Utente 178XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni alto 192 e peso 70 Kg.
Poco meno di un mese fa, di ritorno da Amsterdam (dove si gelava) ho avuto forti dolori al petto, nella parte sinistra. Non riuscendo a capire da cosa potessero dipendere ho iniziato a pensare al cuore e mi sono rivolto ad un cardiologo che però mi ha detto che non avevo nulla e che il mio cuore stava benissimo (a parte un blocco di branchia destro che dice non essere una preoccupazione). Successivamente allora sono andato dal mio medico che mi ha diagnosticato una Nevrite intercostale e mi ha prescritto una pomata (MuscoRil Trauma della sanofi aventis) contro i traumi per curarla. In effetti in 3-4 giorni il dolore scomparve.
Da questo venerdì però, quindi 4 giorni fa, il dolore è tornato come prima, forse in un punto più basso e più laterale, adesso lo sento sparso per tutta la parte sinistra del torace, anche sul fianco. Giovedì in effetti ho giocato a calcetto e sono uscito sudato, anche venerdì sera ho preso altro freddo. Proprio stamattina sono tornato dal mio medico lamentando questo continuo dolore che in questi giorni ho curato senza successo con la stessa pomata. Il dottore mi ha auscultato dicendo che non avevo nulla e di non prendere nulla, trattandosi della solita nevrite.
Per sicurezza ho insistito in maggiori controlli per stare più tranquillo e il dottore mi ha prescritto un torace solamente per escludere altro.
Il fatto è che questo dolore mi provoca anche affanno e mi preoccupo parecchio, soprattutto la notte prima di addormentarmi.
Vorrei qualche altro parere per essere sicuro che il mio medico, che reputo un professionista molto preparato e capace, non stia prendendo sottogamba il problema.

Ringraziando anticipatamente chiunque interverrà.

Distinti Saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che il Suo medico non stia sottovalutando il problema dato che Le ha prescritto anche un RX del torace.
Se l'RX dovesse risultare negativo, come penso e spero, si potrebbe pensare di fare una terapia un pò più specifica per la nevralgia intercostale, per via generale (non locale come ha fatto finora).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 178XXX

Si certo come ho detto mi fido ciecamente del mio medico, ho chiesto parere qui per stare più tranquillo in quanto questo dolore mi provoca degli affanni che mi fanno preoccupare disturbandomi anche il sonno.
Ho insistito io per avere l'RX torace che ho già prenotato per domani mattina.
Oltre questo quali altre potrebbero essere le cause del problema? Sicuramente è meglio attendere prima l'esito di questo esame prima di fasciarsi la testa in altro modo.
L'unica cosa che mi fa dubitare un tantino è che nell'arco di un mese mi sembra strano (da profano) che mi capiti lo stesso problema.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

faccia prima l'RX e stia sereno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 178XXX

Ha perfettamente ragione, io stesso credo di agitarmi un po troppo. Sono sempre stato un tipo che ha pensato poco alla salute, e invece stavolta sto facendo il contrario. Non riesco a capire se ciò deriva da troppa ansia o da un affanno esagerato causato dal dolore.
Comunque domani dopo l'RX le farò sapere.

La ringrazio per la sua veloce risposta.

Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente 178XXX

Gentile dottore, stamattina ho effettuato l'RX del torace. Purtroppo nonostante sia figlio di medico, e abbia fatto il possibile per far controllare la lastra oggi non c'è stato verso. Sono soltanto riuscito ad ottenere che la radiologa la visionasse e indirettamente mi desse un parere: secondo lei non ho assolutamente nulla. Domani comunque posso passare in clinica a ritirare le lastre.

Preso per buono che dalle lastra non si evince nulla la mia domanda è: cosa diavolo ho??

Il dolore è ancora presente e mi causa stati di affannamento continui. Ho appena preso un Oki per cercare di alleviare il dolore dato che la pomata anti-trauma non ha molto effetto.

Vorrei capire cosa altro potrei avere dato che dopo elettrocardiogramma e RX torace non è venuto fuori nulla.
Magari siccome nel momento in cui ho fatto l'elettrocardiogramma non avevo dolore non è risultato nulla ma in realtà c'è qualcosa?
Che altro potrebbe essere?

Ringrazio lei o chiunque interverrà anticipatamente.

Cordiai saluti

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per eccesso di zelo una visita cardiologica con ECG sarebbe opportuna anche se la cosa più probabile sarebbe una nevralgia intercostale. L'oki funziona?
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente 178XXX

Cos'è un ECG? Io ho fatto un elettrocardiogramma dal cardiologo, non comprende anche questo esame?
L'oki diciamo che allevia un po il dolore ma non passa totalmente, adesso l'ho preso da circa 3 ore e il dolore è presente.

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ECG è l'abbreviazione di Elettrocardiogramma.
Se la visita cardiologica l'ha fatta può stare tranquillo ed orientarsi sulla nevralgia. Oltre l'antidolorifico si potrebbe fare prescrivere qualche farmaco più specifico anche se non agisce subito sul dolore.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 178XXX

Io mi oriento volentieri sulla nevralgia, credo sia anche una cosa di cui proccuparsi meno ma vorrei prima capire una cosa.
E' possibile che se al momento dell'elettrocardiogramma non avevo dolore non venga fuori un possibile problema?
Con l'RX del torace si escludono tutti gli altri problemi gravi? (oltre a quelli escludibili con l'ECG).

Inoltre sono diffidente sopratutto per il fatto che questo dolore l'ho avuto il mese scorso per circa 5 giorni, poi è passato. Quante possibilità ci sono che mi torni una nevralgia nell'arco di un mese nello stesso punto? Quanto dura in media una cosa del genere? Perchè questa volta 5 giorni sono già passati e il dolore non sembra andarsene.

Grazie mille per i suoi interventi dottore, non sa quanto mi tranquillizano. La prego però di non essere superficiale solamente per tranquillizzarmi.

Distinti saluti

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se l'ECG è stato fatto in un periodo che non era presente il dolore, andrebbe rifatto per maggiore sicurezza. Circa la durata di una nevralgia, questa può essre più o meno lunga, variabile e non esiste una regola in tal senso. Alla pressione delle dita il dolore aumenta? E con gli atti respiratori profondi?
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 178XXX

Non sono un esperto ma mi sembra che alla pressione aumenti il dolore allo stesso modo di quanto aumenti premendo in un punto dove non ho dolore. In poche parole non mi sembra aumentare. Con respiri profondi ugualmente non mi sembra aumentare.

L'ECG è stato fatto a seguito della prima volta che ho percepito il dolore ma questo era già passato da un paio di giorni. Dice che è il caso di rifarlo?

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Per un maggiore approfondimento sarebbe prudente rifarlo, si faccia pure ricontrollare dal Suo medico o da un neurologo (anzi col medico in casa si faccia controllare da papà).

Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente 178XXX

Dunque sono stato stasera da mio padre, purtroppo non ho il medico in casa. Mi ha visitato e secondo lui non è una nevrite (mi ha cercato di spiegare che le nevriti non possono provocare dolori o qualcosa del genere, non voglio dire catronerie però). Secondo lui è una tensione muscolare dovuta alla mia schiena storta (ho una scogliosi, scapole alate etc) e a qualche colpo di freddo preso. Voleva farmi un'iniezione ma ho preferito aspettare, magari il dolore passerà a giorni. Nel frattempo mi ha detto di prendere delle supposte di voltaren antidolorifiche e magari qualcosa per lo stomaco.
Potrei avere un suo parere a riguardo? Non si preoccupi di dare giudizi, solo io leggo questa pagina.

Distinti saluti

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

questa pagina la legge Lei e migliaia di altre persone, pertanto le informazioni che potrei dare a Lei devono essere corrette perchè ne può usufruire chiunque.
E poi i miei non sono giudizi ma pareri con tutti i limiti di un consulto on line, quindi senza visitare il paziente.
Concordo con buona parte di quello che Le ha detto Suo padre ma non condivido che le nevriti non danno dolore, anzi l'unico segno è spesso dato dal dolore.
Detto questo, è probabile che dopo la visita diretta Suo padre abbia escluso questo problema ed in maniera corretta. Tra il "riferito" e la visita diretta spesso c'è un abisso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 178XXX

Intendevo dire che se voleva contraddire mio padre non c'erano problemi, spesso tra medici si cerca di non contraddirsi, so benissimo che questa pagina non la leggo solo io, intendevo dire che non la legge mio padre.

A questo punto proverò il voltaren in supposte per qualche giorno sperando che copra il dolore fino a che non passi da solo, che ne pensa?

Grazie ancora

Distinti saluti

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

avevo capito cosa voleva dire e la prima parte aveva un tono ironico. Ok, provi il voltaren.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 178XXX

Intendevo dire che se voleva contraddire mio padre non c'erano problemi, spesso tra medici si cerca di non contraddirsi, so benissimo che questa pagina non la leggo solo io, intendevo dire che non la legge mio padre.

A questo punto proverò il voltaren in supposte per qualche giorno sperando che copra il dolore fino a che non passi da solo, che ne pensa?

Grazie ancora

Distinti saluti