Utente
Salve,
la settimana scorsa ho fatto degli esami di routine ed è uscita la f.a. (DGCK) a 400, GOT 21 e GPT 24, tempo fa (settembre 2008) feci una scintigrafia ossea (follow up dopo intervento chirurgico per seminoma), questo il referto: "Presenza di aree con modico iperaccumulo del tracciante in corrispondenza del decorso laterale di due coste dell'emitorace destro. Aree di aumentata attività si evidenziano inoltre in corrispondenza delle sincondrosi sacro-iliache da riferire, verosimilmente, a patologia osteo-articolare beningna". Inoltre a Giugno ho finito la chemioterapia (recidiva linfonodale) ed a Luglio la radioterapia. Quale potrebbe essere la causa? devo fare altre indagini?. Grazie per la risposta.
Saluti.

[#1]  
Attivo dal 2010 al 2018
Le fosfatasi alcaline sono presenti in numerosi tessuti, ma le concentrazioni maggiori si trovano nel fegato, nelle ossa, nell'intestino e nei reni.
Circa l' 80% delle fosfatasi alcaline presenti nel sangue proviene dal fegato e dalle ossa, quindi l'innalzamento delle fosfatasi alcaline può essere correlato ad alcune malattie ossee o del fegato. Si ha un aumento delle fosfatasi alcaline anche durante il processo di guarigione delle fratture ossee e durante l'assunzione di alcuni farmaci, come gli anticonvulsivanti.
Le fosfatasi alcaline non aumentano invece nell' osteoporosi, mentre un loro abbassamento può essere causato dall' assunzione di contraccettivi orali .
Il consiglio è di eseguire quindi una scintigrafia ossea, una ecografia epatica e degli esami di laboratorio (bilirubina totale e frazionata, gammaGT, Elettroforesi proteica, calcemia, fosforemia, calciuria e fosfaturia); se la valutazione dei risultati degli esami suddetti non dovesse dirimere i dubbi, si deciderà in seguito l'esecuzione di ulteriori esami strumentali e di laboratorio.
Per ulteriori notizie mediche (anche in campo oncologico) può collegarsi al mio sito web:
http:// eugenio.greco.docvadis.it
oppure digitare su Google: Dott Eugenio Greco

[#2]  
Attivo dal 2010 al 2011
Gentile Utente,

Anzitutto permettimi di puntualizzare una cosa: gli "Esami di routine" non esistono. Tra i non addetti ai lavori c'è, a volte, l'abitudine di sottoporsi a "tutti gli esami" per vedere se "tutto va bene": non serve a molto. Quando si decide di richiedere un'investigazione, si deve sapere cosa si sta cercando e non sparare a pallettoni, altrimenti si rischia di fare dei danni.

Al quesito specifico: sarebbe utile sapere quale sia il range di riferimento della Fosfatasi Alcalina che può variare da metodica a metodica e, a volte, da laboratorio a laboratorio. Un valore di pochissimo superiore potrebbe essere solo una variante statistica senza significato clinico (i valori si distribuiscono secondo una curva di Gauss, il che significa che può succedere che questi subiscano una certa variabilità senza significato clinico). I motivi per cui, nelle patologie, si alza più di frequente sono alcune malattie del fegato che provocano l'ostruzione delle vie biliari (per quanto la tua GPT normale sembrerebbe escluderlo), l'artrosi, le malattie che provocano un aumento del ricambio osseo; è costante un suo aumento nelle fasi di accrescimento e di riassorbimento osseo, cioè adolescenza e vecchiaia. Un altro motivo è la presenza di malattie che distruggano l'osso, come, ad esempio, la propagazione di un tumore a distanza (metastasi ossea).

In definitiva, non ci hai dato elementi sufficienti per chiarire il dubbio. Una parte dell'aumento potrebbe essere correlato, appunto, ad artrosi, ma ci servirebbe sapere che altre analisi hai fatto, che valori hai riscontrato e di quanto quelli statisticamente al di fuori della normalità siano alterati.

Tra l'altro, quanto sono grandi le aree di captazione in corrispondenza delle coste? Sono laterali o centrali (i linfonodi del testicolo sono distribuiti centralmente, lungo l'aorta e la Vena Cava).