x

x

Infiammazione intestinale

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Salve, mia figlia di 4 anni (Peso 20 Kg, H 105cm) soffre da un mesetto di problemi intestinali. Inizialmente ha avvertito dolore all'ano (non riusciva ad evacuare). Dopo visita pediatrica abbiamo eseguito esami Emocromo, VES, Sangue occulto feci, QPE, Potassio, Sideremia, Ferritina, Calprotectina Fecale, Antitransglutaminasi, EMA. GLi esami sono tutti negativi (o piu' o meno nel range corretto) tranne uno, la Calprotectina Fecale (valore 25. Valore max di negativita' 15). Da una visita chirurgica le e' stato diagnosticato ipertono sfinterico anale. Terapia eseguita Dilatan + crema Dilatan per circa 20/25 giorni. A valle di cio' sono scomparsi i dolori e l'evauazione (ad oggi) precede normalmente. Nel contempo stiamo somministrando Dicopeg. Il fatto e' che dopo una settimana di cura con dilatatore Dilatan abbiamo ripetuto la Calprotectina, rilevando un valore di 18 (rispetto a 25 precedente la terapia). Ma dopo circa altre 3 settimane (nelle quali la bambina non ha piu' avuto dolori legati all'evacuazione) di Dilatan, la Calprotectina e' esplosa a 62. Si lamenta ogtni tanto con dolori addominali, che puntualmente scompaiono dopo l'evacuazione (che avviene sempre con feci normali, mai diarrea). Abbiamo anche eseguito 5 ecografie, nel tempo (circa 12/14 mesi) risultate tutte negative (solo piccoli linfonodi mesenterici subcentimetrici tra le anse intestinali). A valle di questa breve storia clinica vorrei un consiglio/indicazione sull'andamento di questa proteina, se per l'eta' che ha (4 anni) e' normale che abbia valori fuori range, ed inoltre su quali indagini effettuare per indagare maggiormente sulla causa di questa infiammazione evidenziata dal valore della Calprotectina. Anticipatamente ringrazio, Giovanni Francesco Ing. Vorraro
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28.8k 519 63
SInceramente i valori dellaCalprotectina non mi sembrano eccessivamente elevati,
nè consentono di immaginare colopatie infioammatorie che andrebbero evidenziate con esami storici come il sangue occulto ed altro,
oltre alla fondamentale visita diretta gastroenterologica.

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della risposta. Il fatto e' che il pediatra, vedendo il valore della Calprotectina ed il range di riferimento (che riporto di seguito) del laboratorio, teme in una MICI, ed ha consigliato anche una visita dal gastroenterologo.

< 15 negativo
tra 15 e 60 infiammazione acuta
> 60 alto grado di infiammazione
[#3]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28.8k 519 63
Mi spiace,
ma ritengo che la sola Calprotectina
non basti a sospettare una MICI.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Egr. dott. Quatraro, ad oggi lo stato della bambina si e' normalizzato allo stato pecedente (diciamo "normale") questo periodo. Ho letto che alcuni sintomi delle infiammazioni intestinali MICI possono essere sangue occulto feci, sangue visibile ad occhio sulle feci, emissione di sangue senza feci, diarrea, tenesmo, inappetenza, perdita di peso, dolori addominali, febbre, vomito, etc. Dal momento che nessuno di questi sintomi, sia durante il periodo di dolore all'ano che ad oggi, e' presente, e dal momento che anche gli altri esami di laboratiorio fatti nel momento di massimo dolore all'ano quali Emocromo, VES, QPE, Sangue occulto feci, Potassio, Sideremia, Ferritina, Antitransglutaminasi, EMA, sono risultati negativi, mi chiedo se con il solo valore della Calprotectina fecale (ho letto che il suo valore puo' essere inficiato anche solo dal muco ingerito dal bambino nell'intestino prodotto da un'affezione alle vie respiratorie alte, venendo espulso tramite le feci, generando cosi un falso positivo) diciamo "non in linea con il range di riferimento del laboratorio" e' consigliabile e/o necessario un esame endoscopico (rettoscopia/colonoscopia) di approfondimento, tenuto conto anche della sua invasivita' su una bambina di 4 anni, oppure altra indagine/terapia meno invasiva con conseguente controllo periodico della Calprotectina. Un punto di vista su questo punto, esterno al nostro, sarebbe molto importante. Anticipatamente ringrazio. Ing. Vorraro
[#5]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28.8k 519 63
Coerentemente con quanto le ho già scritto,
la sola Calprotectina non è sufficiente per sospettare una MICI,
pertanto non è ragione sufficiente per porre indicazione alla colonscopia.