Reflusso e sospetta celiachia

Gentili dottori,

soffro da mesi di reflusso gastroesofageo, per il quale non ho trovato sollievo con inibitori della pompa protonica, dieta strettissima (ho eliminato tutti gli alimenti e le bevande sconsigliate, mangiando in bianco e leggero per mesi), terapie omeopatiche, ecc.
Tra i vari esami che mi sono stati prescritti, ci sono quelli per la celiachia, che hanno dato il seguente risultato:
- Ab anti-transglutaminasi: 6,75 U/ml (valori di rif.: negativo < 4 U/ml)
- Ab anti-gliadina deamidata IgG: 31 U/ml (valori di rif.: negativo < 20 U/ml)
- Ab anti-gliadina deamidata IgA: 41 U/ml (valori di rif.: negativo < 20 U/ml)
- Ab anti endomisio: presenti alla fluorescenza 1:10 (valori di rif.: assenti alla diluizione 1:5).

La EGDS che mi è stata prescritta ha evidenziato cardias continente e assenza di ernia iatale. Mucose di esofago e stomaco rosee ed esenti da alterazioni. Pliche della seconda porzione del duodeno lievemente diradate.

Il referto dell'esame istologico delle biopsie duodenali è il seguente: il preparato si riferisce a frammenti di mucosa del piccolo intestino ad architettura conservata. La colorazione immunoistochimica con CD3 ha mostrato un inflitrato linfocitario intraepiteliale di circa 40 linfociti/100 cellule epiteliali. Il quadro istologico sopra descritto, se in accordo con i dati clinici e sierologici, è compatibile con malattia celiaca di tipo 1 secondo Marsh-Oberhuber.

Nel frattempo ho ripetuto gli esami sierologici, e sono in attesa di referto.

E' indicata nel mio caso la dieta senza glutine? Avrò una diagnosi di celiachia?
Ci sono altri esami che mi consigliereste?

Sono in attesa di effettuare la visita con il gastroenterologo che mi ha in cura, ma vi ringrazierei moltissimo se voleste nel frattempo fornirmi una vostra opinione.

Grazie in anticipo.
Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Dati ed istologia depongono per Celiachia.
Potrebbe effettuare anche il test genetico.

Cordialmente

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Quatraro,

la ringrazio molto per la sua risposta e per il consiglio.

Cordiali saluti e buona giornata.
[#3]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Ci mancherebbe,

Auguroni

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test