Utente
Buonasera, cercherò di essere il più preciso possibile.

Da circa cinque settimane soffro di problemi allo stomaco e all'addome. In estrema sintesi, mi sveglio al mattino con un forte senso di pesantezza, durante il giorno ho continui "gorgoglii" allo stomaco, non appena mangio ho immediatamente lo stimolo ad evacuare, la pancia si gonfia a dismisura, ho spesso diarrea e sempre (da 5 settimane, prima quasi mai) feci molli. Non ho mai bevuto, nè fumato, svolgo quotidianamente attività fisica e non assumo farmaci, nè ho patologie particolari,a parte una prostatite tenuta sotto controllo da qualche anno. Mai avuti problemi simili prima. Ovviamente ho azzerato i cibi " rischio" (caffè, piccante, etc.) che ammetto di aver utilizzato spesso prima. Riconosco anche l'esistenza di un periodo "stressante" dovuto a varie cause (lavoro, soldi, etc.), anche se ORA il maggior motivo di stress è proprio questo malanno che non passa e di cui non si capisce la natura.

Il mio medico di base mi ha fatto sottoporre a
-esame feci (tutti negativi: sangue occulto, coprocultura, ricerca parassiti)
-una gastroscopia (negativa, no helicobacter, esofago regolare, cardias continente, ok secreto chiaro a digiuno, mucosa gastrica normale, piloro pervio e simmetrico, bulbo duodenale e seconda porzione indenne da lesioni, biopsie duodenale e gastriche ok, NO reflusso, anche se storicamente ne soffro ma in modo asintomatico)
-una ecografia addome completo (tutto normale (reni fegato, colcisti, vie biliari) a parte un esteso meteorismo)

A seguito di queste analisi però, non è stata formulata alcuna diagnosi "precisa". Mi sono stati prescritti RIFACOL 2 compresse x 6 giorni e DUSPATAL 2 compresse x 30 giorni che non hanno dato il benchè minimo beneficio (il primo, almeno, il secondo lo sto ancora prendendo). Anzi, direi che la situazione è quasi peggiorata.

Le mie domande sono:

-Cosa può essere?
-Se ha senso farsi prescrivere una COLOSCOPIA (i tempi di attesa via ssn sono molto lunghi, purtroppo) e/o altri esami (sangue, altri meno noti)
-Se, esami attuali alla mano, si possono escludere patologie più gravi (2 casi di tumore fatale al retto in famiglia)
-Che tipo di approccio farmacologico consigliate (a spanne, almeno)

Spero in un vostro aiuto e vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non escluderei un'intolleranza alimentare, come il lattosio. Provi ad escludere tale zucchero dall'alimentazione per un certo periodo. Ovviamente sarebbe utile una valutazione gastroenterologica..

Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per il feedback.
Esistono esami per rilevarla o basta una prova "empirica"?
Il mio medico di base E' un gastroenterologo, ritiene sia necessaria una ulteriore visita specialistica?
Altre possibili cause? (Andando per esclusione)
Grazie.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Più eseguire il breath test al lattosio o anche escludere il lattosio dalla dieta per una settimane e valutare il risultato.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno, mi è arrivato l'esito dell'ultimo tra quelli che erano stati prescritti, la calprotectina, che è risultata "debolmente positiva" (valore 84).
Cosa vuole dire? Ci sono altri esami cui mi dovrei sottoporre o particolari terapie da intraprendere?

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Valore non significativo. Ha preso in considerazione l'intolleranza al lattosio ?

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Lo sto facendo, ho stilato un elenco di cibi "offlimits", ma di solito dopo quanti giorni di "non assunzione" si cominciano a vedere effetti positivi? Immediatamente? Perchè in questo caso tenderei a scartare quest'ipotesi (sono 2 giorni che seguo una dieta rigorosamente non a rischio).

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Almeno una settimana .....
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it