Utente
Salve ,

sono un uomo di 38 anni e da un mese soffro di forte reflusso gastroesofageo trattato con rabeprazolo per 3 settimani senza risultati e gastrotuss per 1 settimana sempre senza benefici.
La gastroscopia non rileva danneggiamenti all'esofago ne gastrite ne ernia iatale ne cardias beante ma solo lago mucotico tinto di bile. L'esame della gastrina fatto prima dell'assunzione dei IPP rilevava invece ipersecrezione acida (Gastrina molto bassa). Probabile quindi reflusso misto acido+bile. Per quanto riguarda il reflusso biliare avrei le seguenti domande :

1)Può essere che l'assunzione di carminT (compresse menta piperita gastroprotette) e/o l'idrocolonterapia possano aver indebolito lo sfintere pilorico ?
2)Non c'è nessuno esame come la manometria esofagea per il cardias che possa valutare il funzionamento della valvola pilorica ?
3)Non c'è nemmeno nessun intervento chirurgico (come la nissen per il cardias) che corregga questa possibile disfunzione ?

Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Si tratta di un problema funzionale di rallentato svuotamento gastrico. Non ci sono misure correttive, ma sono utili dei procinetici per favori lo svuotamento gastrico. Farmaco ed idrocolon terapia non hanno avuto influenza.

Cordialmente.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille della risposta,

potrei sapere inoltre che astensione (procinetici,alginati,antiacidi) occorre effettuare prima della ph impedenzometria nelle 24 ore e della manometria ? L'IPP è già sospeso da 10 giorni

Saluti

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Per effettuare la pH-impedenzometria esofagea bisogna essere a digiuno da 6-8 ore ed aver sospeso da almeno 7 giorni tutti i farmaci che agiscono sulla secrezione gastrica. Mentre per la manometria bisogna sospendere 24 ore prima i farmaci che agiscono sulla motilità (domperidone, ecc.). Gli antiacidi possono essere assunti fino alla sera precedente.

Saluti


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottore,

l'unica cosa che non ho capito dalla sua prima risposta è se, nel caso di reflussio biliare, si ha in effetti anche un malfunzionamento dello sfintere pilorico come accade per il cardias nel reflusso esofageo. Molti in rete affermano questo e vorrei togliermi questo dubbio amche se non ci si può fare molto come lei giustamente mi ha detto

Saluti

[#5] dopo  
Utente
Ma la manometria esofagea è un esame che non si fa nelle 24 ore vero ?
Ed è possibile effettuare manometria esofagea e ph-impedenzometria nelle 24 ore nello stesso appuntamento ospedaliero per evitare 2 torture in 2 differenti momenti ?

Grazie

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
1) Si tratta di meccanismi diversi anche se è sempre in gioco l'alterazione della motilità. In esofago si puô correggere chirurgicamente, nel piloro no.

2) La manometria puô essere eseguita (in 30 min. circa) prima della pH-impedenzometria .



Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente
dottore, solo un chiarimento tecnico se e' possibile siccome mi piace capire le cose. mi verrebbe da pensare che in un rallentato svuotamento gastrico il piloro rimanga troppo chiuso mentre nel reflusso biliare rimanga troppo aperto. come posso capire questa apparente contraddizione? grazie ancora

[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non e' detto che sia un problema di piloro. A volte il piloro puô risultare beante in entrambi i casi, mentre entra in gioco un'alterata motilità gastro-duodenale.

Saluti



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it