Utente 447XXX
Ho 25 anni e premetto che sono sempre stata regolare nei cicli mestruali, tranne 2 anni fa che in seguito ad un evento traumatico non l'ho avuto per 3 mesi. In data 5 maggio 2018 ho avuto il ciclo normalmente. Da allora...non ci sto capendo più nulla. L'ho riavuto dopo 111 giorni...il 24 agosto. È durato 1 settimana...con perdite scure iniziali...verso gli ultimi 2 giorni...rosse. Da agosto prendo le bustine di clositol (inositolo, acido folico) ma questo mese è saltato di nuovo. Mi è capitato di avere solo piccolissime perdite rosse sulla carta giovedì sera poi niente piu...e poi sabato sera e niente più.
A gennaio di quest'anno ho fatto l'ecografia di controllo, tutto nella norma...ho eseguito il dosaggio ormonale (progesterone, 17 beta estradiolo, prolattina, ormoni tiroidei) tutto nella norma.
(Il dosaggio della tiroide lo faccio ogni anno avendo la tiroidite autoimmune in seguito a un ipertiroidismo risoltosi spontaneamente, adesso risulta la tiroidite solo dal quadro ecografico mentre le analisi sono sempre nella norma. )
Il mio ginecologo mi dice che si tratta di un disturbo disfunzionale e che si risolverà da solo. Intanto sto continuando ad assumere clositol ma non mi capacito di questa situazione vorrei vederci più chiaro. Se fosse un adenoma ipofisario, dovrebbe sballare la prolattina? Io ho fatto una rm alla testa e una tac nel 2015 a causa di forti emicranie che ora sono risolte. Ed era tutto ok...un eventuale adenoma dato che è a lento accrescimento si sarebbe visto già da 3 anni fa? O dovrei rifare una tac? Non ho dosato lh ed fsh, può essere utile farlo o bastano quelli citati sopra? (Lh, fsh li ho dosati 2 anni fa a causa di quell'altra amenorrea ed erano nella norma)Avendo cambiato casa. . . Potrebbe essere un blocco dovuto al cambiamento? E queste piccolissime perdite rosa-rosse che ho avuto giovedì e sabato cosa stanno a significare? Attendo vostre risposte.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In questi casi è molto importante la valutazione della risposta allo stimolo con progesterone (test al progesterone), valutazione corretta del bioritmo della prolattina eseguendo prelievi seriati a distanza di 20-30 minuti da un ago lasciato a dimora in vena per un'ora prima di iniziare i prelievi.
Valutare l'andamento dell' FSH e valutare la situazione ormonale dopo stimolazione dell'ovulazione.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI