Utente 522XXX
Buon giorno.
Quattro giorni fa mia figlia (27 anni) ha subito un intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore in artroscopia in seguito a infortunio sportivo. Durante l'operazione c'è stato un imprevisto: la vite di fissaggio è caduta dentro al ginocchio; ciò ha comportato un'ulteriore incisioni di oltre 10 cm. del quadricipite fino alla rotula per permettere l'esplorazione ed il recupero della vite e un prolungarsi dell'intervento di tre ore.
Certamente gli imprevisti possono verificarsi perchè il chirurgo è umano e quindi non infallibile, ma ciò che mi lascia perplessa e per il quale mi rivolgo a voi è la mancanza di un minimo accenno di quanto accaduto nella lettera di dimissioni e nella cartella clinica. Nei documenti si parla solo delle modalità di ricostruzione e del decorso post-operatorio. E' possibile e soprattutto legale tutto ciò?
Ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

la descrizione di un intervento chirurgico deve comprendere integralmente e fedelmente tutto quello che avviene durante l'intervento, anche le accidentali complicanze.
D'altra parte, non è detto che non segnalando tutto non si possa poi ricostruire a posteriori quanto sia veramente successo.

Ad ogni buon conto, l'importante è che alla fine l'intervento sia stato tecnicamente efficace e che l'imprevisto da lei raccontato non pregiudichi il regolare decorso post operatorio.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 522XXX

Egr. Dr. Corcelli,
La ringrazio per la sollecita delucidazione.
Cordiali saluti