Utente 136XXX
Buongiorno. Vi scrivo per un problema che, ciclicamente, mi affligge da vari anni. Il bolo faringeo o, più precisamente, la sensazione di avere un bolo. Visite orl hanno escluso problematiche di pertinenza dell'otorino, quindi vorrei chiedere se questa sgradevole sensazione possa avere cause gastriche. Premetto che, paradossalmente, il sintomo scompare totalmente quando mangio e che deglutisco benissimo. Ho un buon appetito e non ho perso peso. Il sintomo non è presente la notte e non è costante. Essendo io molto ansioso ho iniziato anche a compiere un tic con l'epiglottide, sollevandola di continuo. Questo tic mi da una sensazione di stiramento dei muscoli del collo, oltre che un aumento dell'ansia. Quindi, per escludere cause gastriche, specie un eventuale reflusso, che esami posso fare?

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Da come descrive, ed avendo escluse problematiche ORL, la causa più probabile è che si tratti di un bolo "isterico" ossia su base ansiogena. Escludo problematiche gastroenterologiche.

Da considerare eventuali alterazioni dell'articolazione temporo-mandibolare con una visita dallo specialista gnatologo

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 136XXX

Grazie del consulto. La mia domanda deriva dal fatto di aver letto su internet che detta sensazione può, talvolta, esser data dal reflusso. Certo, su questa sintomatologia mi ci fisso parecchio ed è questo un periodo molto stressante per me. Sicuramente la componente ansiogena non mi aiuta nel risolvere la problematica e comunque, per quanto concerne l'articolazione temporo mandibolare ho il problema di "morsus inversus" diagnosticatomi dal mio odontoiatra di fiducia, insieme ad una palese malocclusione derivante da alcuni elementi dentari (molari) mancanti. A queste problematiche va aggiunto anche un bruxismo notturno. Però non comprendo come un problema della mandibola e dei denti possa incidere sulla sensazione del bolo faringeo.

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Quindi il disturbo è legato alla sua problematica temporo-mandibolare (per una contrazione muscolare).
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it