Utente
Da circa tre mesi soffro di un dolore addominale, in basso a dx, nell'imediatezza il mio medico curante mi ha prescritto vari esami (gastroscopia, ecoaddome completo, esami del sangue) e antispatistici per il dolore. Il dolore non é mai passato e dalla gastroscopia si evidenziava una lieve gastrite, dall'ecografia non si evidenziava niente, dalle analisi del sangue solo la ferritina era un po' alta, mentre la ricerca di sangue occulto nelle feci era negativa. Nel frattempo il dolore aumentava di intensità fino al culmine due settimane fa, quando ho avuto febbre alta e dolori lancinanti al di sotto dell'ombellico. effettuata una visita dal gastroenterologo mi ha diagnosticato una diverticolite e prescritto antibiotici e mesalazina. Dopo 5 giorni dall'inizio della cura i dolori si sono attenuati un poco ma gli episodi febbrili sono ritornati, ragion per cui il gastroenterologo mi ha consigliato di fare una Tac addome pelvi. vi riportò l'esito di quest'ultimo esame: " Si apprezza un dismogeneo ispessimento del l'ansa del sigma prossimale, con addensamento tessutale e piccole bolle gassose nel contesto, associato a tenue iper densità ed aspetto finemente fascicolato del cellulare lasso periviscerale".
Premetto di essere in lista d'attesa per una colonoscopia.
Sono abbastanza preoccupato perché sebbene osservi una dieta rigida e la cura farmacologica, i dolori addominali non sono ancora passati, vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Sembrerebbe un processo infiammatorio ma non si evidenziano chiaramente dei diverticoli.
continui la terapia antibiotica a dosaggio pieno sempre sotto stretto controllo medico ed esegua un prelievo per emocromo completo, VES, PCR e mucoproteine!
Reasto a sua disposizione!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per l'attenzione e quanto prima effettuerò gli esami da Lei suggeriti.
ho dimenticato di specificare che poco prima dell'episodio febbrile e di acuto dolore, avevo effettuato l'esame della calprotectina fecale con il seguente esito, valore di norma 43,2 mcg/g , esito 49,0 mcg/g.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
confermo il sospetto|
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Non ho ancora effettuato esami del sangue, il centro analisi mi ha sconsigliato di farli per il momento perché sto facendo iniezione intramuscolari di Ceftriaxone, oggi devo fare la quarta, per un totale di 6.
Non ho più avuto episodi febbrili e il dolore addominale si é attenuato, anche se a volte sento delle fitte al fianco destro che arrivano fino all'inguine ed al testicolo. Da quando ho iniziato questa cura antibiotica sto avendo forti attacchi di diarrea e su consiglio del medico curante sto prendendo dei fermenti lattici che per adesso non hanno modificato la situazione.
Colgo l'occasione per ringraziarla.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
dopo una terapia del genere, i fermenti lattici debbono essere assunti per almeno 2 settimane!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Sto prendendo dei fermenti lattici con 5 Miliardi di Bifidobatteri, devo aumentare o vanno bene?
La terapia antibiotica é finita, quando posso effettuare analisi del sangue?
Il 24 luglio effettuerò colonoscopia.
La ringrazio anticipatamente.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ok per i fermenti lattici.
Dopo almeno 5 giorni dalla fine della terapia!
Mi aggiorni se le fa piacere!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Dr. Bacosi lei é stato più cordiale, disponibile e professionale di molte persone con cui ho avuto a che fare negli ultimi giorni, la terrò aggiornato con molto piacere e anche se in modo virtuale le stringo la mano e la ringrazio di vero cuore.

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Grazie dei complimenti, ma è un dovere!
Un caro saluto!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Ho effettuato la colonoscopia che ha fornito il seguente esito:" all'ispezione della regione anale nulla da rilevare. All'esplorazione digitale sfintere elastico; la mucosa rettale si presenta liscia e regolare. Esame strumentale condotto fino al sigma prossimale ed interrotto per difficoltà a progredire dello strumento. La mucosa del sigma presenta diffusa iperemia ed edema, si evidenziano piccoli diverticoli esiti di recente episodio di diverticolite. Con la manovra di retro visione in ampolla rettale non si rileva patologia a carico dello sfintere interno. CONCLUSIONI: Esiti di diverticolite."

A dire della persona che ha effettuato l'esame che ha visionato la precedente TAC, vi é con assoluta certezza una perforazione del colon che ha provocato episodi febbrili di cui avevo parlato.

Adesso sono preoccupato, cosa devo fare?

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non potendola visitare e non potendo visionare le immagini degli esami eseguiti, le consiglierei di farsi visitare da un chirurgo addominale!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12] dopo  
Utente
Come posso capire l'entita di questa perforazione? Oltre la colonoscopia che non hanno finito c'é qualche esame che può dare un quadro della situazione?
Nel frattempo sarebbe consigliabile continuare la terapia di mesalazina e antibiotici?
Capisco perfettamente l'impossibilità di poter formulare risposte senza avere a portata di mano esami o il paziente, la ringrazio per la disponibilità.

[#13]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Consulti un chirurgo!
Non posso aiutarla più di così!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#14] dopo  
Utente
Ho effettuato sia il consulto dal Gastroenterologo che con il Chirurgo.

Il GE, con assoluta certezza, é del parere che non ci sia nessuna perforazione o quantomeno dice che se c'é stata era una piccolissima perforazione che si é già sanata, ragion per cui vuole ripetere la colonoscopia a Settembre e nel frattempo mi ha detto di continuare con la Mesalazina per un altro mese, oltre ad un altro ciclo di antibiotici per 5 giorni (Ciproxin), ed anche Sobutir e Movicol.

Il Chirurgo é dello stesso parere del GE per quanto riguarda la perforazione, ma a suo parere i lievi dolori alla palpazione del sigma, addome basso sinistro non lo convincono, si dice invece preoccupato per il dolore alla parte addominale destra, in prossimità dell'appendicite (sono stato operato di appendicite moltissimi anni fa), mi ha consigliato di rifare l'ecografia addominale .

Nel frattempo avevo anche fatto analisi del sangue che mi aveva consigliato, riportando i seguenti valori:

Nell'esame emocromocitometrico, tutto nella norma tranne ematocrito HCT, valore 40,2 valore riferimento 42,00 -- 50,00

Nell'esame della forma leucocitaria tutto nella norma tranne Linfociti valore 19,9 valore riferimento 20,00-- 45,00, Eosinofili valore 17,9 valore riferimento 0,0 -- 6,0.

VES valore 20, valore riferimento 1-20
ALFA 1 glicoproteina acida nella norma
PCR valore 5,4 valore riferimento 0,0 -- 0,5

Sinceramente sono perplesso, nel senso che sono sicuro che abbia una diverticolite, ma perché ho anche questo dolore nella parte destra che mi accompagna da mesi? Perché rifare l'ecografia addominale? Possibile si tratti di calcoli biliari come sospetta il Chirurgo. grazie in anticipo per la pazienza e la disponibilità.

[#15]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amico, non potendola visitare e non potendo visionare le immagini, non posso dirle di più!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#16] dopo  
Utente
Ok, capito perfettamente, non chiederò più niente.

Mi dispiace di aver insistito, ma ad oggi grazie alle terapie che mi hanno prescritto ho risolto dolori dovuti alla divertiicolite, ma il dolore all addome destro resta, anzi aumenta, per questo chiedevo un parere.

Ringrazio il Dott. Bacosi per la pazienza e la professionalità dimostrata ed anche le persone che gestiscono questo sito.

Ci rileggeremo sicuramente quando avrò trovato una soluzione, arrivederci e di nuovo grazie.

[#17]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non se la prenda ma diagnosi e terapie a distanza sono pericolosissime!
Chi le fa non è professionale!
Cordialmente!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#18] dopo  
Utente
La soluzione al problema non l'ho ancora trovata, ma sto andando avanti.
Il dolore non é mai passato del tutto, anche se assumo ancora mesalazina ed antibiotico una volta al mese (per 5 giorni).
A metà settembre ho effettuato un ecografia intestinale con il seguente esito:
Discreto ispessimento pluristratificato delle pareti coliche in prevalenza lungo il tratto discendente(mm4) ed il sigma (mm 3,6) con discreta prevalenza della componente sottomucosa emodico incremento della vascolarizzazione parietale al colordoppler. Ispessite anche le pareti dell'ultima ansa ileale (mm3,5) con scarso incremento dei segnali vascolari parietali. Il reperto va necessariamente valutato con esame endoscopico e prelievo bioptico per escludere una condizione infiammatoria cronica intestinale.

Ho effettuato quindi la seconda colonoscopia venerdì, ma purtroppo anche in questo caso non sono riusciti a progredire con lo strumento e non hanno effettuato biopsia, vi scrivo l'esito:

Negativa l'ispezione della regione anale e l'esplorazione digitale del retto. Pulizia intestinale discreta, esplorazione condotta fino al trasverso. In tutti i tratti esplorati assenza di lesioni stenosanti, aggettanti o infiltranti il colon, compatibilmente con lo stato di preparazione intestinale. Presenza di diverticoli a piccolo e medio colletto di impianto localizzati a livello del sigma, con edema peri viscerale e angolatura del viscere.


Adesso il mio GE, che in poche parole mi ha spiegato, che sono davanti a due ipotesi cioè ho una diverticolite non trattabile con farmaci, quindi gestibile solo con operazione, oppure una m.i.c.i , in particolare crohn ma riscontrabile solo con biopsia, vorrebbe fare un nuovo esame fra due settimane, il clisma opaco a doppio contrasto.

Ho letto di quest'esame, e chiedo un opinione, meglio il clisma opaco o colonscopia virtuale? Grazie in anticipo.

[#19]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Nel sospetto di Crohn, meglio il clisma!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#20] dopo  
Utente
Effettuato da poco visita con il GE per il clisma che avrei dovuto effettuare giovedì 24 c.m., ma dopo palpazione dell'addome ha cambiato idea e ha deciso di effettuare sempre per il 24 una entero tc.

Da quello che ho letto sembra un esame molto simile al clisma, ci sono differenze?

Scusate, ma ho cercato di chiedere al mio medico ma é stato evasivo, grazie anticipatamente.

[#21]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non sono assolutamente esami simili!
Spiegarne la differenza sarebbe assai lungo!!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#22] dopo  
Utente
Ho effettuato la entero tc, vi riporto esito:
Indagine eseguita con distensione idrica del tenue e del colon per via orale con ipotonizzante e con acquisizione mono faccia paretografica intestinale , con necessità tuttavia di acquisizione tardiva a bassa dose per iperdensita colica luminale focale da subottimale pulizia intestinale.

Non segni TC di malattia infiammatoria cronica del tenue e del colon destro fino alla flessura , ben disteso dal mdc acquoso isotonico. Colon di sinistra e digiuno subottimalmente distesi.
Rilievo tuttavia di dolico sigma con punto di inflessione pre vertebrale anteriormente al soma Di L4, appena anteriormente al decorso dell'AMI, con minimo focale iper incremento parietale a tale livello, nella norma i rimanenti repei con buona visibilità dell ultima ansa e della valvola ileocecale, senza alterazioni delle morfologie dell"enchment paretale , nei limiti di accuratezza della metodica.
In base alle visioni delle immagini di indagini precedenti del luglio 2013 che mostra chiaramente ascesso paracolico da perforazione del sigma in prossimità della massima altezza del punto di inflessione colica, in caso sia necessaria, per il clinico curante, una valutazione della presenza assenza fi diverticoli e della morfologia colica, appare necessaria, salvo contrario parere del curante, integrazione con colonoscopia virtuale.

Il GE che mi ha in cura mi ha prescritto iniezioni di glazydim per 5 giorni, mesalazina mattina e sera, fermenti lattici vivi e metrodinazolo, per tre settimane, al termine effettuerò colonoscopia virtuale.
ho chiesto molte volte dei ragguagli sull esito della entero TC e sul perche della colonscopia virtuale, e sebbene mi abbia risposto più volte, non mi vergogno a dirlo, ma ci ho capito poco.
Vi terrò aggiornati.

[#23]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
per darle una risposta seria occorrerebbe aver visionato le immagini!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#24] dopo  
Utente
Potrebbe solo spiegarmi cosa vuol dire AMI "appena anteriormente al decorso dell'AMI".
All'esito della colonscopia virtuale, posterò novità.

Grazie per l'attenzione e buon lavoro.

[#25]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Arteria Mesenterica Inferiore.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia