Utente 208XXX
Gentili dottori
vi espongo il mio problema, da circa un mese ho bruciori durante la minzione e durante l'eiaculazione, il tutto si e accompagnato a una leggere febbre 37max e mal di gola con linfonodi ingrossati che è durata circa una settimana, il tutto è iniziato circa tre settimane dopo un rapporto vaginale protetto da profilattico con una persona che non conoscevo.
volevo sapere secondo voi se rischio di avere contratto l'hiv insieme a una qualche altra malattia sessuale oppure se i sintomi sono riconducibili a qualche malattia sessuale specifica.
sono molto agitato ho fatto urinocoltura negativa e i dottori che ho consultato dopo mi hanno fatto fare una spermicoltura.
secondo voi dovrei fare anche il test hiv?
in questi giorni noto anche una follicolite sparsa un po qua e la sul corpo secondo voi è ansia o il mio sistema immunitario è andato in tilt doo un contagio da hiv???
vi prego una risposta perche sono parecchio spaventato.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
prima curerei tutti quei sintomi riferibili a infezione, poi penserei ad hiv, di cui francamente non credo sussista pericolo visto uso di profilattico.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 208XXX

Grazie per la celere rassicurazione,
sono pero molto preoccupato inquanto leggevo che una persona sieropsitiva portatrice di altre malattie sessualmente trasmissibili trasmette molto piu facilmente l'hiv e siccome nonostante l'uso del preservativo qualcosa è comunque penetrato nel mio organismo mi chiedevo se esistono MST che coinvolgono l'intero sistema immunitario?
di solito le mst(sempre leggendo tra le varie pubblicazion web) hanno sintomi circoscritti e specifici, oltre che risultare molte volte asintomatiche, invece nel mio caso oltre ai sintomi specifici(uretrite/prostatite)ho avuto sintomi diffusi ai linfonodi laterocervicali e reazioni del sistema epiteliale(follicolite) che descrivono una reazione piu ampia del mio sistema immunitario e che farebbero pensare ad una sieroconversione!!!
adesso so che una diagnosi a distanza è impossibile ma vorrei solo sapere se è possibile che una MST possa provocare reazioni sistemiche che di solito sono dovute ai virus, visto che non ho infezioni batteriche in corso e che si sarebbero notate nell'urinocoltura??
grazie mille per l'attenzione

[#3] dopo  
Utente 208XXX

Salve a tutti,
visto che la mia preoccupazione aumentava di giorno in giorno, venerdi 3 Giugno ho approfittato della giornata easy test del san raffaele per eseguire un test a tampone salivare di ultima generazione per ricerca anti corpi hiv 1-2 e a 50-55 giorni dall'episodio a rischio è risultato negativo, considerando che le normative sanitarie danno come periodo finestra massimo 90 giorni avendo un risultato negativo alla metà inoltrata di suddetto periodo posso ritenermi tranquillo rispetto all'hiv??
consideri che i sintomi che io reputavo sieroconversione si erano accuiti gia da circa 2 settimane, tale periodo è sufficiente per la comparsa di anticorpi hiv??
nel frattempo attendo con ansia gli esiti della spermicoltura e di un'altra urinocoltura.
secondo lei un'eventuale coinfezione con un'altra MST può ritardare la formazione di anticorpi HIV??
scusate le domande ma le preoccupazioni quando si parla di una malattia come hiv non sono mai troppe!!
Grazie per l'attenzione

[#4] dopo  
Utente 208XXX

ma non risponde piu nessuno?

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

viste le valutazioni già fatte non si può che condividere il pensiero del collega Cavallini.

Per gli altri quesiti molto specifici invio il suo post in area "Malattie infettive".

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 208XXX

Grazie mille,
nel frattempo attendo le altre analisi,
pensavo anche di fare un esame del sangue per ricerca anticorpi mononucleosi e CMV.
attendo consigli.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

senta almeno il suo medico curante e con lui decida quali sono le indagini utili da fare.

Non faccia il medico di se stesso, è un atteggiamento generalmente pericoloso, stressante e poco utile.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 208XXX

Slave dottore,
ho ritirato oggi gli esiti della spermiocoltura e urinocoltura risultate negative per la ricerca di clamidia, condilomi, tricomonas, gonorrea.
il bruciore persiste e il dottore mi ha dato un ciclo di antibiotici, pero mi ha consigliato di ripetere il test hiv fra un mese visto che ne ho uno negativo a 55 giorni e nell'ultima settimana ho avvertito un intorpidimento al piede alla mano e all'occhio sinistro con leggero eritema intorno all'occhio che si sospetta essere herpes zoster.
ora quello che vorrei capire è, se la mia sieroconversione è ancora in corso il mio corpo a 55 giorni dal rapporto poteva non aver sviluppato gli anticorpi hiv??
sono molto agitato e l'idea di dover aspettare un'altro mese per il tes hiv mi sta logorando...secondo voi ci sono gli estremi per una sieroconversione tardiva??
grazie mille per l'attenzione

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, anche perchè gli ultimi test per fare un diagnosi di sieropositività all'HIV sono già sensibili dopo circa 30 giorni dal sospetto rapporto a rischio.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 208XXX

Salve dottore,
il problema è che io non ho fatto un test di ultima generazione, ho fatto quello per la ricerca di anticorpi hiv nella saliva nella giornata degli screening di un ospedale, test che i dottori hanno detto essere di attendibilità pari all'ELISA di III generazione ovvero quello che ricerca solo gli anticorpi e non l'antigene alla proteina p24 se non mi sbaglio che è quella che si produce in corso di infezione.
ache loro mi hanno tranquillizzato, ma il perdurare dei sintomi,dopo questo test, che ora sono sfociati in un lieve herpes zoster e un ritorno dell'uretrite mi hanno allarmato e fatto pensare ad una fase acuta ancora in corso e quindi una mancata produzione di anticorpi anti hiv da parte del mio organismo!!
è possibile secondo lei un decorso dell'infezione acuta intermittente che si ripresenti dopo due settimane dalla cessazione dei primi sintomi simil mononucleosi??
e se cosi fossi significa che il mio organismo possa non avere prodotto anticorpi sufficienti per contrastare il virus??o sono semplici infezioni che si stanno presentando perche sono debilitato e molto stressato??
scusi le mie ipotesi che magari lei potrà giudicare fantascientifiche ma il fatto di dover aspettare ancora un mese mi sta facendo agitare molto, mangio poco, dormo poco e sono teso come una corda di violino!!!
grazie mille per l'attenzione, nel frattempo inizierò la cura antibiotica che mi ha prescritto il mio urologo...

[#11] dopo  
Utente 208XXX

Salve dottore,
volevo capire come mai a quasi due mesi dalla comparsa dei primi sintomi dell'uretrite, e dopo avere usato nefluan per 10 giorni, e un ciclo di ribotrex 3 capsule, ancora oggi avverto bruciori durante la minzione.
ho eseguito due urinocolture e una spermicultura, per ricerca di clamidia, ureaplasma, gardanella, tricomonas tutte con esito negativo.
un test hiv a 50 giorni dopo sintomi aspecifici tra cui leggera febbre, linfonodi del collo ingrossati, follicolite sparsa e un lieve fuoco di sant'antonio al viso anch'esso negativo.
l'urologo mi ha anche eseguito un'ecografia per controllare linfonodi inguinali, prostata, e reni che sono risultati tutti nella norma.
volevo capire secondo voi cosa potrei andare a ricercare perchè veramente non so piu a cosa pensare, premetto che la paura per l'hiv è ancora forte per questo rifarò il test ai 90 giorni canonici, ma anche per l'uretrite devo ammettere che ora incomincia ad essere veramente fastidiosa!!
secondo voi l'uretrite puo essere hiv correlata e quindi sostanzialmente se ne andrà da sola come tuti gli altri sintomi o dovrei ricercare altri agenti che la possano aver causata??e potreste suggerirmi quali in modo da poter indirizzare il mio urologo??
è possibile che qualche agente batterico o virale causi sia uretrite che sintomi piu generali come quelli che ho accusato??
il rapporto da me avuto fu orale non protetto e vaginale protetto con la stessa partner occasionale.
vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità-