Utente
Salve a tutti vi racconto la mia esperienza..
Dopo un forte periodo di stress dovuto allo studio(notti a studiare,caffè a raffica) sono stato 15 giorni in vacanza e ho staccato la spina..di ritorno,a metà agosto,ho iniziato a soffrire di mal di testa dovuti all'abuso di aria condizionata coi sintomi di una cefalea e con un forte raffreddore,e in parallelo(condizionato dalla mia ansia per le malattie e probabilmente dallo stress di 2 mesi prima accumulato)ho iniziato a avere diarrea...
dopo 15 giorni di scariche(ma non frequenti,2-3 al giorno... cioè andavo in bagno normalmente ma facevo diarrea,ma non avevo mai urgenza di andarci) ho fatto 1 settimana di normix e pareva essere migliorata... poi di nuovo diarrea e un'altra settimana di cura con un altro farmaco che non ricordo... niente....sono passati 2 mesi e più...e intanto ho
fatto le analisi del sangue(in un altro consulto richiesto non c'è nulla di anomalo)
analisi parassitologiche delle feci,esami per la tiroide,celiachia,calcoproctina fecale(che il mio gastroenterologo ritiene il più importante),tutti negativi
mi è stato dato un antispastico credo,spasmomen,da prendere prima di dormire... per rilassare testa e stomaco..... all'inizio bene,meglio sicuramente con scariche alternate a giorni normali... poi,siccome mi sono laureato 15 giorni fa... di nuovo ansia,stress..e tanta diarrea.
Il mio gastroenterologo mi ha detto di fare il breath test per l'intolleranza al lattosio(cosa già riscontrata ma senza test 5 anni fa assieme a un reflusso gastrico che mi creava malessere dopo i pasti) ed è sicuro che sia colon irritabile + intolleranza al lattosio(mangio tanti,troppi latticini)
Quello che volevo chiedervi è :
I sintomi che più o meno regolarmente avverto da mesi(dolori addominali,a volte più in basso tipo inguine come se avessi una spina nella pancia che mi impedisce di tirare la pancia in dentro,stanchezza,bruciore di stomaco,diarrea liquida senza mai sangue) sono compatibili con il colon irritabile vero?Io non vi nascondo che da imbecille internauta molto spesso fissato con stanchezza e sintomi più o meno diversi ho fatto ricerche che fanno fissare e preoccupare su tantissime malattie(tumori,leuc)...e questo non fa altro ke accenturare i sintomi o farne nascere di nuovi(ho iniziato a palpare a vuoto dei linfonodi che non ci sono attorno al collo,sotto le ascelle...a cercare la milza...e ora ho dolori in quelle zone).
E poi,il lattosio oltre ai latticini è presente in altri alimenti?Non so..pasta,carne,legumi.... perchè anche nei periodi in cui non ho abusato di latticini ho avuto problemi in questi 2 mesi e mezzo...
GRAZIE DI CUORE...

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il colon irritabile non obbligatoriamente è correlabile con l'intolleranza al lattosio. Sarebbe comunque opportuno verificare la effettiva intolleranza al lattosio che potrebbe sommarsi al colon irritabile. Attenzione alla dieta ,limiti il caffè a un al giorno e abolisca il fumo se presente.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Dottore sono un atleta,gioco a basket da 12 anni(ho 25 anni adesso).. non ho mai fumato.
Il caffè l'ho eliminato da quando ho finito gli esami(fine giugno),proprio perchè ne temevo gli effetti sul mio stomaco.
I sintomi sono compatibili comunque con la sindrome del colon irritabile?
So che non sono correlabili... anzi credo che il colon irritabile nel mio caso sia più dovuto allo stress,all'ansia e al nervosismo(non a casa quando mi distraggo per un paio di giorni tra weekend fuori, lavoro e partite ho molti meno problemi e non ho diarrea) che mi portano diarrea liquida.... sicuramente l'intolleranza se effettivamente c'è è solo un motivo ulteriore del mio malessere,considerando che sono un noto amante dei latticini :)
Volevo solo sapere da Lei se i sintomi rientrano nella generale sintomatologia del colon irritabile....
la ringrazio vivamente per la risposta veloce...

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La mia risposta voleva significare che possa esistere sia una IBS che una concomitante intolleranza al lattosio.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
Ok Dottore,quindi Lei ritiene che la sintomatologia descritta possa essere riferibile a una IBS aggravata o meglio resa ancora più instabile da una intolleranza al lattosio?
IBS a sua volta alimentato sicuramente dalla mia ansia e dal mio essere altamente ipocondriaco? Non le nascondo che quando ho dolori di pancia anzichè pensare al colon e all'aria nell'addome penso subito a milza e fegato ingrossati e alle relative preoccupanti cose......

[#5] dopo  
Utente
A questa domanda ne aggiungo un'altra dottore...un altro sintomo che a fasi più o meno regolari mi ha perseguitato in questi ultimi 2 mesi e mezzo è il gonfiore/bruciore di labbra e a fasi abbastanza regolari anche di gola,oltre a una stanchezza assurda che però avverto solo a volte(ad esempio 2 giorni fa ho giocato e mi sentivo benissimo,oggi mi sento a pezzi)... sono sempre frutto dell'infiammazione/irritazione del colon?

[#6]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La sindrome del colon irritabile non è una malattia infiammatoria. La sintomatologia che descrive necessita di una visita gastroenterologica ,purtroppo senza non è possibile dare ulteriori pareri.
Dr. Roberto Rossi

[#7] dopo  
Utente
Il mio Gastroenterologo sostiene che io abbia il colon irritabile e sia un soggetto particolarmente ansioso, nervoso e che somatizza lo stress. Il test per l'intolleranza al lattosio è solo una sua ulteriore preoccupazione perchè ritiene che le due cose si siano accavallate e non mi abbiano aiutato a superare del tutto questa continua emissione di diarrea.
Le analisi sono uscite buone,sia del sangue(ottime credo, tranne linfo un pò bassi rispetto a 20 giorni prima,ma credo sia tutto regolare anche perchè appena sotto la soglia minima) sia sulle feci(dove la calcoproctina fecale a detta del mio dottore era la cosa più importante per escludere patologie abbastanza serie).
In ogni caso,è POSSIBILE per un soggetto come me avere 2 mesi e mezzo di diarrea(interrotti da 10-15 giorni non continui di feci normali) per il solo colon irritabile?Io leggo di persone che hanno questo problema per anni...
Da Lei volevo solo sapere se l'equazione diarrea per più mesi = malattia non è vera..... e questo dubbio di sicuro non aiuta il mio equilibrio psicologico....
PS la ringrazio di cuore

[#8] dopo  
Utente
Io leggo di gente che ha diarrea da anni addirittura.....

[#9]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
È possibile,ma la diarrea potrebbe avere altre cause ed è per questo motivo che deve sentire un eventuale ulteriore diverso parere.
Dr. Roberto Rossi

[#10] dopo  
Utente
Lei ritiene che il parere del mio gastroenterologo non sia sufficiente?Cioè,lui mi ha detto dopo due visite(palpazione alla prima,palpazione e valutazione analisi svolte la seconda)che è colon irritabile. Ora vuole capire un eventuale ruolo di una presunta intolleranza al lattosio.
Cosa devo temere,Dottore?Mi ha un pò preoccupato...... non ho capito se ho frainteso io,ma Lei mi dice di rivolgermi a un ulteriore dottore?

[#11] dopo  
Utente
Salve Dottore,un aggiornamento.
Ho effettuato il breath test per l'intolleranza al lattosio. Paziente notevolmente ipolattasico(capacità lattasica 20%).
Era giusta la diagnosi quindi?Questo cosa vuol dire adesso?

[#12]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Significa che l'enzima deputato a scindere il lattosio è poco rappresentato. Quindi significa che esiste intolleranza al lattosio.
Dr. Roberto Rossi