Utente 545XXX
Buongiorno dottori. Da pochi giorni mi è stato diagnosticato "esofagite di grado a" con cardias ipocontinente. Sono una ragazza di 20 anni e questa notizia mi rende molto nervosa. Ho paura di non riuscire a stare più bene e ho paura del reflusso o più che altro.dei sintomi invalidanti che mi perseguitano. Il fatto che devo portarmelo per tutta la vita mi fa vivere malissimo. È grave avere il cardias ipocontinente? Ho tutto il giorno dolore al collo, gola e orecchie. Mi sento come un oppressione in queste zone, sopralluogo la sera. Come una bolla d'aria e nn sento tutta questa "acidità" quindi ho paura che i ppi che mi sono stati dati nn servano a niente. I sintomi che sento possono guarire con lansox? E sarò schiava del cibo? Penso che tutto faccia male e mangio solo roba da ospedale. Nn voglio mangiare così per tutta la vita. Inoltre ho continue eruttazioni. E soffro di finire cronica e ho tantissimo muco nello stomaco che mi arriva in gola e mi costringe a rischiare e inghiottire sempre aria. Vi prego datemi un consiglio, vorrei solo capire se questa cosa mi durerà per tutta la vita

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Perché allarmarsi così. Il reflusso di può facilmente controllare con i farmaci e non è detto che debba assumerli a vita ed essere costretta ad una dieta rigida.

Cordialmente
Dr Felice Cosentino - Casa di Cura La Madonnina - Milano
Gastroenterologia, Colonscopia robotica, Colon wash
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 545XXX

Il fatto è che ho il dubbio che la diagnosi possa essere inesatta. Ho fatto una ricerca e scoperto che i miei sintomi possono essere associati a un ipocloridria. Mi gira sempre la testa, eruttazioni continue, nausea, ed il fatto che prima della gastroscopia ho già preso lansox per un mese e mi sono sentita peggio mi fa credere che nn ci sia motivo per continuare questa cura con le stesse medicine che potrebbero avermi causato l'effetto opposto. Ovvero ipoacidità