Utente
Salve ,sono un ragazzo di 25 anni e da almeno un anno ho problemi intestinali con diarrea alternata a stitichezza con feci caprine.Da circa 6 mesi avverto anche mucorrea a volte bianca a volte giallognola ma anche marroncina e vorrei sapere se questo colore marrone rientra nella norma con l'evacuazione? in particolare oggi prima di espellere feci con muco marroncino ho avvertito fastidio nel basso addome a destra ,e mi capita purtroppo di notare chiazze di sangue nella carta igienica a volte chiaro a volte sembra piu scuro .Che cosa potrei avere ?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Tale variabilità nel colore delle feci, o del liquido fecale, rientra nella norma ed un sanguinamento sulla carta igienica, potrebbe essere di origine emorroidaria. Ovviamente é da confermare con visita specialistica.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore Cosentino se ancora non l'ha scoperto le dico che sono quel ragazzo che l' ha stressato nel corso dell'estate (quello con la spina bifida) e mi scuso con lei per il fatto che il precedente consulto si sia chiuso in maniera brusca comunque vorrei affrontare con lei alcune tematiche:ieri sera ad esempio ho mangiato una pizza margherita e circa un'ora dopo ho iniziato ad avvertire dolore di stomaco ,gonfiore di stomaco ,e dolore crampiforme nel basso addome sia a destra che a sinistra ma anche centralmente,il dolore di stomaco è andato via dopo qualche eruttazione mentre nella notte ho avuto una evacuazione di feci all'inizio solide e poi diarroiche gialle miste a muco e pezzettini rossastri (sembrerebbe salsa di pomodoro visto che riuscivo a spostarli e avevano aspetto solido al contrario del sangue che penso dovrebbe essere liquido anche se non posso escludere possa essersi trattato anche di sangue perchè non ho controllato che tutte le macchie rosse che vedevo avevano aspetto solido o liquido) in ogni caso erano molto piccole queste macchioline rosse e comunque anche il dolore addominale si è attenuato dopo evacuazione e lo avverto leggermente anche ora ma solo se tocco l'addome con la mano o se faccio movimenti bruschi (ieri invece avevo difficoltà a camminare e ho temuto un attacco di appendicite).Ho accennato questi miei sintomi a una mia zia medico stamattina la quale mi ha abbastanza tranquillizzato sulla improbabilità di una neoplasia (è oncologa e mi ha detto che se avessi una neoplasia a quest'ora non starei a parlarne come mi aveva gia detto lei un mese fa) ma sospetta una colite ulcerosa da trattare con anti infiammatorio intestinale ( mi ha consigliato lasacol) lei cosa ne pensa? inoltre vorrei chiederle : lei in passato mi ha detto che le minime tracce di sangue non devono destare preoccupazione e le vorrei chiedere perche? nei prossimi giorni effettuerò un prelievo di sangue per il controllo dell'emoglobina, VES ecc e farò la calprotectina fecale e la terrò aggiornata.cordiali saluti e mi scuso se mi sono troppo dilungato.Ps sono aumentato di peso al contrario di quanto le avevo detto in passato nel precedente consulto, non avverto stanchezza se escludiamo una lieve sonnolenza dovuta al fatto che con i crampi addominali non sono riuscito a dormire bene,nessuna nausea anzi mangio anche piu di prima e ci tengo a precisare che il sangue a volte lo avverto da solo senza feci in piccole quantità e a volte misto alle feci o pulendo con la carta igienica.

[#3] dopo  
Utente
aggiungo anche che a volte e da qualche settimana ho difficolta anche nella minzione

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Rispondo dicendo, come altre volte, che i sintomi sono da colon irritabile, che non ci sono gli estremi per parlare di colite ulcerosa, che quello che ha visto nelle feci sono residui alimentari e che piccole tracce ematiche (alla luce dei precedenti esami endoscopici negativi) nelle feci o nel water possono essere imputate alle emorroidi.

Con questo ritengo di aver esaudito e concluso tale consulto. Ne abbiamo parlato a lungo dei suoi problemi, ma si ritorna sempre sullo stesso punto. Cerchi di comprendere se non avrà più risposta ad eventuali suoi ulteriori quesiti.


Cordiali saluti



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente
dottore può anche non rispondere ma ci tengo a fare alcune precisazioni:io NON ho mai eseguito esami endoscopici in merito al problema ,e mi risulta che raramente nel colon irritabile si verificano episodi diarroici notturni e che soprattutto il medico di base sospetta seriamente una colite tanto da ritenere utile la prescrizione dell'asacol per 3 mesi .Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Allora se non ha mai eseguito esami endoscopici e si sospetta una colite, da trattare con mesalazina, ritengo che il medico che le ha prescritto il farmaco debba indicarle una Colonscopia. Il trattamento con mesalazina deve essere mirato ad una patologia certa, ossia diagnosticata endoscopicamente.





Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente
Gentile dottore ,innanzitutto vorrei scusarmi con lei e con i suoi colleghi attivi in questo sito ai quali ho dato noie con richieste che portavano sempre allo stesso punto ma purtroppo sono un soggetto estremamente ansioso e potrà ben capire che quando ho scoperto di avere un deficit importante di vitamina D3 che puo aumentare il rischio di una neoplasia del colon e soprattutto dopo aver scoperto di avere una dilatazione del rene che può essere stata causata proprio da questa neoplasia sono entrato nel panico più totale avendo diversi casi di parenti con problematiche del colon tra cui uno zio di primo grado al quale hanno diagnosticato un polipo sotto i 40 anni di età.
Detto questo nei prossimi giorni farò una ricerca di sangue occulto nelle feci per accertarmi se ho a che fare con tracce ematiche oppure no e farò un prelievo di sangue e una ecografia addominale,se ci fosse poi la necessità effettuerò una nuova visita gastroenterologica per valutare la necessità della colonscopia alla luce della sospetta colite (non ho ancora iniziato ad assumere asacol) posso tenerla aggiornata in caso di novità importanti? teme che stia facendo esami inutili e che la soluzione sia la colonscopia? cordiali saluti

[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Vada avanti con gli accertamenti, indicati dal gastroenterologo, e ci aggiorni SOLO per novità importanti.


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#9] dopo  
Utente
Gentile dottore la contatto per aggiornarla sul mio problema perche credo di essere giunto a delle conclusioni e vorrei discuterne con lei .
Ieri sera ho iniziato ad avvertire un fastidio/bruciore di cui non riuscivo a capirne la provenienza (ero indeciso se fosse di provenienza anale o dall'addome inferiore) e un paio di ore dopo mi sono recato in bagno e dopo essermi pulito con la carta igienica (pur NON avendo evacuato feci) ho notato i soliti 4 puntini di sangue e stamattina sempre senza evacurare ho notato un'altra macchiolina di sangue rosso vivo sulla carta igienica e non è nemmeno la prima volta che mi capita una sitazione di sanguinamento sulla carta igienica senza feci ma si è verificato anche nei mesi scorsi in un paio di occasioni.
Alla luce di questo quindi vorrei chiederle se questo tipo di sanguinamento è di natura ano-rettale ( e quindi ragadi o emorroidi) o può anche provenire da parti più alte (colon)? e vorrei chiederle inoltre se questo tipo di sanguinamento può ,in fase di defecazione,confondersi e mischiarsi con le feci e simulare quindi un sanguinamento dal colon pur essendo causato da emorroidi o ragadi?
cordiali saluti

[#10] dopo  
Utente
gentile dottore potrebbe rispondermi per cortesia? capisco che magari per lei è sempre la stessa storia ma vorrei solo capire se effettivamente alla luce di questo tipo di sanguinamento si puo parlare di emorroidi o no.

[#11] dopo  
Utente
Gentile dottore per fortuna posso finalmente dirle che aveva ragione sul mio problema e che la diagnosi confermata è patologia emorroidaria ,il sangue infatti è esterno all'ano e le feci sono nella norma ,ho fatto anche la ricerca del sangue occulto di tipo immunologico esito negativo (mi sono accorto solo dopo che non avrei dovuto farlo con emorroidi sanguinanti in corso) secondo lei posso comunque considerarlo valido?lunedi farò il prelievo ematico per controllare emoglobina.cordiali saluti

[#12] dopo  
Utente
Gentile dottore le scrivo per tenerla aggiornata sulla mia problematica avendo aggiornamenti importanti almeno secondo me.
Lunedi scorso infatti riprendendo a frequentare l'Università ho ripreso a fare più movimento fisico e camminando di più ho notato che riesco ad evacuare anche più frequentemente anche tutti i giorni anche 2-3 volte al giorno specie dopo i pasti e le evacuazioni sono abbastanza normali almeno rispetto al passato dove avevo solo feci caprine o diarrea.Tuttavia tutto questo mi ha provocato il solito sanguinamento sulla carta igienica e striature sulle feci rosso vivo,dolore durante evacuazioni e anche dopo per pochi minuti,e in particolare secondo mia madre ci sarebbe vicino all'ano una vera e propria escoriazione che mi crea dolore in effetti.A questo punto ,essendo praticamente certo di poter escludere ipotesi infauste le vorrei chiedere:Che cosa posso fare per curare questo problema? mi devo rivolgere al medico di base o a un colonproctologo per una diagnosi certa o posso andare a colpo sicuro e applicare farmaci sulla zona interessata ed eventualmente cosa mi consiglia di applicare?posso assumere lassativi nel frattempo che si sana la pelle?

[#13] dopo  
Utente
Gentile dottore Cosentino finalmente sono riuscito a trovare la causa dei miei sanguinamenti anali.Stamattina infatti,su suggerimento del medico di base ho effettuato una visita da un chirurgo la quale (era una donna) ha potuto escludere emorroidi esterne e ragadi anali e ha diagnosticato una piaga da decubito verosimilmente causata dal prolungato allettamento a causa di una frattura che mi sono procurato un anno fa e aggravata dalla mia vita sedentaria e mi ha prescritto delle gharze e una pomata.Arrivato a questo punto vorrei chiederle :visto che le piaghe e l'arrossamento riguarda proprio l'area anale con una screpolatura della pelle, è normale secondo lei che questa situazione possa creare striature di sangue rosso vivo anche sulle feci ?mi consiglia comunque di consultare un proctologo? sperando in una sua cortese risposta e informandola che la sua ipotesi di colon irritabile con alterata motilità è stata cofermata dal gastroenterologo che mi segue le porgo cordiali saluti e mi scuso x averla disturbata per 4 mesi ma purtroppo leggendo su internet ho letto le cose più disparate sui miei problemi e mi sono decisamente preoccupato

[#14]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Consulti il proctologo .....


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#15] dopo  
Utente
Gentile dottore grazie per la risposta effettuerò la prenotazione per la visita proctologica nei prossimi giorni ,vorrei concludere il consulto chiedendole gentilmente una cosa che riguarda mia nonna e ne approfitto senza aprire un nuovo consulto nella speranza di non violare le linee guida:Dunque ,lunedi scorso mia nonna di 80 anni si è sottoposta a gastroscopia a causa di frequenti dolori di stomaco e l'esame ,eseguito con mia nonna pienamente cosciente ,ha segnalato la presenza di una gastrite,per curarla le hanno prescritto dei farmaci e le hanno detto di non bere alcolici ,caffè e non mangiare spezie e cibi pesanti.Quello che volevo chiederle a questo punto è: cosa potrebbe mangiare per attenuare i sintomi? cordiali saluti

[#16]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ecco gli accorgimenti dietetici ...

https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it