Utente 456XXX
Gentili dottori, vi chiedo un parere su una condizione che mi affligge ormai da anni.
All'inizio della mia attività sessuale non avevo nessun tipo di problema o dolori. Il tutto è iniziato dopo una forte candida, ormai 4 anni fa. Curata da sola con ovuli di ginocanesten i sintomi non miglioravano anzi, così alla fine ho contattato la ginecologa che mi ha prescritto fluomizin e diflucan. Da allora ho sofferto di candide recidivanti, curate con una marea di diverse medicine sia orali che locali. Da allora inoltre avverto la parete interna delle piccole labbra come ruvida al contatto, bruciore che si presenta con ogni tipo di contatto (compresa penetrazione e quando mi lavo) e dolore durante i rapporti. Tutti i tamponi vaginali che ho fatto hanno riscontrato la presenza dello streptococcus agalactiae.
Negli ultimi due anni sono riuscita a tenere sotto controllo la candida, graie ad AB 300 PLUS in fase acuta e due applicazioni dopo il ciclo mestruale di ESTROMINERAL PROBIOGEL (ho cicli molto lunghi di 50 gg circa).
Purtroppo pur riducendo gli episodi di candida a 5 all'anno il dolore durante i rapporti non passa, nemmeno con l'uso di lubrificanti specifici prescritti dal ginecologo (VIDERMINA MUSCUS)
Il ginecologo mi ha consigliato di lavarmi con VEA TT DETERGENTE INTIMO, con cui mi trovo bene, ma nonostante questo il dolore non passa, anche quando sono ben lubrificata. Comincia a recarmi davvero danno fisico e spicologiaco, oltre che nel rapporto col mio compagno.
Può essere vulvodinia?

[#1]  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Dando per scontato che siano stati esclusi problemi di altra natura (per es.dermatologici) , i sintomi che descrive potrebbero far pensare a questo tipo di malattia, ma per la diagnosi e l'eventuale terapia, è opportuno rivolgersi a uno specialista che conosca la vulvodinia.

Il test che consente di fare la diagnosi è lo swab test o test del cotton fioc, oltre la visita ginecologica che valuta l'eventuale presenta di ipertono della muscolatura del pavimento pelvico, i trigger points, alterazioni del ph vaginale ecc.

Qui può leggere altre informazioni sui sintomi, la diagnosi e le terapie per la vulvodinia:

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/908-bruciore-dolore-vaginale-e-rapporti-dolorosi-i-sintomi-della-vulvodinia.html

Un caro saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org

[#2] dopo  
Utente 456XXX

Gentilissima dottoressa, intanto la ringrazio per la celere risposta. ho letto il link che mi ha inoltrato e mi riconosco in molti dei sintomi descritti. Nel mio caso la situazione va avanti da anni, e peggiora sempre più...
Vorrei davvero risolverla a questo punto ma ho provato tanti ginecologi senza trovare nessuno che mi abbia mai davvero aiutata. Ho paura che cambiando ancora ginecologo così alla cieca mi trovi ancora peggio. Io mi sposto tra Firenze Modena e Bologna, per caso potrebbe conoscere o consigliarmi un centro o un medico specializzato in vulvodinia a cui rivolgermi? non mi fido più
La ringrazio infinitamente

[#3]  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Non esistono purtroppo ancora dei "centri" specializzati e non posso in questa sede darle dei nomi specifici di Colleghi, però può cercare in rete e troverà alcuni siti dedicati alla vulvodinia dove sono citati vari medici che si occupano di questa patologia in varie città italiane.

Le auguro di risolvere presto tutti i suoi problemi!

Un caro saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.org