Utente 142XXX
Buongiorno gentili medici.
Assumo la pillola contraccettiva da un anno. La domanda che volevo porre è la seguente: c'è qualche controinidicazione ad esporsi al sole d'estate al mare assumendo la pillola? La mia curiosità nasce dal fatto che l'anno scorso, per la prima volta nella mia vita, dopo qualche giornata (saltuaria) di esposizione a sole, ho notato delle lievi macchioline rosse sulla pelle, per lo più localizzate sulla zona del petto. Le suddette macchioline rosse non mi hanno dato alcun prurito e sono sparite dopo breve tempo in cui ho smesso di andare al mare.
Da ciò mi è sorta la domanda se questo non fosse dipeso da fattori ormonali legati alla pillola.
Ringrazio in anticipo se i signori medici vorranno rispondere.
Auguro ancora buona giornata e buona domenica

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'esposizione al sole,in donne che assumono contraccettivi ormonali(pillola,anello vaginale e cerotto)potrebbe creare macchie brunastre legate ad alterazione della distribuizione della MELANINA,come avviene nelle donne gravide(cloasma gravidico).
Il rimedio è l'uso di filtri solari adeguati.
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 142XXX

La ringrazio moltissimo della risposta.
Devo dire che, avendo la carnagione chiara, uso sempre creme di SPF 30, talvolta addirittura di 50.
Vorrei gentilmente porre qualche altra domanda. E' consigliabile fare qualche mese di pausa dalla pillola? Quanto tempo è sufficiente? Inoltre dovrò iniziare una dieta poiché nell'ultimo anno e mezzo (e soprattutto e più velocemente da quando ho iniziato ad assumere la pillola) sono aumentata di peso. La mia domanda è: è necessario sospenderla nel periodo della dieta? Altrimenti è necessario cambiarla?
La pillola in questione si chiama loette, ed il gineclogo me l'ha prescritta in quanto ho flusso abbondante e ferritina alquanto bassa.
Molte grazie di nuovo per una sua nuova risposta

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ho avuto modo in un MINFORMA:
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=95119
di chiarire questi dubbi.
Voglio ribadire che non ha senso sospendere periodicamente la pillola,rischiando una "gravidanza indesiderata" che indipendentemente dal suo esito porta a sconvolgimenti in una donna di 26 anni,che ha in mente altri progetti.
Cambiare pillola si può(in accordo con il Collega che la segue).
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 142XXX

Ancora grazie della risposta e grazie per avermi indicato il suo articolo il quale mi ha chiarito molte domande.
Dunque mi informerò col mio ginecologo se magari esiste una pillola simile a loette ma un po' più leggera.
Buona domenica

[#5] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera gentile dottore.
Torno a scrivere perché avrei un'altra domanda da porle, stavolta più a livello di cuirosità.
Facendo ricerche su internet ho letto che esistono pillole più "leggere" di altre in quanto a dosaggio ormonale, ma secondo altri pareri non esistono pillole più leggere o più pesanti.
Vorrei gentilmente dissipare questo piccolo dubbio e chiederle in aggiunta che tipo di pillola sia loette in base al dosaggio ormonale.
Aggiungo un'altra domanda: lunedì di questa settimana ho assunto per la prima volta due pastiglie di valeriana (di sera), ed il giorno seguente ho iniziato un nuovo blister della pillola (sempre di sera). Può interferire la valeriana sulla pillola? Per quel poco che intuisco credo di no poiché la valeriana non è un vero e proprio medicinale, ma so che è comunque migliore e più affidabile il parere di un esperto.
La ringrazio tantissimo in anticipo per la risposta, buonasera ancora

[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tranquilla anche con la VALERIANA!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente 142XXX

Grazie moltissime! Sempre gentile nel volermi rispondere, e con grande professionalità.
Potrei esprimerle ancora qualche curiosità sulla pillola?
Si tratta delle domande che ho formulato nel post precedente, e cioè sui pareri discordanti che ci sono circa l'esistenza di pillole "leggere" e "pesanti" in base ai dosaggi ormonali. A suo parere, se tale distinzione esistesse, la pillola che io assumo a quale categoria può appartenere?
Grazie ancora una volta per la sua attenzione, buona giornata

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le pillole di ultima generazione,possiamo considerarle a dosaggi relativamente "bassi".
La distinzione la farei su tipi di pillole a diverso clima ormonale(estrogenico e progestinico)o in base alla qualità dell'estrogeno o del progestinico.
Mi auguro di non aver usato troppo il "medichese"!!
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente 142XXX

Gentilissimo dottore, più o meno credo di aver capito. Quindi la pesantezza o meno della pillola si distingue in base proprio al tipo di ormone, e pertanto agli effetti che questo ha. Giusto?
Non mi sono ancora addentrata bene nel discorso degli ormoni, né per quale motivo alcune pillole ne contengano di un tipo, ed altre di altri tipi; e lo scopo che queste differenze hanno. In linea di massima credo di aver intuito che tutte siano a base estrogeni, abbinati poi ad ormoni differenti.
E' così? Mi desta molta curiosità capire questo argomento, ma di certo so che non posso stare a chiedere una "lezione" in merito. La pillola è un'invenzione straordinaria. Mi trovo d'accordissimo sul suo pensiero, che oggi ha espresso chiaramente in un consulto, e che leggendo il suo articolo MINFORMA avevo già intuito.
Non voglio entrare nel merito, ma apprezzo tantissimo il suo modo di pensare purtroppo quasi "controcorrente" di questi tempi. Un figlio innanzitutto per scelta.
Grazie tante come sempre.

[#10] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ringrazio e concludo dicendo che trasmettere questi concetti sulla contraccezione,per me è molto importante .
Le nuove generazioni(parlo con una ventiseienne)devono portare ad un incremento dell'uso dei contraccettivi,che sicuramente porterà ad una buona sessualità di coppia e....ad una diminuizione delle IVG(aborti).
GRAZIE!!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#11] dopo  
Utente 142XXX

Ventisei non ancora compiuti :-)
Continuando per un momento lo scambio di idee le dico che io sono favorevole alle IVG, non perché siano da prendere alla leggera (si sa che moltissime donne dopo un aborto ricorrono allo psicologo perché dev'essere una scelta ed un'esperienza dolorosissima), ma perché un figlio dev'essere una scelta, ed una scelta consapevole, e non un errore o un'imprudenza. Personalmente ritengo giusto ricorrere a quell'estrema soluzione in caso di pericolo per la madre, la sua vita e la sua salute, ed anche altri motivi che non rientrano comunque nello sbaglio dovuto a superficialità.
Ad un paio di amiche ho consigliato più volte di prender la pillola (dopo consulto medico, s'intende), anche io sono un'"estimatrice" della pillola e della contraccezione tutta.
Chiudo, lo spazio dei consulti va impiegato per questo scopo. Scusi l'off topic.
Per non vanificare lo spazio che ho occupato, vorrei farle una domanda a cui stavo pensando oggi: nel 2008 ho fatto la DTC, con una "piaghetta" molto estesa (prendeva tutta la parte del collo dell'utero che si affaccia sulla vagina). Vorrei chiederle: in caso di una futura gravidanza si potrà riformare? E tale tipo d'intervento può "restringere" il passaggio del collo dell'utero?
Grazie a lei dottore

[#12] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se la DTC è stata eseguita sotto guida colposcopica,il rischio di creare problemi di STENOSI(restringimenti)del collo uterino è notevolmente ridotto.
La piaghetta(ECTROPION)è uno scivolamento di un epitelio,non va sempre diatermizzato,ma valutato colposcopicamente!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente 142XXX

Buongiorno e buona domenica.
La DTC è seguita addirittura a ben due visite colposcopiche, nelle quali i due distinti specialisti che mi hanno visitato si sono opposti all'intervento. Sicché, privatamente mostrando i precedenti risultati, ed anche in quel caso dopo colposcopia, sono riuscita a risolvere il problema.
Nel qual caso ci sia restringimento quali sono i sintomi? In altre parole: come ci si può accorgere?

[#14] dopo  
Utente 142XXX

Scusi chiedo ancora: con una nuova colposcopia si può vedere se c'è stato eventualmente un restringimento?
Grazie

[#15] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo le reazioni cicatriziali sono evidenti all'esame colposcopico.
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#16] dopo  
Utente 142XXX

Se fosse accaduto ciò, ci sono rimedi?

[#17] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo!
Ma non penso!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#18] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera dottore.
Grazie delle risposte che mi ha dato finora.
Siccome nel periodo immediatamente successivo alla DTC ho avuto la visita dal ginecologo, il quale ad occhio nudo ha visto che l'utero si era ben cicatrizzato, è già sufficiente e possibile escludere la stenosi come complicanza? Oppure può essere un modo fallibile, e pertanto è necessaria una colposcopia?
In questi giorni ho fatto uno sforzo di memoria. Lei ha parlato dell'intervento sotto guida colposcopica, che è quella che permette di vedere l'utero ingrandito su di uno schermo, giusto? Di conseguenza, l'intervento di DTC effettuato osservando lo schermo di ingrandimento come guida, permette assoluta precisione. Ho capito bene?
In questi giorni, come le dicevo, sono tornata indietro con la memoria e ricordo che, se l'intervento avrebbe dovuto svolgersi come mi ha descritto, allora ciò non è avvenuto. Certo, aveva comunque qualcosa per ingrandire l'area dove stava operando (ammetto di averlo notato poco in quanto mantenevo gli occhi chiusi a causa dell'intenso dolore), però lo schermo non ricordo l'avesse usato.
Rappresenta un rischio tutto ciò?
Speriamo non si aggiunga anche tale problema. So già che in un futuro dovrò lottare per avere una gravidanza in quanto, per giunta, ho anche l'utero retroverso (che il ginecologo ha definito "mobile").

[#19] dopo  
Utente 142XXX

Buongiorno dottore. Associata alla domanda di ieri sera, gliene vorrei porre gentilmente un'altra: dopo aver sospeso definitivamente l'assunzione della pillola, il ciclo mestruale ritorna esattamente regolare in donne che già prima della terapia lo avevano tale?
Grazie molte come sempre

[#20] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certamente la "guida colposcopica" migliora la risoluzione a tutto vantaggio dell'effetto finale.
I flussi mestruali ritornano come prima dell'assunzione della pillola.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#21] dopo  
Utente 142XXX

Buongiorno gentilissimo dottore, come sempre la ringrazio delle risposte.
Vorrei riferire di un problemino che ho notato proprio questa mattina. Premetto che stasera dovrò assumere l'ultima pillola del blister, e che l'emorragia da sospensione si verifica sempre il venerdì (quindi sempre dopo 4 gg di sospensione); stamattina ho notato che ho delle perdite di sangue come nel ciclo, ed in più ho gli stessi dolorini.
Che sia quello che viene chiamato "spotting"? In un anno e due mesi di assunzione non si era mai verificato. Se è rilevante aggiungo inoltre che da una decina di giorni sto seguendo una dieta dimagrande e sto svolgendo anche attività fisica. Ci può essere un nesso? In caso contrario, cosa ritiene che sia?
La ringrazio ancora

[#22] dopo  
Utente 142XXX

Salve di nuovo.
Volevo aggiungere alla domanda di prima che queste perdite hanno le sembianze di vero e proprio ciclo, in quanto presentano dei filamenti rossi identici a quando ho il flusso. Esse non sono insomma tutte liquide, ma presentano dei filamenti solidi simili a quelli che si verificano quando c'è l'ovulo espulso.
Certamente non ho padronanza di un linguaggio scientifico e strettamente medico, ma spero di aver reso l'idea.
Vorrei anche sapere se queste perdite presentano rischio di gravidanza indesiderata se ciò avviene a distanza di rapporti sessuali non protetti. Non ho mai dimenticato una sola pillola, però.
Grazie mille di nuovo

[#23] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera. Vorrei aggiungere qualche sviluppo. Il sangue continua ancora ad uscire insieme ai frammenti che le dicevo ieri, come se avessi il ciclo. Il sangue però è davvero poco rispetto a quando ho l'emorragia da sospensione. Non riesco proprio a capacitarmi.
Saluti

[#24] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera.
Mi perdoni se torno a scrivere, ma mi sto allarmando molto, dopo vari giorni. I sanguinamenti simili a ciclo mestruale ancora persistono, ho consultato il bugiardino il quale riporta:
"... Se le emorragie irregolari persistono o si manifestano dopo cicli precedentemente regolari, si deve prendere in considerazione una eziologia non ormonale e, per escludere malignità o una gravidanza, debbono essere attuate misure diagnostiche adeguate, che possono comprendere un raschiamento..."
Cosa significa tutto ciò?
Spero mi possa rispondere, grazie buona serata

[#25] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi deve ricordare se continua ad assumere la pillola?
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#26] dopo  
Utente 142XXX

In questo momento sto nella settimana di sospensione. Il fenomeno per il quale le ho scritto si è verificato la scorsa settimana, di lunedì (giorno della 21a pillola, l'ultima del blister), quindi ben prima della sospensione. Questo problema non si era mai verificato prima, e ciò mi ha allarmato molto in quanto non so da cosa dipende...
Grazie se ancora mi risponderà

[#27] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe essere utile eseguire una ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA,potrebbe trattarsi di un banale POLIPO.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#28] dopo  
Utente 142XXX

Devo sospendere l'assunzione della pillola nel frattempo?
E mi scusi: il polipo è una cosa grave? Qual è la causa? Cosa comporta? E come si cura?

[#29] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non è grave,non riconosce una causa precisa.
Continui l'assunzione della pillola.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#30] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera dottore.
Il sanguinamento irregolare prima della sospensione della pillola per ora non si è più verificato.
Vorrei chiederle: è nocivo assumere due blister consecutivi di pillola pernon far tornare l'emorragia da sospensione?
Grazie della risposta

[#31] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nulla di nocivo,non succede nulla.
Molte ATLETE adottano spesso questa variazione!
SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#32] dopo  
Utente 142XXX

Molto bene, grazie della risposta. In questo periodo ho smesso di assumere la pillola, anche perché al momento non ho modo di poter fare le analisi periodiche (sono già passati nove mesi dalle ultime). In vista dell'estate ho intenzione di ricominciare.
In proposito a ciò le vorrei ancora chiedere: come è riportato anche sul foglietto illustrativo, gli eventuali rischi maggiori collegati alla pillola sono più alti nel primo anno in cui viene assunto il contraccettivo. Ricominciare ad assumere la pillola dopo un periodo di sospensione (e dopo averla già assunta per più di un anno in precedenza), fa tornare alto il rischio di controindicazioni per tutto l'anno successivo? Cioè: la sospensione "azzera" l'aver già assunto il contraccettivo senza rilevanti problemi nel primo anno?
Spero di essere stata chiara, grazie come sempre della professionalità
Buona serata

[#33] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dal tipo di controindicazione.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#34] dopo  
Utente 142XXX

Buongiorno. Le controindicazioni a cui mi riferivo sono quelle più gravi: ictus, trombosi, infarto ecc

[#35] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NON si ha un effetto accumulo!!!
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#36] dopo  
Utente 142XXX

Salve! In altre parole significa che sarà come cominciarla per la prima volta?

[#37] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
PERFETTO!!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#38] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera dottore.
Avrei ancora bisogno di un suo gentile e professionale parere.
Quest'oggi, in combinazione a dei dolori simili a quelli del ciclo mestruale, ho avuto una perdita gelatinosa molto grande, direi di lunghezza 3 cm e larghezza 1 cm.
Tale massa gelatinosa era trasparente, lucida e non emanava alcun cattivo odore.
Mi sorge la curiosità di saperne la possibile causa, il nesso. Può essere collegata al fatto che da 10 gg ho smesso l'assunzione della pillola? Oppure è connessa all'ipotetico polipo di cui mi aveva parlato?
Quanto prima ne avrò la possibilità andrò dal medico per farmi prescrivere un pap test. Vorrei intanto, se possibile, avere qui alcune risposte se non altro per calmare l'ansia.
Grazie mille dell'attenzione

[#39] dopo  
Utente 142XXX

Può dipendere dalle modificazioni ormonali?

[#40] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe trattarsi di muco cervicale che segnala la ripresa dell'ovulazione.
E' importante comunque che un Collega la osservi!
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#41] dopo  
Utente 142XXX

Salve dottore.
Vorrei con cortesia porre un'altra domanda: ho l'intenzione di ricominciare la pillola, tuttavia non ho ancora la prescrizione medica ed il ciclo mestruale si è presentato ieri. Ormai, con i tempi, andrà a finire che inizierò l'assunzione quando le mestruazioni saranno terminate: va bene lo stesso? Oppure è necessario iniziare dal primo giorno del ciclo? In caso contrario devo usare un altro contraccettivo per tutto il primo mese giusto? E quindi la protezione al 100% ci sarà dal secondo blister?
Grazie infinite se vorrà rispondere ad ogni domanda.
La saluto con stima

[#42] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
ESATTO!
E' preferibile iniziare(solo la prima volta)dal primo giorno del flusso mestruale.
Quindi come ha precisato se inizia dopo l'effetto contraccettivo salta!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#43] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera dottore.
Vorrei tornare un momento sul discorso della pillola e dell'esposizione al sole. Su vari siti internet ho reperito informazioni circa il fatto che esporsi al sole mentre si sta assumendo il contraccettivo aumenta il rischio di melanoma nonché di modificazioni del DNA dell'utero a causa dei raggi UV...
Tutto ciò è preoccupante se così fosse. Nell'insieme devo comunque riscontrare una certa confusione per quanto riguarda la pillola: c'è chi sostiene causi sterilità, chi dice di no; c'è chi dice che causa tumori all'utero e/o al seno e chi asserisce il contrario. Come mai tutta questa confusione e poca chiarezza? Tutto ciò causa molta frastornazione, almeno in me.
Grazie se vorrà dedicare il suo tempo per dissipare questo dubbio.
Buonasera

[#44] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A me sembra di aver già risposto a questo nei precedenti consulti.
Tutto quello che riferisce viene smentito dal fatto che milioni di donne al mondo usano la contraccezione ormonale senza incremento della patologia neoplastica e senza l'intervento di organismi mondiali come l'OMS che avrebbereo sicuramente evitato la commercializzazione.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#45] dopo  
Utente 142XXX

Sì sì mi aveva già risposto in merito alle macchie brunastre che mi si sono presentate sulla pelle durante l'esposizione al sole per effetto della pillola. La mia nuova domanda, un po' allarmata, era sul fatto che avevo letto delle informazioni sul melanoma e tumori, e volevo semplicemente un parere competente e professionale.
Grazie mille della risposta

[#46] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il rischio è indipendente dall'uso dei contraccettivi ormonali!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#47] dopo  
Utente 142XXX

Meno male, sono alquanto risollevata!
Può darsi che dei pareri così estremi e "catastrofisti" provengano da persone contrarie ideologicamnete all'uso dei contraccettivi tutti.
Tra poco ricomincerò ad assumerla dopo una pausa, in tutta tranquillità.
Come sempre un sentito grazie dei suoi utili consulti

[#48] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
GRAZIE!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#49] dopo  
Utente 142XXX

Buongiorno dottore.
Vorrei tornare sull'argomento del sanguinamento irregolare che mi si è verificato qualche mese fa per porle un'altra domanda.
Riassumo brevemente il fatto. A metà marzo, nel giorno di assunzione della 21a pillola (quindi prima della pausa di sospensione) ho avuto la comparsa di sangue, di entità inferiore a quella del ciclo mestruale, ma di aspetto molto simile. Tale flusso di sangue è continuato fino alla comparsa dell'emorragia da sospensione e mi comportava gli stessi dolori del normale flusso mestruale.
Nella sua risposta mi aveva consigliato un'isteroscopia diagnostica per controllare un'eventuale presenza di polipo (non ancora effettuata). Successivamente, dalla seconda metà di aprile ho smesso di assumere la pillola per qualche mese (e l'ho ricominciata ieri, sempre Loette), durante i quali il mio ciclo mestruale, sempre regolare, si è ripresentato sempre con regolarità ed il sanguinamento di marzo non si è più ripresentato.
Quindi vorrei chiedere: potrebbe essere stata la pillola a far verificare quel sanguinamento? E se davvero fosse polipo (certo lo voglio appurare), come mai non si è più (meno male) verificato nulla?
Inoltre il polipo cosa comporta, cosa significa?
Grazie in anticipo della risposta, salutoni

[#50] dopo  
Utente 142XXX

La presenza di un polipo (anche se "banale" come l'ha definita), indica una predisposizioe o rischio a sviluppare un tumore? Ci sono cure? E come si asporta? Una volta asportato, restano i rischi? Si può sviluppare di nuovo? Quanto tempo ci vuole perché si trasformi in tumore? Infine: causa sterilità?
Grazie infinite

[#51] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il polipo non è una patologia grave.
Se l'irregolarità mestruale non si verifica potrebbe essere l apillola la causa del sanguinamento.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#52] dopo  
Utente 142XXX

Anche trascorsi i primi mesi (i canonici primi 3 mesi per valutare gli eventuali effetti idesiderati della pillola) di assunzione del contraccettivo può essersi verificata tale controindicazione? E se si è verificata dopo un anno significa che la devo cambiare?
Grazie come sempre

[#53] dopo  
Utente 142XXX

Buona domenica dottore.
Associata alla domanda precedente gliene vorrei porre un'altra, se possibilmente non è troppo "tecnica".
Documentandomi un po' sulle diverse composizioni ormonali delle varie pillole, ho letto che ad esempio la composizione della pillola che assumo io (Loette) è di seconda generazione essendo composta dal levonorgestrel. Leggendo di tale ormone ho appreso che esso è di tipo "androgino", cioè può causare irsutismo. Il levonorgestrel veniva impiegato già negli anni ottanta.
Per quanto riguarda gli ormoni di terza generazione, c'è il Desogestrel ed il drospirenone, i quali sarebbero meglio tollerati in quanto già presenti nel corpo della donna, ed agiscono diversamente...
Insomma, se possibile vorrei gentilmente una breve delucidazione su questi tipi di ormoni, su quali sono le loro differenze sostanziali. In altre parole, per il tipo di ormone in sé, qual è il più leggero, se c'è, qual è il meglio tollerato dal corpo.
Grazie tante per una sua nuova risposta, io apprezzo tanto la sua professionalità e la sua cortesia, nonché il tempo che ogni volta mi dedica per rispondere alle mie domande. Mi interesso molto della contraccezione (soprattutto di quella ormonale dato che la devo assumere), mi piacerebbe conoscere ed apprendere tutto per sapere in modo responsabile come agire.
Buone cose

[#54] dopo  
Utente 142XXX

Buonasera gentile dottore, spero di avere una risposta.
Torno a scrivere poiché avrei da chiedere come mai, se mi sa dire da cosa dipende, che il liquido seminale del mio ragazzo mi provoca bruciore, poco dopo il rapporto e per circa una mezz'ora. Dipende da un'irritazione? Oppure da cosa?
Grazie se potrà e vorrà rispondere, buona serata

[#55] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Probabilmente lei ha contratto una vaginite o si potrebbe trattare di una alterazione del pH vaginale con conseguente alterazione della flora saprofitica vaginale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#56] dopo  
Utente 142XXX

Grazie tante dottore. Dal pap test si vede ciò? Una vaginite come si tratta?
E nel caso di alterazione del ph che rimedi ci sono?

[#57] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dal tipo di vaginite(candida,trichomonaseo Gardernerella).
In commercio ci sono acidificanti o alcalinizzanti dell'ambiente vaginale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#58] dopo  
Utente 142XXX

Grazie dottore.
Può portare sterilità negli anni? Ad essere sincera, nei pap test che ho fatto negli anni (ora sono 2 anni che non ne faccio), è sempre risultata un'infiammazione, ma a dir la verità non ho mai approfondito, anche perché ero convinta fosse una cosa passeggera.

[#59] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dal grado di flogosi(infiammazione),comunque non mi sembra una cosa molto grave!
Buone vacanze
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#60] dopo  
Utente 142XXX

Graze dottore, anche a lei.
In che modo una "banale" infiammazione può causare sterilità?

[#61] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se procura un danno alle tube uterine,occludendole!
Oppure creando uno stato alterato a livello cervico-vaginale poco ideale per i movimenti progressivi degli spermatozoi.
Parliamo di casi di infertilità o di sterilità!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#62] dopo  
Utente 142XXX

Accidenti! Io credo di avere quest'infiammazione da qualche anno, speriamo non sia troppo tardi. Per settembre ormai farò finalmente il un pap test (che comunque avevo già stabilito).
Devo però aggiungere che prima dell'ultimo pap test di due anni fa avevo fatto ben due colposcopie, dalle quali i dottori non notarono nulla se non la piaghetta poi bruciata. E' sufficiente la colposcopia per notare alterazioni?

[#63] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#64] dopo  
Utente 142XXX

Ah perfetto, perché in tal caso 3 diversi giniecologi a cui mi sono rivolta non mi hanno riferito nulla di anomalo, ciò non esclude però che dovrò riprendere a far controlli. Per scoprire di che tipo di infiammazione si tratta quale analisi bisogna fare?