Utente
Buonasera, ho subito isterectomia con annessiectomia un anno fa, a novembre 2019.
E' stato un intervento in laparoscopia, di tipo radicale, con asportazione anche della parte superiore della vagina.
Si trattava di un adenocarcinoma endometrioide G2, con infiltrazione nella metà interna dell'utero.
I medici non hanno ritenuto che dovessi fare chemio o radio; per ora, quindi, faccio esami periodici e visite ginecologiche.
Il problema è che dal primo periodo post intervento non ho mai smesso di avere perdite di colore giallo.
La prima visita ginecologica con pap test, slittata a luglio 2020 causa Covid, è andata bene, così come l'ecografia addome completo e la tac torace e addome completo.
Sono preoccupata, da cosa possono dipendere queste secrezioni?

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le perdite vaginali che riferisce potrebbero essere legate o a "tessuto di granulazione " (tessuto cicatriziale) esuberante presente sul fondo vaginale (collo uterino non è presente per ovvi motivi ) oppure ad una vaginite batterica .
Va fatta una valutazione con esame speculare e eventuale esame batteriologico a fresco del secreto vaginale .
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI