Utente
Buongiorno,
ho 37 anni e sono incinta del mio primo figlio da 4 settimane.

Sono una sportiva, sempre stata attenta all'alimentazione.
Pochi carboidrati, dolci raramente, molta frutta e verdura, tanta acqua, cibi poco grassi e cotti sempre in modo leggero e salutare.
Da quando sono incinta però il mio consumo di carboidrati è aumentato.
La mattina mangiavo sempre due fette biscottate col latte di mandorla e una puntina di miele, ora devo mangiarne almeno 4, e a volte sento proprio la necessità di variarle con qualche biscotto (5/6).
Non uso mai zucchero.
A pranzo o cena se prima non mangiavo quasi mai pane (ma solo riso o un pugnetto di pasta o 2/3 gallette di farro) ora devo mangiarlo.
E s volte anche a merenda (anche se mangiandolo a merenda poi evito di mangiarlo a cena).
In più ho spesso voglia/necessità di cioccolato.
La frutta solo durante gli spuntini.

Dico necessità perché avverto proprio debolezza, tanto da sentire le gambe cedermi.
Sensazioni che passano appena mangiato.
Sto esagerando?
Non vorrei provare mio figlio dei nutrienti ma non vorrei nemmeno ingrassare eccessivamente.
Sia per un fattore estetico che di salute di entrambe.
Soprattutto in questo periodo di quarantena in cui non posso uscire ne lavorare.
Anche se durante il giorno faccio ugualmente esercizio fisico e mi occupo della casa.

Cosa mi consigliate?

Scusandomi per essere stata prolissa, porgo
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Seguire una dieta quotidiana il più possibile varia e contenente tutti i principi nutritivi
Fare 4-5 pasti al giorno
Mangiare lentamente, l’ingestione di aria può dare un senso di gonfiore addominale
Bere almeno 2 litri di acqua al giorno, preferibilmente oligominerale, non gasata.
Da limitare
Caffè e tè: preferire i prodotti decaffeinati o deteinati
Sale: preferire quello iodato
Zuccheri: preferire i carboidrati complessi, come pasta, pane, patate
Uova: non più di 2 a settimana, ben cotte
Grassi: preferisci l'olio extravergine di oliva.
Questi sono i consigli che solitamente riferisco alle gestanti
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr.Blasi. La ringrazio per i consigli. Seguo già quello stile alimentare e non solo ora che sono in gravidanza. La mia preoccupazione è la necessità di mangiare più carboidrati sia semplici che complessi. Quasi come che l'organismo non possa più farne a meno. Quindi la mia domanda è: devo assecondare (ovviamente con criterio) le richieste del mio corpo o no? Stanotte per esempio avevo fame ma mi sono obbligata a non cedere. Col risultato di non aver dormito ed essermi svegliata con un mal di testa incredibile.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'importante è non eccedere
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Prima di ringraziarla vorrei farle un'altra domanda. È da due giorni che ho notato il seno leggermente più sgonfio e sono molto preoccupata. Ho avuto un aborto spontaneo all8 settimana due mesi fa e ho paura stia succedendo la stessa cosa. Dovrei essere alla 4 settimana. Ieri ho fatto le beta e risultano essere a 572. Non vorrei essere pesante ma non potrò parlare col ginecologo prima di martedì e sono molto preoccupata.
Grazie