Utente 129XXX
Buonasera a tutti!!!
Approfitto nuovamente di questo spazio per chiedere un consiglio, nonchè sia passato del tempo....
O forse, più semplicemente, ne approfitto per sfogarmi visto che molti laboratori di analisi son chiusi per le festività e non sono ancora riuscita a trovare il mio ginecologo per fissare un appuntamento...
Ho 27 anni, compiuti da una settimana, e sono al 13°giorno di ritardo del ciclo. Mai saltata una mestruazione, sempre avuta al 28° giorno...tutt'al più io anticipo, nei periodi di maggiore stress.
Venerdì 26 dicembre ho eseguito in casa un primo test di gravidanza, che ha dato esito positivo. L'indomani ne ho eseguito un secondo, nuovamente positivo.
Ammetto che, al momento, è stato scioccante in quanto io ed il mio compagno non eravamo in cerca della cicogna e a tutto pensavamo ora, meno che a questo.
Sabato andrò a fare l'esame del sangue per confermare, o eventualmente smentire.
Ho mille dubbi, curiosità, domande, preoccupazioni...penso sia naturale in tutte le donne, soprattutto se parliamo di una prima gravidanza...e penso lo sia ancora di più quando l'evento arriva del tutto inaspettato.
Da qualche giorno ho delle abbondanti perdite, che variano dal bianco cremoso al giallino/marroncino chiaro.
Quelle trasparenti credo siano secrezioni normali.
A volte, avverto nella prima parte della vagina, verso l'esterno, una lieve sensazione di prurito/pizzicore....ma a parte questo, il sintomo che mi crea più disagio è il "gonfiore" della parte esterna. Ormai non tollero più alcun sapone intimo (tra l'altro, sempre presi in farmacia e da circa 8 mesi uso Ginexid schiuma) e lungi da me usarne...faccio lavaggi con acqua tiepida ed amido di riso e per non esagerare, spesso mi lavo con il solo getto dell'acqua corrente. Eppure anche questo sembra darmi fastidio...sembra che ad ogni lavaggio, dopo essermi asciugata, diventi più "pesante"....alle volte il pizzicore si accentua al passaggio dell'urina, come se si creasse un "tappo".
Di significativo posso dire che negli ultimi 8 mesi ho sofferto due volte di cistite...la prima causata da enterococco e la seconda (due mesi fa, cistite emorragica) causata da escherichia coli. Non ho una motilità intestinale regolare, tra l'altro sono una persona emotiva e nei periodi in cui si sono scatenate le cistiti soffrivo in particolar modo di stitichezza. 6 mesi fa ho perso mio padre e questo è stato per me un anno molto stressante, sia da un punto di vista fisico che mentale.
Mi chiedo se questo mio problema possa essere in qualche modo legato alla variazione del ph vaginale (ne soffrivo in modo lieve quasi tutti i mesi, ma scompariva con l'arrivo della mestruazione!) o se possa trattarsi di candida, od altro.
Al lavoro sono costretta a tenere per molte ore una divisa sintetica che non lascia traspirare la pelle...ed il mese scorso ho avuto un brutto "riscaldamento"....non riuscivo neanche a tenere i pantaloni.
C'è qualcosa che potete consigliarmi, in attesa della visita? Un buon sapone non aggressivo e lenitivo, un prodotto rinfrescante....io in casa per la candida ho soltanto il "micostop" ma senza consiglio medico non oso mettere nulla.
Il mio compagno durante gli ultimi rapporti ha avvertito un senso di bruciore che si protraeva anche durante la minzione (ma sempre della parte esterna). Non so se le due cose possano essere correlate.
Nel caso in cui si trattasse di candida e nel caso in cui la gravidanza venisse confermata, può nuocere al feto?
Resto in attesa di qualche consiglio che possa aiutarmi a trovare un pò di beneficio....
Vi ringrazio infinitamente e colgo l'occasione per augurare a tutto lo staff un felice 2009.12945

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La Candidosi vaginale è quasi sempre presente in gravidanza per la ricchezza di glicogeno delle cellule vaginali.
E' preferibile curarla,ma non porta danni al feto,solo al momento della nascita(se per via vaginale)potrebbe causare una CANDIDOSI ORALE(mughetto).
Felice 2009
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI