Utente 542XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni un po’ ansioso e avrei bisogno di un consulto da parte di un esperto in materia.
Il problema che mi affligge da qualche mese è questa dannata ansia che mi perseguita.
Inizio da qui, 3 mesi fa circa mio padre ha avuto un brutto incidente stradale e per una settimana sono stato in grande apprensione per lui e per la situazione che si era venuta a creare in famiglia, avendo pure una sorella incinta.
Fortunatamente il periodo è passato e mio padre è tornato in gran forma.
Da quel periodo accuso però un fastidio addominale nella parte destra non continuo, non intenso, ma lo sento. Ad aggiungere a questo fastidio ho notato un cambiamento della composizione delle mie feci con alternanza di diarrea e feci dure.
Il culmine della mia ansia si è verificato quando un sabato dopo una cena abbastanza pesante, ho sentito il bisogno di andare in bagno e dopo una forte scarica diarroica ho espulso del sangue misto a muco.
Dopo l’accaduto ho subito fatto una visita gastroenterologica e il medico molto tranquillamente mi ha disallarmato dicendo che alla mia età è molto improbabile si diagnosticano patologie gravi all’intestino.
Detto questo mi ha prescritto delle analisi varie, calprotectina e test per celiachia inclusi e una eco addome con studio delle anse intestinali. Per quanto riguarda la terapia mi sono stati prescritti fermenti lattici al mattino a stomaco vuoto e valpinax prima del pasto serale.
Per scrupolo mio, alle analisi ho fatto aggiungere anche dei test per il sangue occulto.
I risultati di calprotectina e sangue occulto sono risultati negativi entrambi e nelle analisi al sangue non risultava nulla di anomalo, stesso discorso per la eco addome che non ha evidenziato nulla di rilevante.
Dopo la consegna dei risultati, il gastroenterologo ha confermato la sua prima diagnosi ovvero sindrome da colon irritabile.
Le feci ultimamente sembrano essere in miglioramento in quanto a composizione, però il dolore di tanto in tanto continuo ad accusarlo.
Chiedo vostro parere per capire se posso stare tranquillo con i risultati che ho già avuto dai test eseguiti o se consigliate qualche test più approfondito (colonscopia) per il fastidio addominale che continuo ad avvertire.
Grazie in anticipo della vostra cordiale disponibilità.
Attendo risposta.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Stia tranquillo, sono sintomi da colon irritabile e non serve la colonscopia.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it