Utente
Ho effettuato due cicli con Clomid ma purtroppo la sperata gravidanza non è arrivata. Ho assunto 50gm per cinque giorni a partire dal 5° giorno pm. Le mestruazioni sono arrivate dopo 31 giorni durante il primo, dopo 32 durante il secondo. Dall'ultimo monitoraggio risultavano due follicoli predominanti che però non so se siano giunti entrambi a maturazione poiché per vari motivi non siamo riusciti a fare l'ecografia per accertare l'avvenuto scoppio.
Vorrei sapere cosa comporta l'inizio del Clomid in 5°giornata. Se si anticipa al 3° o 4° che conseguenze ha? Il ciclo rientra nei 28 giorni "normali" oppure influisce sulla risposta follicolare? Ora sono al secondo giorno di mestruazioni e sto aspettando risposta dal mio ginecologo al riguardo, ma nel frattempo sarei lieta di avere anche altri pareri.
Il mio medico mi ha detto di fare ancora un tentativo con Clomid e poi si vedrà. Sono un po' demoralizzata visto che è più di un anno e mezzo che siamo alla ricerca di un bambino e la mia età non gioca a favore.
Sono grata a chiunque possa darmi informazioni.

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Non possiamo, per statuto, esprimerci sulle terapie impostate dai Curanti.
I riferimenti riguardo al rapporto fra giorni di somministrazione del farmaco e durata del ciclo sono normali.
Credo sia sempre utile il monitoraggio della risposta ovarica per via ecografica, così da intercettare i giorni di massima fertilità nei quali avere il rapporto mirato.
Certo che l'età over 35 non gioca a Suo favore, ma seguendo le indicazioni del Collega, credo si potrà giungere al tanto atteso traguardo.

Mi tenga aggiornato se crede.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente
Gent.le Dr.

la ringrazio per la risposta. Vorrei tuttavia chiederle un parere su una cosa che non mi è ancora chiara, ovvero i risultati delle mie analisi ormonali. Il mio ginecologo ha detto che tutto è nella norma ma c'è un valore anomalo di cui non capisco il significato. Le riporto i valori del prelievo effettuato il 3° del ciclo:

- TSH 1.04 uUI/ml
- LH 10.2 mUI/ml
- FSH 7.0 mUI/ml
- PROLATTINA basale 19.3 ng/ml
- ESTRADIOLO (E2) 31 pg/ml
- Ormone Anti Mulleriano 12.70 ng/ml (Donne 3° gg del ciclo: 0.16 - 10.6 / Metodo: Immunoenzimatico)

Questo ultimo valore, l'anti mulleriano, era l'unico segnato in grassetto e che in effetti non è nella norma. Il mio medico quando ho chiesto mi ha detto che rivela una buona riserva ovarica. Ma io ho letto che potrebbe essere sinonimo di PCOS anche se dalle eco non risultano alcune cisti e il dottore mi ha sempre detto che tutto va bene. Prima di iniziare con clomid, tuttavia avevo cicli di ben 46 giorni. Regolari, e a detta del dottore con ovulazione probabilmente presente.

Cosa ne pensa lei del valore dell'Anti Mulleriano? E' un problema per il tentativo di gravidanza?
Cordiali saluti

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
L'ormone antimulleriano è un problema quando è presso lo zero o indosabile. I suoi valori indicano un'ottima riserva ovarica. Gli esami ormonali sono nella norma. Non mi preoccuperei più di tanto.


Saluti ed auguri.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli