Utente 137XXX
Buongiorno,
Vi chiedo un aiuto per cercare di capire meglio la mia situazione, nonostante la mia ginecologa continui a rassicurarmi.
Ho quasi 40 anni, l'anno scorso a luglio dopo pap test Hpv positivo per lsil, la dottoressa mi ha consigliato di aspettare le vacanze e rifare gli esami per vedere se la cosa rientrava da sola. Dopo aver eseguito virapap con ceppo 52 (alto rischio) mi ha detto di fare colposcopia.
A dicembre ho quindi eseguito la colposcopia con seguente esito:
Giunzione squamo colonnare parzial. Visualizzata, epitelio originario j+, zona di trasformazione normale - ntz - incompleta iodochiara
Zona di trasf. Anormale antz 1 - epitelio bianco antz 1 - mosaico regolare
Reperti associati a cheratosi des-like
Nella stessa data mi eseguono conizzazione (leep) con biopsia con seguente esito:
Lembi disaggregati di epitelio della GSC sede, ove orientabili, di CIN 2, non estesi agli sfondati ghiandolari , lesione associata a infezione virale.
Dopo 6 mesi al controllo effettuato a giugno di quest'anno , nonostante credevo sarei guarita subito, il pap test diceva hsil ceppo 18 e la colpo dice:
GSC non visualizzata zona trasformazione antz 1, puntato regolare , reperti associati a cheratite condilomatosi Florida, condilomatosi micropapillomatosi des like , condiloma ore 3 .
Mi hanno rifatto leep e dtc e dicendomi che ha tolto tutto quello che ho visto.
Sono molto preoccupata perché ero convinta di aver concluso la mia odissea e infine vorrei sapere:
1. Guarirò da questa situazione?
2. Se il mio sistema immunitario in un anno non ha fatto il suo dovere , ci sono farmaci che posso prendere per stimolarlo?
3. Se la GSC non è visualizzata provoca problemi di fertilità?
4. Prima di fare la seconda leep stavo cercando un bambino e avendo già 40 non vorrei temporeggiare ancora, come devo comportarmi?
Poiché sto cercando un bambino , come potrei proteggermi con il mio compagno ? E comunque dovrei proteggermi a tempo indefinito dal momento che ho avuto la recidiva?
la biopsia dice condiloma con displasia basso ed alto grado....
Questa situazione non mi fa più dormire.
Vi ringrazio se vorrete rispondere ai miei dubbi.

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Importante è eseguire una FISH sulle cellule cervicali nelle aree sedi di anomalie colposcopiche. La FISH evidenzia anomalie cromosomiche localizzate su 4 o 6 cromosomi, mettendo in luce eventuali alterazioni foriere di una potenziale trasformazione neoplastica.
In caso si presentino queste anomalie non esiterei ad eseguire una conizzazione più vasta incidendo in tessuto sicuramente sano sotto guida colposcopica, lasciando aperti i margini della ferita dopo averli diatermocoagulati.
Il discorso gravidanza è da posticipare agli esiti valutandoli almeno a 9 - 12 mesi associando, nel frattempo, una idonea terapia immunostimolante locale e generale.
Ovviamente il partner va controllato non solo al pene, ma anche al cavo orale, così come dovrebbe fare anche lei.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 137XXX

Grazie della risposta . Lei mi potrebbe consigliare una terapia immunostimolante locale e generale, già ora, dal momento che la mia dottoressa non me l'ha mai proposta?
Ho fatto la seconda leep e dtc il 13/7
La dottoressa mi ha detto che ha dovuto fare dei ritocchini.
Grazie

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Non possiamo suggerire terapie sul sito. ciò è contrario alle nostre regole.
Proporre, invece, una FISH su di un prelievo cervicale è ciò che faccio nel Suo caso.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente 137XXX

buongiorno, in merito al mio problema sopra esposto, vorrei capire qualcosa in più.
quanto tempo di mette la lesione precancerosa CIN 2 a formarsi dal momento dell'infezione?
è possibile che la lesione precancerosa cin 2 sia presente già dopo un mese dal rapporto?

che relazione c'è tra des-like e hpv?

grazie molte

[#5] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
IL lag time fra infezione virale e comparsa di anomalie cellulari è differente da persona a persona, dipendente dalla possibilità dell'esposizione all'agente infettante, dalla sua carica, dai meccanismi difensivi locali e generali del soggetto infetto, ecc.ecc.. Non si possono tracciare limiti temporali precisi; ma comunque si tratta di cambiamenti lenti a verificarsi, non subitanei.
Un mese da un rapporto "infettante" ...no. Ma siamo sicuri non vi fosse anche prima? Questo non può dirlo nessuno.
Des-like è una sigla che individua della alterazioni simili a quelle che si verificavano in passato con l'uso di un farmaco: il dietilstilbestrolo. Si tratta di lesioni prevalentemente iperplastiche-ipertrofiche. Alcune della manifestazioni dell'infezione da HPV possono richiamare lesioni des-like. Non tutte, però.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente 137XXX

La ringrazio dottore.
Mi potrebbe spiegare meglio relazione des like e Hpv?

Io ho fatto il pap test a novembre 2013 e non era risultato nulla, poi l'ho ripetuto a luglio 2015 e il risultato del pap test era lsil.
In seguito a colposcopia e successiva biopsia effettuata a fine ottobre è risultato appunto cin2. Tutto ciò che tempi potrebbe aver avuto?
Grazie molte

[#7] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Nel tempo da lei indicato si concretizzano le trasformazioni che lei ha elencato. Siamo "nella norma".
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli