Utente
Gentile Dottore,

a marzo scorso mi è stata riscontrata, durante una colonscopia, una diverticolosi del sigma. da oltre un mese ho delle crisi dolorose, a volte più acute a volte solo indolenzimento al basso ventre. a volte è coinvolto anche con qualche dolorino lo stomaco. ho fatto un cicli di cura con normix e duspatal. ma sembra che la sintomatologia sia un pò anarchica. una crisi è seguita da una remissione e poi una crisi più o meno significativa (il tutto accompagnato da stipsi ricorrente).

la domanda è: può una infiammazione ai diverticoli portare a questa sintomatologia un pò cronica e un pò intermittente? devo fare altre indagini? e di che tipo?
il sintomo più antipatico è appunto questa dolenzia generale all'addome, tra ombelico e vescica prevalentemente.

La ringrazio molto e la saluto cordialmente

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
se non ha febbre e'improbabile si tratti di diverticoli.Farei altri accertamenti,su indicazione del suo medico.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente

Gentile Dottore,

volevo solo aggiungere che durante le crisi ho solo un leggero rialzo termico, si tratta di decimi.


purtroppo prima di settembre il mio gastroenterologo di riferimento non rientrerà, io vivo a Napoli.

può essere utile in attesa della visita una ecografia addominale?

quali sono i riferimenti essenziali per la dieta?

mi scuso del disturbo e cordiali saluti




[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No, farei prima la visita e poi eventuali accertamenti o indicazioni dietetiche.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente

Gentile Dottore,

La aggiorno rispetto al mio sintomo CHE SIA PURE CON MINORE INTENSITA' PERMANE OGNI 4 / 5 GIORNI PER UNA GIORNATA O DUE. CHE ALTRO POSSO FARE?
LA RINGRAZIO CORDIALMENTE

ho effettuato visita medica, Gastroenterologo, con esami prescritti: ematici (VES, proteina C reattiva, sideremia, ferritina, emocromo e formula) tutti risultati normali.

poi gli esami seguenti dei quali mi permetto di trasmettere il referto completo

ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO
Esame ostacolato dal marcato meteorismo intestinale.
Fegato, in sede anatomica, di dimensioni nei limiti (dl lobo dx 142mm), a margini regolari e ad ecostruttura
parenchimale disomogenea ad echi fini e stipati (Bright liver), senza attenuazione del fascio posteriore, come
da steatosi di grado lieve-moderato.
Al VI segmento si apprezza piccola formazione anecogena di aspetto cistico di 9mm.
Vie biliari intra ed extraepatiche non dilatate.
Colecisti di forma normale, a pareti non ispessite, alitiasica.
Vene sovraepatiche con flusso epatofugo.
Vena porta di calibro e decorso regolare, con flusso epatopeto.
Pancreas visualizzato solo in parte per interposto meteorismo, appare nei limiti, senza ectasia del dotto di
Wirsung nel tratto esplorabile.
Milza in sede anatomica di normali dimensioni (dl 98mm), ad ecostruttura omogenea.
Reni in sede, di dimensioni nella norma (dl rene dx: 102mm, dl rene sn: 116mm), a margini regolari.
La quota parenchimale è ben rappresentata ed il rapporto cortico-midollare è nella norma per l’età.
Non evidenza di calico-pielectasie in atto né di formazioni litiasiche a risoluzione ecografica.

Armonica appare la vascolarizzazione intraparenchimale arteriosa e venosa.
Vescica distesa (vol. di riempimento: 526ml) a pareti non ispessite, a contenuto omogeneo.
Prostata in sede, di dimensioni lievemente aumentate (dap: 37mm x dt: 48mm x dl: 41mm; vol. 38ml v.n. <
30ml), ad ecostruttura disomogenea con calcificazioni periuretrali e adenoma del lobo medio di 22mm.
Lo studio post-minzionale ha evidenziato un residuo di: vol. vescicale post-minzione: 28ml, con percentuale di
svuotamento del 94%.

ECOGRAFIA DELL’ULTIMA ANSA ILEALE
L’ultima ansa ileale valutata in fossa iliaca destra presenta uno spessore di circa 3mm (v.n. <3mm), con
peristalsi valida. La stratificazione parietale è conservata.
Non evidenza di zone di ipervascolarizzazione al controllo color Doppler.
Il grasso mesenteriale appare omogeneo; non evidenza di significative linfoadenopatie mesenteriali.
Non evidenza di falde fluide tra le anse.

[#5] dopo  
Utente

gentili dottori,

provo a riassumere la mia situazione e a farmi delle domande.
da un mese e mezzo circa ho delle crisi dolorose addominali periombelicali accompagnate da stipsi e intervallate da periodi (4 o 5 gg) di relativo benessere.
ho effettuato pochi mesi fa una colonscopia di controllo per poliposi che ha evidenziato diverticoli di media grandezza al sigma.
ho effettuato due cicli brevi di normix e duspatal (una decina di gg in tutto) su indicazione del mio gastroenterologo fuori sede.
sono poi stato visitato da un altro gastroenterologo che mi ha invitato a fare una eco intestinale e prove ematiche (ves, proteina c, etc.)
questi esami non hanno evidenziato nulla ma le crisi permangono, l'ultima tra stanotte e oggi.

sono ovviamente in ansia e in attesa di una nuova visita in settimana.

Le domande: può questa sintomatologia essere addebitata a infiammazione dei diverticoli? può poi questa situazione incrociarsi con la sindrome del colon irritabile?
può esserci stata una sovrapposizione virale che ha scatenato il tutto?

rimango in attesa di una gentile risposta

grazie





[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Certo, considererei il colon irritabile tra le ipotesi piu' verosimili, meno i diverticoli pur non potendo escludere cause extraintestinali. Se il problema è il colon irritabile la terapia e la dieta vanno personalizzate. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Utente


Gentile Dottore,

rispetto ai disturbi che ho la diagnosi che mi è stata fatta è: sigmoidite cronica in portatore di diverticolosi colica e stipsi.

ho iniziato nuova terapia: humatin per 7 gg poi codex per 7gg poi 15 gg di policol; il tutto per due mesi. più un fluidificante feci.

queste piccole coliche si ripetono comunque ogni tre o quattro giorni e quando non c'è dolore c'è indolenzimento zona ombelicale, prevalentemente inferiore


Lei accennava anche ad altre direzioni di indagine, quali?

se disturbo cronico c'è speranza che si distanzino le crisi ?

e' una situazione che mi crea parecci problemi anche nell'attività diurna
che altro posso fare?

La ringrazio comunque dell'attenzione e Le invio i più cordiali saluti

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
In questo caso la diagnosi è posta, si tratta solo di vedere se la terapia è efficace o va modificata dal collega che la segue. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente

gentile Dottore,

nonostante stia facendo terapia prescrittami (humatin, codex e pentacol 800 ) continuo ad avere coliche addominali con qualcche giorno di relativa normalità (a volte un piccolo rialzo termico intorno a 37).

non so cosa fare. mi è stata fatta la diagnosi di sigmoidite cronica in soggetto portatore di diverticolosi colica. ma i dolori dipendono dai diverticoli o dall'infiammazione del sigma? è normale un andamento del genere? devo aspettare i due mesi di terapia prescrittami per apprezzare i risultati?


mi scuso per l'insistenza e per lo sfogo, ma in effetti sono esasperato da una sintomatologia persistente e che nessuno mi dice chiaramente che devo eventualmente accettare per la natura del problema


La ringrazio dell'attenzione e porgo cordiali saluti

[#10]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
La sintomatologia è compatibile con i sintomi e con la diagnosi. La terapia richiede un certo periodo per essere efficace.
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it