Utente 371XXX
Gentili dottori,
nell'ultima visita ginecologica mi e' stato diagnosticato un polipo del collo uterino e mi è stato consigliato di sottopormi ad isteroscopia per la rimozione ma anche a fini diagnostici.
L'esame, effettuato in anestesia generale ha infatti evidenziato anche la presenza di altri due polipi (nella cavità uterina e sul lato destro) che pure sono stati rimossi ed è stato effettuato un raschiamento.
Dopo l'intervento ho avuto solo perdite marroncine (lievissime, ma quotidiane) che si sono arrestate con la prima mestruazione, arrivata regolarmente.
L'esame istologico ha indicato "polipo mucoso del collo" e "polipo endometriale" per quanto asportato.
Nella visita effettuata un mese dopo l'intervento il chirurgo mi ha detto che andava tutto bene e di consultare la mia ginecologa qualora notassi nuove perdite (che non più avuto) ed anche per valutare se opportuno cominciare un trattamento ormonale.
Dall'isteroscopia sono passati due mesi e mezzo, ho avuto tre volte le mestruazioni sempre regolari ma ho notato che sono molto abbondanti e con dei coaguli (anche più abbondanti di quelle che avevo prima, e che secondo la ginecologa potevano essere dovute al polipo e causarmi la diagnosticata anemia).
Vorrei sapere:
1) se la mestruazione molto abbondante a quasi tre mesi dall'intervento può ancora considerarsi normale.
2) se devo sottopormi ad un trattamento per evitare la formazione di nuovi polipi

grazie

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Vorrei sapere:
1) se la mestruazione molto abbondante a quasi tre mesi dall'intervento può ancora considerarsi normale.
2) se devo sottopormi ad un trattamento per evitare la formazione di nuovi polipi


Per la domanda (1)....No
Per la domanda (2)....conviene eseguire dei test ormonali ed un monitoraggio ecografico del ciclo per avere informazioni sull'ovulazione. Solo dopo questi esami, ovviamente, in assenza di condizioni ecograficamente rilevanti, si potrà pensare ad una terapia ormonale che rimetta a posto il ciclo.


Saluti ed auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 371XXX

Gentile Dottore,
la ringrazio per la risposta.
Potrebbe indicarmi in che consiste il monitoraggio ecografico del ciclo e che intende per assenza di condizioni ecograficamente rilevanti?
sono molto preoccupata perche' prima di togliere i polipi non avevo nessun sintomo, se non l'anemia che ho avuto spesso fin dall'adolescenza.
grazie ancora

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Monitoraggio ecografico del ciclo...
Si inizia con un'eco vaginale fra l'ottavo ed il decimo giorno del ciclo. Le altre eco a richiesta dell'Operatore, hanno lo scopo di dare informazioni sulla presenza o meno dell'ovulazione ogni ciclo considerato.

Condizioni ecograficamente rilevanti....
presenza di cisti ovariche, fibromi, polipi e quant'altro.



Saluti ed auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli