Utente 554XXX
Buongiorno gentile Dottore,

sono una donna di 45 anni. A seguito gastroenterite due mesi fa mi sono stati prescritti esami di laboratorio che hanno escluso infezioni batteriche, HP, o parassitarie ed anche la eco addominale non ha riportato patologie. Il gastroenterologo mi ha prescritto antibiotico, svuotatore gastrico e fermenti lattici. I sintomi sono spariti tranne continua acidità allo stomaco. Mi ha pertanto prescritto omeprazolo 20 mg prima della colazione e della cena e sucralfato 1 g dopo colazione e dopo cena durata trattamento una settimana. Finito il trattamento ho notato un notevole miglioramento ma l'ho contattato perchè comunque, dopo mangiato sentivo acidita, questa volta alla gola, che si presentava solo dopo mangiato e persisteva per circa un'ora. A questo punto mi ha consigliato di sospendere l'omeprazolo e di assumere antiacidi in pastiglie "al bisogno". Cosi ogni pasto assumevo antiacido. Questo per due settimane fino a che l'acidità alla gola era finalmente scomparsa.
Dopo una settimana in assenza di sintomi il bruciore di stomaco e alla gola sono ripresi in forma abbastanza fastidiosa e persistente.
Preciso che non ho altre patologie e non assumo alcun tipo di farmaco.
Grazie mille per l'attenzione,
Un caro saluto

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Evidentemente lei soffre di reflusso gastro-esofageo. In questi casi ,per poter fare una diagnosi precisa e individuare la terapia più corretta, bisogna eseguire due esami : la gastroscopia e successivamente un altro esame, che si chiama pH-impedenzometria. Esami lievemente fastidiosi ( non dolorosi ) ma necessari per lei.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente 554XXX

Grazie per l'attenzione, seguirò senz'altro il suo consiglio.
Un caro saluto,

[#3] dopo  
Utente 554XXX

Buongiorno Dottore,

ho eseguito la gastroscopia da lei consigliata che ha rilevato reflusso gastro-esofageo. Il medico di base mi ha prescritto pantoprazolo 40 mg x 28 gg. da assumere al mattino prima della colazione. Sono in terapia continuativa con eutirox 150 mg da 12 anni a seguito tiroidectomia per carcinoma.
Il dottore mi ha detto di assumere il pantoprazolo 1/2 ora prima della colazione e l'eutirox subito dopo la colazione.
Domani iniziero' la cura ma ho un dubbio se non vi sia interazione tra i due farmaci e soprattutto se eutirox si possa assumere dopo i pasti.
La ringrazio per l'attenzione e Le auguro Buone Feste
Un caro saluto

[#4]  
Prof. Alberto Tittobello

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
O.K. Sono d' accordo sulla terapia. Va bene così. Auguri di nuovo.
Prof. alberto tittobello