle scariche di colite(circa 4). Poi non avuto piu’ coliche la sera ho mangiato in bianco ma è iniziata inappetenza e nausea. Il giorno dopo(Lunedì) ho continuato a mangiare in bianco sforzandomi. Martedì ho mangiato un po di pasta con il sugo e mi è cominciato un forte dolore al fianco destro. Da mercoledì a sabato sono andata al bagno 1 volta al giorno al mattino ma non in modo regolare(diarrea). Da ieri vado sempre in bagno 1 volta ma non vado regolare però nemmeno diarrea, diciamo un po piu’ morbido del normale. Fino a oggi continuo a mangiare in bianco perché ho ancora il dolore al fianco anche se si è attenuato. Da 5 giorni prendo enterolactis plus. Oggi ho chiamato il mio medico e le ho spiegato la situazione e mi ha detto di prendere il normix, però io mi chiedo: andando solo al bagno 1 volta, certo non regolare, ma nemmeno in forma diarroica, devo prenderlo? Essendo un antibiotico va bene per la causa che ho io? Io presumo che abbia un’ infiammazione dovuta a l’ alimentazione di quei giorni del viaggio e dovuta allo stress(ho avuto forte ansia non ho dormito bene). Voi che mi consigliate? Il medico mi ha detto che secondo lei devo prenderlo perché quando mi pulisco(dopo le feci) ho ancora la colorazione giallognola. Vorrei aggiungere che non è la prima volta che mi viene questo dolore al fianco, ma di solito non è accompagnato da diarrea. In passato ho fatto anche gastroscopia(normale tranne lieve infiammazione) ecografia addome completo(che era normale) e intolleranze alimentari in cui ho evitato quegli alimenti(tra cui cacao e caffè) indicati. Come posso fare? Il dolore non è fisso va e viene e va scemando ogni giorno, però mi prende fino al rene, poi si sposta nella parte più bassa, a volte passa a sinistra e poi sparisce. Voi mi consigliate di prendere il normix o no? Che posso fare? Per favore aiutatemi. Grazie.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
Direi che potrebbe trattarsi di una sindrome dell'intestino irritabile peggiorata da una alimentazione assai scorretta.
Segua il consiglio del suo medico per l'immediato.
Dopo la fase acuta si faccia visitare da un gastroenterologo che potrà confermare o meno l'ipotesi che le ho prospettato (senza poterla visitare la consideri solo una ipotesi).
Segua una alimentazione corretta!!!
Resto a sua disposizione!
Mi aggiorni se le fa piacere!
Cordialmente!

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la celere risposta! In realtà io ero in dubbio se prendere il normix perchè avevo letto il foglietto illustrativo e c' era scritto che serve per bloccare la diarrea(che io non ho anche se non vado di corpo correttamente) e per infezioni intestinali(mentre io presumo sia per l' alimentazione). Grazie per la sua risposta prenderò il farmaco e poi mi farò controllare! Ps mi ha detto il medico di prenderlo per 4-5 giorni... Non è eccessivo? Grazie!
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
3 compresse al giorno per 4 giorni potrebbe andare bene.
Segua, comunque, le indicazioni del suo medico!!!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie!
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore, vorrei chiederle delle informazioni. Il dolore al fianco non è piu' cosi persistente ma va e viene e alcune volte ho delle fitte al fianco destro. Ho fatto un' ecografia dell' addome e c' era la colecisti che era parzialmente distesa(tantochè il medico che mi ha fatto l' ecografia mi ha chiesto se avevo mangiato ma io ero a digiuno anche se sentivo di non aver ancora digerito bene la cena del giorno prima) con le pareti un po ispessite e un po di sabbiolina al rene destro. Ho consultato il mio medico che mi ha detto solo di bere e di non mangiare fritti, creme per la colecisti, le ho detto che però il dolore ogni tanto c' è mi ha detto ''poi ti passa''.
Le vorrei fare delle domande, se può essere cosi gentile da farmi capire qualcosa!!!
L' ecografia dell' addome l' ho fatta spesso(come le dicevo non è nuovo questo dolore al fianco che però spariva dopo ochi giorni) e ho sempre avuto questa digestione lenta, mal di stomaco... Allora come mai le altre volte la colecisti era distesa e regolare e adesso è solo parzialmente distesa? Può essere che ero ancora infiammata per le coliche, diarrea (come le spiegavo per quell' alimentazione scorretta di cui le avevo parlato)?
Noto inoltre allo stomaco come se ci fosse qualcosa che mi ''tirasse'' e a volte ho delle fitte anche nello stomaco, dipende dall' aria?
Questo dolore dipende secondo lei dalla ''sabbiolina'' del rene, quale acqua è migliore?
La ringrazio sono un po preoccupata :-(
[#6]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,1k 1k 13
La colecisti, a digiuno, deve essere distesa!
La colecisti si contrae SOLO dopo un pasto!!!
La sabbia renale non ha alcuna influenza.
Continuo a pensare ad una sindrome dell'intestino irritabile!
Si faccia visitare da un astroenterologo!
Resto a sua disposizione!
Cordialmente!
[#7]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore per la sua risposta. Infatti non capisco come mai non era distesa la colecisti visto che ero a digiuno. Andro dal gastroenterologo. La ringrazio per la disponibilita

Mangiare in modo sano e corretto, alimenti, bevande e calorie, vitamine, integratori e valori nutrizionali: tutto quello che c'è da sapere sull'alimentazione.

Leggi tutto

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio