Utente
Buongiorno a tutti, ho quasi 40 anni e premetto di essere in un periodo di fortissimo stress psicologico a causa della mia ipocondria, che nonostante la psicoterapia non accenna migliorare. Il problema che ho ora è la nausea che mi sta impedendo di mangiare. A causa della mia ipocondria ho effettuato nell'ordine a dicembre 2011 gastroscopia dove si è evidenziata una esofagite da reflusso grado A los angeles, helicobacter neg, a marzo 2012 eco addome completo dove c'era solo una modesta steatosi del fegato, a luglio 2012 colonscopia, a causa del colon irritabile dove non è emerso nulla, a febbraio 2013 emocromo e analisi generiche con valori più o meno nella norma. Ora questa nausea mi preoccupa molto, in quanto è un sintomo per me abbastanza raro, tenuto conto del fatto che in vita mia avrò vomitato 5 o 6 volte, non di più. Ho sempre digerito bene, anche in caso di stravizi sia nel mangiare che nel bere. Ora non riesco a buttare giù niente, devo preoccuparmi? E' il caso di rifare una gastroscopia, tenuto conto che l'ho fatta più di un anno fa? Mio padre è morto di tumore allo stomaco, mia madre di tumore all'ovaio, entrambi giovanissimi, ed io oramai ho una fobia dei tumori allucinante. Soffro anche spesso di mal di testa per il quale ovviamente temo il tumore al cervello, ma il neurologo dopo la visita mi ha vietato espressamente tac e risonanze varie alla testa. Vi chiedo gentilmente un riscontro, un consiglio. Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Con una gastroscopia recente negativa starei tranquillo e non farei immediatamente degli accertamenti, ma proverei con dei farmaci procinetici che dovranno essere prescritti dal suo medico.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Ripetere la gastroscopia potrebbe essere. Una opzione possibile anche se probabilmente non chiarirà la causa della nausea. Potrebbe prima valutare con il curante l'assunzione di qualche farmaco specifico per la nausea o qualche procinetico. L'ansia certamente peggiora il disturbo.
Dr. Roberto Rossi

[#3] dopo  
Utente
Grazie delle tempestive risposte. Ho intrapreso con il curante una terpia con Levopraid 15 gg prima dei pasti, spero dia i suoi frutti. Avrei un'altra questione da porVi. Secondo Voi ogni quanto dovrei fare la gastroscopia vista la familiarità per tumore gastrico? L'unica che ho fatto finora è datata dicembre 2011 quindi un anno e 4 mesi fa circa. I miei attuali disturbi sono digestione lenta, bisogno di eruttazioni che a volte appaiono difficoltose, sazietà e gonfiore dopo i pasti anche non abbondanti, bocca amara al risveglio e a stomaco vuoto. Grazie delle risposte.

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La levosulpiride nel suo caso dovrebbe dare buoni risultati. Per quanto concerne la gatroscopia un controllo a 3 anni è ragionevole, ma ê importante conoscere l'esito delle biopsie gastriche eseguite nella precedente gastroscopia.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente
Gent. mo Dottore, nel ringraziarLa delle risposte la aggiorno sulla situazione. Ho rifatto la gastroscopia per essere più tranquillo ed è venuta fuori una gastropatia antrale con esame istologico in corso ed ernia iatale senza segni di esofagite da reflusso. Ora io purtroppo continuo a non stare bene per nulla, la nausea è presente soprattutto al mattino al risveglio e quasi impossibilità a fare colazione, e poi comunque a fasi alterne nel corso della giornata. A causa della mia ipocondria avevo inziato su consulto psichiatrico una terapia con zoloft e trittico in sostituzione del minias che abitualmente usavo per dormire e come già detto Levopraid. Ora la cura l'ho interrotta perchè ho avuto l'impressione che le crisi forti di nausea mi sono ritornate due gg dopo l'inizio di questa nuova terapia. Il giorno dopo la sospensione sono stato molto bene con nausea quasi assente mentre ora di nuovo nausea al risveglio, e poi a volte anche pomeridiana. Mi dia un consiglio, non so più che pesci prendere, sto dimagrendo giorno dopo giorno, da 89 che ero ora sono 84 (h 1.87). Ora ho intrapreso una nuova cura con pantoprazolo 40, e motilex prima di ogni pasto. Gli esami del sangue sono ok per quanto attiene l'emocromo e gli altri che normalmente si eseguono di routine, solo la GGT a 90 è l'unico valore sballato, le transaminasi 25 e 30. Grazie infinite