Utente 572XXX
Buongiorno ho appena svolto una EGDS con biopsia con questo esito:

Nulla all'esofago, presenza di ernia iatale da scivolamento
Stomaco normoelastico e normoespandibile
La Mucosa del fondo, corpo e entro gastrico e intensamente iperemica ed edematosa.
Piloro normoconfermato, nulla al bulbo e al duodeno.

Cp test:negativo

Risultato gastrite diffusa

Terapia medica con pantorc 40 al mattino per 60 giorni e riopan 3 volte l giorno,

Ho chiesto come mai oltre alla biopsia per hp non sono state fatte altre biopsie e mi è stato detto che non ce ne stato bisogno.


Alla luce del referto, è corretto come approccio?


Grazie
Buona serata

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Evidentemente L 'endoscopista ha ritenuto di non effettuare biopsie ritenendo la gastrite a carattere acuto e non meritevole di approfondimento istologico.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 572XXX

Grazie della risposta.

Mi è sembrato strano perché in una vecchia gastroscopia fatta nel 2007 erano stati fatti dei prelievi ed era risultata una gastrite cronica antrale e fundica ++-, a impronta follicolare non atrofica - - -, attiva +--, hp positiva - - +

Avevo poi eliminato hp e in questi anni ho fatto diversi cicli con ppi a periodi variabili, in particolare negli ultimi due anni con una certa costanza, in particolare, prima pantoprazolo e poi esomerazolo da 40 con sintomi sempre abbastanza simili che in alcuni casi si accentuano,e in altri periodi sono meno evidenti.

Devo dire che non ho mai seguito un regime alimentare molto sano e che non faccio attività sportiva, inoltre ho avuto e purtroppo ho diversi problemi con l'ansia e stati depressivi.

Ecco perché le chiedo se cmq non fosse stato più corretto fare dei prelievi bioptici, anche perché in questo caso mi sembra che l'infiammazione sia più diffusa.

Inoltre le chiedo se questo tipo di infiammazione è grave e se possa evolvere in maniera negativa.

Grazie e scusi il distrurbo

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Allora avrebbe dovuto presentare all'endoscopista il vecchio referto e a anche quanto chiede può rispondere solo chi le ha fatto la gastroscopia.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 572XXX

Buongiorno dott.,
Grazie della risposta
Scusi se la sto disturbando e capisco che non è facile dare un consulto senza aver svolto lei i vari controlli.
In realtà ero andato una settimana prima in visita da questa questo medico gastroenterologo endoscopista parlando dei miei problemi e illustrando le varie cose fatte in passato con i vari esiti.
Mi ha detto che erano troppo vecchie e andava rifatta una gastroscopia.
Mi ha un po' spaventato il termine intensamente iperemica ed edematosa, ma non capisco se questo implica che ci siamo erosioni, ho chiesto alla dott. Ssa e mi ha detto che ho una grande gastrite ma che non erano state necessarie biopsie.
Inoltre volevo chiederle se una settimana di astinenza da inibitori Ppi puo falsare il test svolto dell'ureasi.
Scusi ancora il disturbo

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Una settimana non è sufficiente per fare il test.
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it