Utente 457XXX
Buongiorno, ho 21 anni e mi rivolgo a voi perché ormai da 10 mesi soffro di alcuni disturbi che mi stanno rendendo davvero difficile affrontare la quotidianità. Tutto è cominciato tra luglio e agosto 2017, quando, in un periodo di forte ansia e stress, ho cominciato ad avvertire un senso di ovattamento alle orecchie accompagnato da degli scricchiolii quando ingoiavo. Inizialmente mi sono rivolta a un otorino, il quale ha rilevato un’otite che ho provveduto a curare con antibiotici. Nei mesi successivi questi fastidi si sono intensificati: hanno fatto la loro comparsa anche capogiri, vertigini, ipersensibilità ai suoni più acuti, difficoltà a distinguere i suoni e le voci in ambienti aperti o confusionari; mi sento costantemente instabile e confusa, ho spesso mal di testa (che si concentra per l’appunto nella zona delle orecchie e frontale) e provo fastidio anche nel sentire la mia stessa voce. Ho quindi provato a consultare altri otorini e un neurologo, ma nessuno di loro è riuscito a fornirmi l’aiuto necessario; ho provato a seguire, su consiglio di uno psicologo e uno psichiatra, una terapia farmacologica per combattere l’ansia, ma, mentre l’ansia è diminuita, la sintomatologia fisica nei mesi è soltanto peggiorata, il che mi ha fatto oensare che non sia un problema psicosomatico. Nel frattempo, su suggerimento di un fisioterapista, al quale mi ero rivolta per un problema di rigidità cervicale, ho cominciato a portare un paradenti di notte perché soffro di bruxismo. Inoltre ho moltissimo dolore in corrispondenza dell’articolazione temporo mandibolare (sotto l’orecchio, alla mandibola) e ho costantemente la sensazione di avere una sorta di “peso” in quella zona, che si irradia anche al collo e alla gola. Non so se poi possa essere dovuto a questo disturbo, ma ho anche notato che, in corrispondenza dell’insorgenza di questi disturbi, ho cominciato ad avere problemi con la messa a fuoco (specifico che sono miope, quindi ho fatto una visita oculistica dalla quale è risultato che gli occhi sono sani e non è cambiato niente).
Dato che le orecchie sono sane, tutti questi disturbi potrebbero dipendere da una disfuzione dell’articolazione temporo mandibolare?
Grazie per l’attenzione

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il suo problema nasce probabilmente da una disfunzione tubarica.
La tuba mette in comunicazione il faringe con l’orecchio medio , e serve ad aerarla e a mantenere l’equilibrio pressorio fra le due superfici del timpano. Quando l’equilibrio pressorio si altera, si ha una sensazione di “ovattamento”. Il funzionamento della tuba è stimolato dai movimenti del condilo mandibolare e dai muscoli coinvolti nella deglutizione: infatti , quando sentiamo questo "ovattamento", solitamente cerchiamo di muovere la mandibola o deglutire, il che, in un orecchio normale, favorisce lo "stappamento" , che é in realtà un compenso delle diverse pressioni sulle due superfici del timpano
Quando invece, come mi pare di capire nel suo caso, questo non accade, o accade con difficoltà, (disfunzione tubarica) a volte siamo di fronte ad un conflitto che si instaura fra la tuba e il condilo della mandibola, nell'ambito dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) , dovuto a sua volta alla malocclusione dentaria con malplosizione mandibolare.
Questa situazione sfavorevole si accompagna spesso agòli altri sointomi da lei riferiti: cefalea, vertigine, bruxismo, argpmenti sui queli può leggere gli articoli qui lnkati:

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-cefalea-viene-bocca.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html

Veda anche questo articolo sul bruxismo, e apra il link che trova alla fine del testo (la discussione che ne segue è invece abbastanza inutile).
https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/7140-ruolo-occlusione-patogenesi-bruxismo.html

Oltre lo specialista ORL e il neurologo, le consiglierei quindi di consultare anche un dentista-gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare e nei rapporti fra questa e l’orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com