Utente
gentili dottori, ho 23 anni e scrivo per avere chiarimenti su una sospetta ibd.

il tutto è iniziato nell'ottobre 2017 quando, in seguito a forti e improvvisi dolori all'addome, mi sono recata in ps dove sono stata ricoverata e operata di appendicite in giornata (globuli bianchi 16800). ma forse non era proprio appendicite.

riporto il decorso postoperatorio:
comparsa in i giornata di addominalgie diffuse, addome disteso, netto incremento della pcr, iperpiressia ed effettuazione
tc addome con mdc che rivelava coprostasi colica, ispessimento delle pareti dell'ultima ansa ileale a monte della valvola ileocecale ed esteso per un discreto tratto. l'ispessimento determina stenosi con notevole dilatazione delle anse a monte prevalentemente ileali. netto incremento della vascolarizzazione afferente compatibile con processo flogistico (morbo di crohn?). plurimi linfonodi di aspetto flogistico in sede ileo-colica e mesenteriale.
veniva contattato lo specialista gastroenterologo che suggeriva di potenziare la terapia antibiotica ma non riteneva certa la diagnosi di ibd.
in ii e iii giornata comparsa di edema permagno dei genitali esterni a verosimile genesi infiammatoria (si effettua sostituzione di catetere vescicale con uno latex free) e si posiziona sondino naso-gastrico.
dato i rilievi strumentali e l'assenza di infezione agli esami coprocolturali ed emocolturali, si inizia una terapia corticosteroidea con rapida risoluzione dei sintomi addominali e dell'edema genitale.
negativi tutti gli esami effettuati dopo consulenza infettivologica e reumatologica (hiv, hbc, hcv, coprocolture, emocolture, esame parassitologico delle feci incluso strogyloides, reazione di widal-wright, complemento frazione c3 e c4, immunoglobulina a, tas, anticorpi ena e ana).

mi hanno dimessa con una cura di prednisone e con una colonscopia il mese successivo:
inserzione dello strumento fino al cieco con successiva visualizzazione dell'ileo terminale. non si segnalano lesioni mucose dei tratti esplorati. l'ultima ansa ileale appare deformata con recessi pseudodiverticolari (esiti chirurgici?) in assenza di chiare lesioni mucose (eseguite comunque biopsie).
istologico: frustoli di mucosa ileale privi di alterazione istopatologiche di rilievo. frustoli superficiali di mucosa del grosso intestino con flogosi cronica di entità lieve, inattiva.

dopo questa bruttissima esperienza sono stata bene per circa 10 mesi tranne per una ragade anale posteriore che sto curando con dilatan. dopo circa tre mesi di diarrea alternata a stipsi, lievi dolori addominali e borborigmi continui, il gastroenterologo che mi ha visitata sospetta il colon irritabile anche se ritiene che la colonscopia è stata effettuata troppo vicino alla cura con cortisone. mi ha prescritto:
screening celiachia: negativo
calprotectina: 740

sono molto confusa perché ho ricevuto pareri discordanti, devo ripetere la colonscopia? può essere una ibd?

vi ringrazio molto per il servizio che offrite.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il sospetto di IBD è forte.
Farei una colonscopia con biopsie ultima ansa ileale presso un centro di riferimento per IBD.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la risposta. Volevo chiederle:

1) dopo 3 giorni dall'esame della calprotectina mi è venuta una forte influenza, principalmente febbre alta e mal di gola. Nessun disturbo particolare all'intestino.
Il valore alto può essere "falsato"?
Nel caso dopo quanti giorni mi consiglia di ripetere la calprotectina?

2) mi hanno già prenotato un ecografia addome completo e anse intestinali tra due settimane. (Prima di avere l'esito della calprotectina). utile o solo con la colonscopia posso togliermi oggi dubbio?

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) il mal di gola non influisce.

2) può essere utile ma la biopsia è fondamentale
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
In attesa dell'ecografia e della colonscopia che effettuerò appena possibile volevo sapere un suo parere.

Il mio gastroenterologo dopo le due settimane di ricovero e gli esami effettuati mi aveva detto che il morbo di Crohn (in genere) non si presenta con dolori improvvisi in stato di pieno benessere.

I miei sintomi di questi ultimi 3 mesi sono saltuari (gonfiore, diarrea non grave e solo diurna alternata a stipsi, forti rumori dall'intestino e lieve dolore principalmente al tatto). E calprotectina 740.

In anamnesi l'unica cosa che posso aggiungere è febbricola (ho sempre la temperatura intorno ai 37 ), leucocitosi incidentale agli esami ematici (negli anni passati ma senza sintomi), corda colica bilaterale alla palpazione dell'addome nel 2016.

possibile che gli esiti di TC e colonscopia siano stati aggravati dall'intervento subito rispettivamente il giorno prima della TC e un mese prima della colonscopia?

possibile che il Crohn si manifesti con sintomi come i miei?

So che rimarrebbero comunque ipotesi fino a quando avrò fatto le biopsie, ma penso che essere più razionale e non appoggiarmi a rassicurazioni sterili mi aiuterebbe ad affrontare con più coraggio la situazione.

La ringrazio molto

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il Crohn può presentarsi con tutti i sintomi da lei citati mescolati nei modi più vari.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore, volevo chiederle un altro chiarimento.

Durante il ricovero mi sono stati fatti anche questi esami:

Esami esternalizzati: tipizzazione molecolare a bassa risoluzione di HLA di classe I B
Conclusione diagnostica:
HLA di classe I: B35 e B51

Cosa vogliono dire? La ringrazio

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Sono antigeni leucocitari espressi da classi di istocompatibilità
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Indicano la presenza di qualche malattia?

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
A volte si associano ad alcune malattie.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Sono sempre più preoccupata. Mi sembra che il mio futuro mi si stia sgretolando davanti. Sono sempre stata abbastanza positiva ma ora vedo tutto nero.
Non ho capito molto le sue spiegazioni ma la ringrazio comunque di cuore per il tempo che mi ha dedicato.

Cordiali saluti

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se anche si trattasse di IBD, si può curare, non sia cosi catastrofica.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile amica, potrebbe essere mia figlia e capisco la sua ansia, quindi non mi offendo.
La richiesta di parere ad un altro professionista dello stesso sito non è il massimo della correttezza e dell' eleganza!
Cordiali saluti!
Mi aggiorni se le fa piacere!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#13] dopo  
Utente
Gentile dottore, non ho chiesto un altro parere perché non mi fido del suo. Sono stata parecchio male durante il ricovero e oggi sono ricaduta in uno stato di paura e panico che non mi fa quasi respirare. Vorrei una risposta e informandomi su internet di questa maledetta HLA B51 è peggiorata notevolmente la mia ansia. Le sue due ultime risposte sono state "sbrigative e un po' vaghe" e ho ritenuto fosse il caso di non disturbarla ulteriormente.
Mi sembrava come se la stessi irritando. Se così non era invece mi scuso.
Mi farebbe sicuramente piacere aggiornarla nei prossimi giorni sugli esami che devo effettuare.

[#14] dopo  
Utente
Gentile dottore, approfitto ancora della sua infinita disponibilità.
Vorrei un suo consiglio sull'alimentazione. Dopo il ricovero mi è stata prescritta per un mese una dieta povera di scorie (molti carboidrati, carne bianca e pesce ma praticamente nessuna frutta/verdura).

Prima di scoprire il valore della calprotectina il gastroenterologo che sospettava il colon irritabile mi aveva prescritto una dieta priva di glutine e lattosio ma ricca di verdura specialmente a foglia verde.

Entrambe per "far riposare" l'intestino anche se mi sembrano molto diverse!
Ora nell'attesa degli esami è meglio prendere qualche accorgimento nell'alimentazione?

[#15] dopo  
Utente
Buonasera gentile dottore,

oggi sto avendo una diarrea molto forte, circa una decina di evacuazioni quasi liquide e a mio parere un po' "oleose".
Non ho dolori addominali.

Domani ho un esame all'università e non vorrei saltarlo, posso prendere un Imodium o faccio maggiori danni?

La ringrazio molto

[#16]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Nel sospetto di IBD non assumerei loperamide.
Eventualmente diosmectite.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#17] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, volevo aggiornarla sugli ultimi esami eseguiti al Sacco a Milano. La diarrea è peggiorata molto (nelle ultime due settimane più volte al giorno ed esclusivamente liquida), anche la febbricola persiste.

Valori di laboratorio:
Leucociti 13.86 (4.00 - 9.00)
Neutrofili 71.8% (37.0 - 75.0%)
Neutrofili 9.2 (2.0 - 7.5)
PCR 7.6 (< 5)
Calprotectina > 250 (> 60 positiva)

Ecografia anse intestinali:
La valvola ileocecale e l'ileo terminale mostrano un ispessimento per un tratto lungo non meno di 35 cm (fino a 6.8 mm nel tratto intermedio) ad ecostruttura stratificata. Nel contesto dell'ansa tratti con lieve dilatazione. Non significativa retrodilatazione. Discreta ipertrofia del mesentere con alcuni linfonodi reattivi. Non versamento libero intraaddominale.
Conclusioni: M di Crohn ileale estesa non complicata

Ileocolonscopia:
Indagine condotta fino a visualizzare gli ultimi 15 cm di ileo terminale che presenta calibro regolare ma multiple ulcere fibrinose sparse con mucosa intervallare normale o solo lievemente edematosa. Biopsie multiple.
Valvola ileocecale pervia, mucosa normale.
Colon e retto normali, canale anale regolare.
Biopsie seriate anche dal cieco al retto.
Conclusioni: ileite in attesa di definizione istologica (Crohn? Behcet?)

Il gastroenterologo sospetta anche Behcet a causa di queste ulcere all'intestino e della presenza di HLA B51 però io non ho mai avuto afte in bocca, ulcere genitali (a parte quell'edema probabilmente allergico) o problemi agli occhi.

Avrò l'esito delle biopsie tra 20 giorni, nell'attesa volevo chiederle un chiarimento.
Queste ulcere possono essere presenti anche nel morbo di Crohn?
Secondo lei è davvero plausibile il Behcet?

La ringrazio in anticipo per l'attenzione e le auguro una buona giornata.

[#18]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per confermare la Malattia di Beh et occorre attendere l'istologia.
Consideri che è una patologia assai rara.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#19] dopo  
Utente
Va bene attendo l'istologico.

Volevo sapere (se è possibile) se anche la malattia di Crohn provoca queste ulcere o se sono esclusive della malattia di Behcet.

Grazie e scusi l'insistenza, sono molto preoccupata.

[#20]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Possibile ma sono altre caratteristiche a differenziare le due patologie.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#21] dopo  
Utente
Buonasera gentile dottore,

sto ancora aspettando l'esito dell'esame istologico ma mi hanno comunque già diagnosticato il Crohn (dai risultati clinici/ecografici/endoscopici).
Sto facendo gli esami di screening per iniziare la terapia con i farmaci biologici e quindi al momento sono senza terapia.

Soffro quotidianamente di mal di pancia ma abbastanza sopportabile. Stasera invece è da circa 3 ore che ho fortissime coliche non associate all'andare in bagno e sento la pancia molto dura e dolorante appena appoggio la mano.
Secondo lei è il caso che vada in PS oppure può essere normale?

La ringrazio

[#22]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non posso dire nulla non avendola visitata.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia