Utente 125XXX
Buon giorno,
ho 54 anni e fra qualche giorno dovrò presentarmi all' Inps per la visita d'invalidità, vorrei sapere, se possibile, quale può essere la mia percentuale.
Nel 2004 sono stato operato di prostatectomia radicale per un tumore, il problema non si è risolto, ho, infatti, una recidiva della malattia (il valore del psa non si è mai azzerato nè fermato, ha ripreso immediatamente ed adesso è circa 1 ng, la cura con Casodex da 150 mg serve solo a bloccarlo temporaneamente (quando sospendo riprende a salire).
Sono affetto da pelvispondilite psorisica, le articolazione iliache mi fanno morire dal dolore. Da alcuni mesi ho seri problemi anche al braccio dx (non riesco più ad alzarlo, ho un forte dolore alla "cerniera" (non ricordo il termine esatto).
Ho problemi al cuore per una "via anomala" al battito, e quando parte da lì stò malissimo.
Per le conseguenze fisiche (ben note) dell'intervento alla prostata, da anni sono in cura presso un centro di psicologia, in quanto la vita familiare e lavorativa sono andate alla malora.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Vallebona

24% attività
0% attualità
12% socialità
CECINA (LI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Certamente ha ben diritto all'assegno oridinario d'invalidità, ottenibile con la valutazione di riduzione dei due terzi della capacità lavorativa in attività confacenti (cioè le tipologie di attività che esplica lei). Invece avrà maggiori difficoltà ad ottenere la pensione d'inabilità (perdita della capacità a qualsiasi lavoro).
Dr. Alessandro vallebona

[#2] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro Signore


L'assegno ordinario di invalidità non è una pensione definitiva: vale infatti fino ad un massimo di tre anni ed è rinnovabile su domanda del beneficiario, che viene quindi sottoposto ad una nuova visita medico-legale. Dopo tre conferme consecutive l'assegno diventa definitivo.
L'assegno ordinario di invalidità viene concesso anche se si continua a lavorare. In questo caso il titolare ogni anno viene sottoposto a visita medico-legale.
Al compimento dell'età pensionabile l'assegno viene trasformato in pensione di vecchiaia.

Cordialmente