Utente 366XXX
Buongiorno,
circa tre settimane fa sono andata dal ginecologo per fastidiosi bruciori intimi. Il giorno stesso in cui sono andata a fare la visita la mattina ho avuto un forte bruciore, accompagnato da una piccola perdita di sangue rosea che ho notato solo pulendomi. Questi bruciori mi vengono frequentemente nel periodo in cui sono attiva sessualmente, ma in passato non ho mai avuto problemi di perdite ematiche e si risolveva il tutto con una crema per un paio di giorni. In parallelo avevo una leggera nausea con difficoltà a digerire correttamente i cibi.
Dalla visita il ginecologo mi ha detto che non era un problema della vagina, che risultava a posto, ma probabilmente un problema della vescica che di conseguenza infiammava le labbra esterne, per cui mi ha prescritto un urinocoltura e 7 gg di cura con Ciproxin+AB300.
Al momento della cura i sintomi sono spariti, ma alcuni giorni dopo dopo rapporti sessuali mi si è ripresentato il bruciore con nausea e digestione difficoltosa. Oggi ho nuovamente avuto un forte bruciore con conseguente perdita rosea, come è successo 3 settimane fa. Credevo fosse l'inizio del ciclo, dato che avevo gli stessi sintomi e visto che mi deve arrivare il 17, invece è stata una perdita unica.
Nel frattempo sto aspettando i risultati dell'orinocoltura.
In queste settimane ho avuto rapporti protetti da profilattico, quindi non credo che siano perdite dovute ad un possibile impianto, ma legate al bruciore che si presenta appena prima, corretto?
Secondo voi di cosa si tratta e come posso superare il problema?

Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto non deve usare creme , ovuli , e ti. Senza una diagnosi certa in quanto la terapie sono diverse in caso di Candida, vaginosi batterica, trichomonas, vaginite aerobica,
Per risolvere il problema deve abolire il " fai da te'" , eseguire un esame batteriologico a fresco del fluor vaginale, una valutazione del pH e poi impostare una terapi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 366XXX

Buongiorno dottor Blasi,
la ringrazio per la risposta.

Non è stato un "fai da te", ma sempre terapie date dal mio ginecologo.
Ora sto usando soltanto l'AB 300Plus, nel mentre che aspetto di ricevere i risultati. Devo abolire anche quella? Il bruciore è abbastanza forte e preferirei contrastarlo in qualche modo.
Il Nuvaring posso tenerlo o dà fastidi?
Quindi secondo lei un urinocoltura non basterà per capire quale sia il problema?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi deve capire , come faccio a darle una terapia senza una diagnosi , potrei darle un consiglio errato.
Il Nuvaring non da alcun fastidio
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI