x

x

Vomito marrone, dolori allo stomaco, tumori in famiglia

Soffri di stitichezza o diarrea? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Salve sono una ragazza di 23 anni, quasi due settimane fa mi sono svegliata alle 5 del mattino con una forte sudorazione e una forte nausea, mi sono poi indotta il vomito perché pensavo che così sarebbe passata la nausea.
Il vomito era marrone/rossastro, mi sono molto spaventata.
La sera prima avevo mangiato molto, pasta con gli spinaci passati, spiedino di carne di maiale, un po' di mortadella e anche una merendina completamente al cioccolato.
Oltre al colore mi spaventa il fatto che io abbia spesso dolori allo stomaco, ho il terrore possa essere un tumore perché in famiglia, dal lato di papà, ci sono stati alcuni casi.
Mio padre soffre poi di gastrite e ha spesso dolori fortissimi.
Il mio medico di base mi ha liquidata dicendo che sono troppo ansiosa, ma io sono disperata, soprattutto perché qualche giorno fa ho fatto la pipì con il sangue scuro di mattina, il giorno dopo mi è arrivato il ciclo ma visto che non avevo perdite mi sembra strano che possa esser dovuto a quello come dice il mio medico di base.
Sono disperata.
[#1]
Dr. Ida Fumagalli Gastroenterologo, Allergologo, Diabetologo, Pneumologo, Medico internista 657 18
La disperazione non ha senso.
Per le urine con sangue per sicurezza finite le mestruazioni da qualche giorno fa un esame urine completo e una urinocoltura.
Per i problemi digestivi cerca innanzitutto di mangiare alimenti freschi e sani distribuiti in pasti piccoli ma frequenti
Evita alcolici caffè fumo bibite.....
Se persistono i disturbi vista la familiarità una esofagogastroduodenoscopia potrebbe rasserenarti.
Eventualmente sentendo il medico curante potresti fare un esame per eventuali intolleranze alimentari e celiachia
Comunque assolutamente non preoccuparti
Inoltre evita se possibile antidolorifici ( FANS).
La tinta marrone del vomito poteva dipendere dal cibo.
Le tracce di sangue dallo sforzo per vomitare
Non procurarti il vomito

Dr. Ida Fumagalli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la risposta. In questi giorni però sono finita in ospedale per dolori fortissimi al fianco destro, sotto l'ombelico e alla gamba, ma dopo analisi e ecografia non hanno trovato nulla e mi hanno rimandata a casa. Non so più cosa fare ho dei dolori fortissimi, dopo le urine con il sangue, il ciclo che si blocca (mai capitato) e la continua sensazione di reflusso che ho mi sto agitando sempre di più. Sono molto ipocondriaca e soffro di disturbo ossessivo compulsivo, ho l'ansia a mille e in ben due ospedali nonostante dolori e sangue mi hanno dimessa perché per loro è solo lombalgia.
[#3]
Dr. Ida Fumagalli Gastroenterologo, Allergologo, Diabetologo, Pneumologo, Medico internista 657 18
Non posso dire più di tanto senza una visita completa di esame obiettivo
Hai ancora l'appendice?
Il dolore forte poteva essere una conseguenza della presenza di aria
Hai provato diete tipo senza latte e derivati e senza glutine?
Il ginecologo trova tutto a posto?
Non hai infezioni urinarie?
Parla con il tuo medico

Dr. Ida Fumagalli

[#4]
dopo
Utente
Utente
Si ho ancora l'appendice, infatti inizialmente sospettavano un'appendicite ma non so perché mi hanno rimandata a casa, nonostante sul foglio abbiano scritto "dubbio" nel punto toccato. Sto mangiando in questi giorni in modo molto pulito, non sto mangiando latticini ma la situazione non sembra essere migliorata, non ho provato a non mangiare roba con il glutine. Ho provato a prenotare varie visite ma in questo periodo sono tutti in vacanza o stra pieni e tutti mi dicono di potermi visitare solo a settembre. Durante l'ecografia mi hanno controllato anche le ovaie e l'utero, ma hanno detto che non c'è nulla. Se devo essere sincera sembrava che durante le visite cercavano di mandarmi a casa il più presto possibile, hanno addirittura scrittu sul foglio che io ho rifiutato la visita ginecologica, mai successo, e nonostante io mi sia arrabbiata nessuno ha voluto fare nulla.
[#5]
Dr. Ida Fumagalli Gastroenterologo, Allergologo, Diabetologo, Pneumologo, Medico internista 657 18
Credo che se il dolore continuasse sarebbe meglio tornare al pronto soccorso
Tu da sdraiata hai male se palpi ina basso a dx e anche sopra sotto le coste
Prova da sola sdraiata a palpare L addome in tutte le parti
Si lascia palpare?
Sei andata di corpo? Come erano le feci
Hai dormito stanotte?
.....fatti visitare dal tuo medico
Ti hanno fatto ecografia addome?
Esami sangue?

Dr. Ida Fumagalli

[#6]
dopo
Utente
Utente
Non mi fa malissimo sempre, però ci sta una zona in particolare, proprio dove dovrebbe essere l'appendice credo, che quando la tocco mi provoca dolore. Quando palpo l'addome a me sembra un po' duro. Sono andata di corpo oggi, molto poco, dopo 5 giorni che non andavo (soffro di stitichezza, ma ultimamente andavo molto più spesso in bagno) anche se sono abbastanza convinta che non andassi per ansia, dato che ho il terrore di ritrovare sangue nel water. Le feci erano come sempre credo. La notte non sto dormendo ultimamente, mi sveglio costantemente con ansia e mi sento come se non riuscissi a respirare, mi capita da molto prima che accadesse tutto ciò. Il mio medico di base non mi risponde, purtroppo devo cambiarlo. Mi hanno fatto in entrambi gli ospedali l'ecografia solo ai reni, alla vescica e all'utero. Un'altra cosa, che mi preoccupa molto, ho perso a maggio/giugno peso, 4 kg e mezzo, non avevo variato il mio modo di mangiare più di tanto, ma è anche vero che ho iniziato a camminare tutti i giorni in quel periodo, solo che mi sembrano tanti 4 kg. Non so cosa fare.
[#7]
Dr. Ida Fumagalli Gastroenterologo, Allergologo, Diabetologo, Pneumologo, Medico internista 657 18
Intanto sta tranquilla
Disturbi addominali sono frequenti e quasi sempre non gravi.
Certo ci vuole una visita completa con presa in esame di tutti gli esami già fatti e una valutazione se ce ne siano altri da fare.
Provare certe terapie per vederne l'efficacia o meno può orientare.
Se urine e urinocoltura sono normali compresa ecografia e l'aspetto ginecologico è a posto rivolgiti a un gastroenterologo o a un internista.
Per l'ansia sarebbe utile un controllo della funzione tiroidea e a giudizio del tuo medico provare bassi dosaggi di un ansiolitico o dei colloqui con psicologo
Per la stipsi bevi acqua spesso, mangia frutta e verdura ogni giorno, cammina....

Dr. Ida Fumagalli