Utente
Gentili Dottori,
da circa due anni,sia io che il mio compagno,soffriamo di episodi di candida più o meno frequenti.
sono stata sempre curata per candida albicans infatti abbiamo fatto cure a base di diflucan e sporanox...ma da circa 7-8 mesi non assumiamo nessun antimicotico (nemmeno topico) su consiglio del medico che voleva evitare che si creasse resistenza. anche perchè l'infezione non si risolve,ma puntualmente ritorna!
giorni fa ci siamo sottoposti ad un tampone vaginale e del glande, ed è risultata una Candida spp.
il mio ginecologo ha minimizzato,prescrivendomi esclusivamente degli ovuli di acido borico... lo ammetto,mi ha delusa perchè speravo che mi desse più informazioni,oltre ad una terapia per os. ma si è limitato a dirmi che la candida spp è meno "grave" rispetto alla albicans.
nell'attesa di un ulteriore riscontro medico vorrei porvi delle domande:
innanzitutto che specie è questa candida spp ed è sensibile anch'essa alle comuni terapie a base di fluconazolo ed itraconazolo? chiedo questo perchè,anche dopo 2 cicli di terapia, non ho risolto il mio problema.
inoltre vorrei sapere quali accortezze posso adottare per ridurre le recidive... le stesse indicate per la candida albicans?
chiedo scusa per il mio linguaggio,forse poco consono alla materia...spero sia stata chiara!
ringrazio in anticipo
buon lavoro !

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La Candida spp è un termine generico (microrganismo ampiamente diffuso nell'uomo,negli animali e ,limitatamente ad alcune specie,anche nell'ambiente ,in particolare nel suolo)
La specie C.albicans è quella più diffusa (80% dei casi)
La diagnosi deve essere clinica ,ma principalmente basata sulle indagini microbiologiche: colture specifiche con terreno di Sabouraud,esame ,microscopico.
Quindi bisogna essere certi della diagnosi!
I fattori che possono predisporre all'infezione,possono essere di 2 tipi:
ENDOGENI: diabete mellito,ipotiroidismo,ipertiroidismo,carenza di ferro(?), malattie debilitanti che indeboliscono il sistema immunitario.
ESOGENI: terapia con cortisonici,contraccettivi ormonali,progestinici,,immunosoppressivi,antibiotici,dieta ricca di carboidrati
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
grazie Dottore per la cortese risposta.
quindi mi sembra di capire che basandosi su questi dati (offerti dal tampone) non sia possibile stabilire una terapia? mi corregga se sbaglio!

in aggiunta le illustro il risultato del mio tampone :

TAMPONE VAGINALE (colturale)
ESAME BATTERIOLOGICO numerose colonie di E.coli
RICERCA MICETI diverse colonie di candida spp.
RICERCA TRICHOMONAS V. negativa
FLORA LATTOBACILLARE normorappresentata
RICERCA GARDNERELLA (colturale) negativa

ci tengo a precisare che da tempo ho adottato una dieta che esclude zuccheri,lieviti e quant'altro. ho interrotto l'assunzione dell'anticoncezionale e non mi sono sottoposta a terapie antibiotiche di rilievo.
il mio ginecologo,sulla base di esame visivo, mi ha sottoposto più volte a terapia a base di fluconazolo ed itraconazolo...ma senza risultati,nel senso che terminata la cura il problema ritorna.
questo tampone l'ho fatto di mia iniziativa,sperando che fosse sufficiente per evidenziare il problema e per instaurare un miglior approccio terapeutico.
ora se questo non è sufficiente, oppure il risultato è superficiale allora potrebbe per favore indicarmi a quali altri esami potrei sottopormi? così da avere una diagnosi specifica che mi consenta quantomeno di curarmi.
Grazie!

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un esame batteriologico a fresco del secreto vaginale al momento dell'insorgenza.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora Dottore!
quindi provvederò a questo esame non appena compariranno i sintomi...sicuramente presto!
nel frattempo,mi perdoni,non devo sottopormi a nessuna cura? lei crede non sia necessario? o semplicemente sulla base dei risultati non è possibile impostarne una mirata?
scusi per le domande,ma davvero non riesco bene ad orientarmi...
sembra che tutto sia inutile e che non riesca mai a guarire!

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
non sono in grado di consigliare terapia senza diagnosi precisa
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI