Utente
salve, da novembre durante ogni ciclo mestruale accuso dolori intensi al braccio, spalla e collo nella parte destra. Il dolore si intensifica la notte, al punto da dover prendere Brufen per tutta la durata del ciclo. Per i primi tre giorni mi fa male la spalla, il braccio e la scapola, nei giorni successivi si sposta a sinistra, fino alla zona cervicale. Finito il ciclo mestruale il dolore si attenua fino a sparire qualche giorno dopo. Ho consultato diversi fisioterapisti e fatto esami al collo e alla spalla ma non è risultato altro che una sindrome da conflitto alla spalla dx. Potrebbe esserci una correlazione tra il dolore generato dalla sindrome da conflitto ed il ciclo mestruale? Il dolore si intensifica il 2° e 3° giorno quando il flusso diventa abbondante. Ho sentito parlare di endometriosi, potrebbe essere il mio caso?

Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Gentile signorina,
l'endometriosi può essere cauda di lombalgia non certo di cervicalgia.
La concomitanza da lei osservata può essere occasionale oppure in parte collegata a fattori di circostanza.
Ad esempio se lei ha un ciclo doloroso e tende ad assumere posizioni coatte, durante il sonno nelle notti in cui ha il ciclo, è possibile che queste posizioni inducano modificazioni della spalla e del cingolo scapolo toracico e in tal modo riducano lo spazio per i vasi succlavi e/o i tronchi del plesso brachiale. In poche parole Lei potrebbe soffrire di una sindrome dello stretto toracico subclinica (= non particolarmente importante tanto da darle sempre e comunque disturbi neurovascolari agli arti superiori...) e ma sufficiente a manifestarsi in determinate condizioni viziate o di stress della spalla.

Tenga conto, inoltre, che se lei è tendenzialmnete ipotesa, come spesso succede in donne giobvani della sua età, il deficit di afflusso in periferia è dunque più marcato.

Inoltre è da segnalare che la presenza concomitante di una sindrome da conflitto della spalla a volte rischia di mascherare la Sindrome dello stretto e fuorviare l'attenzione.

Per valutare la situazione potrebbe essere utile eseguire un ecodoppler per i vasi succlavi con test dinamici. Una eventuale EMG dovrà essere valutata solo a seguire una visita di un ortopedico o di un chirurgo vascolare che dovranno visitarla dopo che avrà eseguito l'ecodoppler citato.

Cordialmente.
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#2]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dal punto di vista ginecologico,l'endometriosi potrebbe interessare la cupola diaframmatica,il polmone,la mucosa nasale,l'ombelico,la vescica e il fegato(siti non molto frequenti di endometriosi)e di conseguenza offrire una sintomatologia meno comune e sistema -specifica.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#3]  
Dr. Franco Dolci

20% attività
0% attualità
0% socialità
LECCO (LC)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
In base alla sintomatologia (dolore ripetutamente coincidente con il flusso mestruale) l'ipotesi di una endometriosi della cupola diaframmatica, seppure rara, è tra le prime da considerare.
Siccome tale tipologia di endometriosi è spesso associata ad altre localizzazioni di endometriosi profonda, potrebbe essere interessante sapere se coesiste un dolore mestruale soprattutto successivo al primo giorno di flusso, un dolore nei rapporti sessuali profondi, uno stimolo alla defecazione particolarmente presente in fase mestruale.
Se tale sintomatologia fosse presente, un approfondimento diagnostico sarebbe opportuno.
Dr. Franco Dolci
U.O. Ostetricia e Ginecologia
Casa di Cura G.B. Mangioni
Lecco

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
D'accordo con il Collega DOLCI,si potrebbe pensare ad una laparoscopia diagnostica.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI