Utente 372XXX
Gentili Medici,

vi contatto perchè ho dei dubbi.

In data 31 gennaio ho avuto un rapporto sessuale parzialmente non protetto (penetrazione senza preservativo per pochi minuti, SENZA eiaculazione), successivamente ho continuato l'atto con il preservativo ma, dopo il coito, esso è rimasto parzialmente in vagina. Durante l'estrazione manuale praticata dal mio partner, parte del liquido si è rovesciato sul materasso, ma lui ritiene che io non ne sono venuta a contatto.

In rete ho letto teorie controverse in merito alla possibilità di rimanere incinta solo attraverso il liquido pre-eiaculatorio, pertanto in me vi è il dubbio che vi sia la probabilità di concepimento (sia per il liquido pre-eiaculatorio, sia per eventuali gocce di sperma che potrebbero avermi sporcato nonostante il partner sostenga il contrario).

L'ultima mestruazione l'ho avuta il 22 gennaio (quindi il rapporto è avvenuto al nono giorno), tuttavia non sono regolare, infatti la precedente è avvenuta il 5 gennaio (quindi appena 17 giorni prima) e quella ancora prima il 13 dicembre (quindi con 23 giorni di differenza).

Questa mattina ho notato alcune perdite color cioccolato, ma relativamente chiare e tendente al giallognolo poi non ne ho più avute per tutto il giorno. Vorrei aggiungere che da circa 10 giorni ho un problema di candida che sto trattando (non so se possa essere un dato aggiuntivo utile).

Dal giorno 31 gennaio ho iniziato ad avere tensione al seno (pertanto ho cominciato a sospettare che in concomitanza al "rapporto a rischio" possa essersi verificata una ovulazione) e la suddetta sensazione si è perpetuata ed intensificata fino ad ora. Il seno mi fa davvero male anche soltanto sfiorandolo, e fisicamente è molto duro. In viso mi sono riempita di acne. Negli ultimi giorni non riuscivo ad addormentarmi fino a tarda notte sebbene fossi molto stanca, e da ieri pomeriggio avverto una leggera nausea, ma continuativa. Ho notato anche che da qualche giorno provo una strana sensazione di pesante stanchezza e sonnolenza. Mi sveglio alle 9, e alle 14 sento il bisogno di andare a dormire in quanto mi sento letteralmente stravolta. Non so se questi sintomi siano frutto di suggestione, ansia o se magari siano dovuti alla candida vaginale oppure se segnalano un ciclo "più violento" in arrivo...tuttavia mi chiedo se al 12esimo giorno dal "rapporto a rischio" posso effettuare il normale test di gravidanza o se rischio di ottenere un eventuale "falso negativo" a causa della precocità?
Vale la pena farlo? O meglio aspettare?

Vorrei sapere inoltre se è realmente fattibile poter rimanere incinta soltanto attraverso il liquido pre-eiaculatorio!

Mi sento preoccupata,

Grazie a chi mi risponderà!

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sottolineo che il "coito interrotto" presenta un alto rischio di insuccesso legato alla eventuale (sottolineo eventuale) presenza di spermatozoi nel liquido pre-eiaculatorio.
A maggior ragione se il condom sfilato sia rimasto in vagina.
In questi casi era consigliabile l'assunzione della contraccezione di emergenza come l'ELLA-ONE o il Norlevo .
In questo momento deve soltanto eseguire un test di gravidanza,
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI