Utente 548XXX
Da diversi mesi ormai soffro di un quasi costante dolore al centro del petto, in corrispondenza dello sterno, sento come se ci fosse un peso; questo sintomo è accompagnato da tosse e di tanto in tanto anche da sudorazione, giramenti di testa e difficoltà a respirare (sintomi, questi ultimi, che ho sempre attribuito alla paura che possa essere un attacco di cuore). Sono stato al pronto soccorso, dal mio medico di base e da un gastroenterologo: l'unica cosa che mi è stata detta è che devo stare tranquillo perché il cuore non c'entra e che potrebbe essere reflusso. L'unica terapia che sto seguendo, in maniera tra l'altro non continuativa, consiste nel prendere una bustina di gaviscon advance dopo i pasti e prima di andare a letto. Non mi è stata data una dieta da seguire (eccetto di evitare menta, caffè e cioccolato) né mi è stato consigliato di procedere con una gastroscopia. Il problema è costante e oltre ad essere fastidioso (talvolta mi impedisce di dormire) non mi fa vivere tranquillo (sono una persona fortemente ansiosa e ipocondriaca).

Volevo chiedere un ulteriore parere: potrebbe effettivamente essere reflusso? C'è qualche altro accorgimento che dovrei prendere, per quanto concerne la dieta e la terapia? Si può escludere definitivamente che possa essere il cuore? Mi consigliate di effettuare una gastroscopia anche senza il parere del mio gastroenterologo/medico di base?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Pensare ad una condizione "infartuale" alla sua età mi sembra un'esagerazione. I sintomi sono da reflusso accompagnati da un forte stato ansiogeno.

Ecco una dieta appropriata:

https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it