Utente
Buongiorno, dopo un lungo periodo (un paio di mesi) di disturbi gastro-intestinali (dispepsia, mal di stomaco, reflusso, globo in gola, stipsi, gonfiore, tachicardia, affanno), ho effettuato il test per la ricerca dell'helicobacter pilori sulle feci, che è risultato positivo. Specifico che - anche se a fasi alterne - sono anni che ho questi spiacevoli sintomi. Dalle analisi del sangue è risultato inoltre che ho i valori del ferro piuttosto bassi (ferritina 13.7, sideremia 59; MCHC 32 ma globuli rossi 4.4, emoglobina 13.7, MCV 98), ilresto era apposto a parte il valore degli eosinofili che da anni è sempre un po' altino (niente di che).

Il mio medico mi ha prescritto una cura di 7 giorni: 2 capsule di amoxicillina + 2 di un altro antibiotico + 2 di omeprazolo 40 mg mattina e sera.
Il farmacista mi ha consigliato di far precedere la cura con sei giorni di fermenti lattici lisati e farla seguire da ben 30 giorni di integrazione con saccaromices boulardii.

La prima domanda che le faccio è: è proprio necessario fare la cura antibiotica, ho letto pareri discordi a proposito e soprattutto il mio medico mi ha detto che non necessariamente sconfiggerò il battere e che anche se così fosse non è detto che i miei sintomi scompariranno.
Visto che tanti pazienti convivono pacificamente con l'helicobacter, non è forse indicato magari migliorare le condizioni di stomaco e intestino e del sistema immunitario? Ho paura che visto come sono messa, la cura antibiotica peggiorerà solamente la situazione (effetti collaterali etc). Faccio presente tuttavia che purtroppo c'è in precedente oncologico in famiglia: mio cugino è venuto a mancare lo scorso anno per un carcinoma al cardias.

Altra domanda: dovendo fare la cura, è corretta l'indicazione dell'utilizzo dei probiotici (prima e dopo e non durante?).

Inoltre, le chiedo: è necessario prendere omeprazolo o va bene anche pantoprazolo (ne ho delle scatole a a casa, del dosaggio di 20 mg).

grazie mille per le preziose indicazioni e complimenti per il servizio che offrite

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
L' eradicazione è auspicabile
Per la familiarita' e i sintomi farei una gastroscopia.
E' indifferente quale inibitore di pompa utilizzare.
E' corretto assumere i probiotici, eventualmente anche durante la terapia
Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore. Il mio medico mi ha detto così: facciamo la cura, aspettiamo un mese e ripetiamo l'esame e nel frattempo vediamo se i sintomi si attenuano. In caso contrario procediamo alla gastroscopia.
Lei pensa che io possa avere un cancro?

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No. Bene
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Meno male!!
Grazie ancora e buona giornata

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Favara, oggi è l'ultimo giorno (il settimo) della terapia antibiotica (amoxicillina + claritromicina) per l'eradicazione del Helicobacter. La sto tollerando ebene e direi che i sintomi che avevo in precedenza si sono di molto attenuati. Addirittura, nonostante l'antibiotico, il mio alvo è migliorato! Dovrò proseguire solo con l'IPP per un'ulteriore settimana. Ho letto qua e là su Internet che esistono dei protocolli ben più lunghi ed articolati.
Quindi le chiedo:
1) perché questa prescrizione così "blanda" (leggo ce in molti casi è insufficiente a sconfiggere il batterio).
2) E' il caso che prosegua con l'antibiotico ancora per qualche giorno o non ha senso? (ovvero faccio la terapia così come prescritto e vedo se ha fatto effetto o meno)
3) Il medico mi ha detto che l'eventuale eradicazione va controllata almeno dopo 30 giorni dalla fine della terapia. Con quale test?
4) Ha senso secondo lei cercare di 'rafforzare' la cura con rimedi naturali? In farmacia mmi hanno parlato di estratto di semi di pompelmo + probiotici (saccaromices boulardii). Nel caso, posso iniziare a prenderli subito, anche contestualmente all'IPP?
Grazie infinite

Saluti

[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Eseguirei solo la cura prescritta.
Eventualmente puo' aggiungere probiotici.
Tra almeno un mese breath test per hp. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Favara, la aggiorno sulla situazione. Purtroppo dopo 3 mesi dalla fine dalla terapia antibiotica e dopo tutto un iter di 'supporto' con integratori (probiotici e fitoterapici) ho rifatto l'esame per la ricerca del HP sulle feci ed è risultato nuovamente positivo. Mi sono rivolta quindi al mio curante che mi ha prescritto la medesima terapia già effettuata qualche mese fa, stesso schema, stessi antibiotici e stessa durata. Ho obiettato che forse, visto il fallimento del primo ciclo, sarebbe opportuno modificare qualcosa, la sua risposta è stata 'no'.
Lei cosa ne pensa?

Grazie mille
Saluti

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
O esegue un ciclo con farmaci diversi oppure una gastroscopia con biopsie ed antibiogramma per una terapia mirata.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente
Infatti, mi toccherà rivolgermi a qualcun'altro visto che lui è stato perentorio e si è perfino infastidito delle mie obiezioni.

Grazie ancora
Saluti

[#10] dopo  
Utente
Gentilissimo dott. Favara, perdoni l'insistenza... lei ha la possibilità di indicarmi qual'e' lo schema corretto e gli antibiotici giusti per la terapia dell hp in 'seconda battuta'? Mi permetto ancora una domanda. Il test sulle feci è attendibile oppure è preferibile il breath test? Quest'ultimo dà anche informazioni sul livello della carica batterica? E relativamente a questa, deve essere necessariamente pari a zero oppure c'è una soglia accettabile?
Grazie infinite per la pazienza e la disponibilità.

[#11]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Esistono diversi schemi da valutare con il singolo paziente.
Meglio il breath test.
Non sulla carica batterica.
Prego
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it