Utente
Gentili dottori da circa 48 ore sono preda di ansia e panico per aver riscontrato un possibile sintomo di SLA.Sento braccio e avambraccio sinistro (fino ad arrivare al pollice) sensibilmente più fiacchi e deboli rispetto a quello destro.Ora se ben ricordo tale sensazione l'avevo gia provata 2-3 mesi fa o forse farei meglio a dire che è da qualche mese che capita a intermittenze irregolari ma solo adesso documentandomi sul web ho iniziato a temere seriamente.Chiarisco che riesco comunque a compiere gesti di relativa precisione/forza come aprire una porta chiusa a chiave e sollevare pesi di 8-10 chili ripetutamente -intendo per 8-10 volte- (non pratico pesistica ma ho provato coi pesi di mio fratello per "controllare") ma la mia domanda è se e in quanto tempo la situazione possa degenerare e quante siano le possibilità si tratti di SLA.Al tutto aggiungerei di aver sentito per 1 secondo ieri un deciso smottamento (suppongo) scheletrico/muscolare diverso dai soliti tremori muscolari ritmici che invece ho a periodi alternati da almeno 6-7 anni (specie se sono a dieta oppure ho dormito poco) e che fino ad ora non mi han fatto temere ma a questo punto mi chiedo se correlati all'episodio del braccio non possano collaborare nella diagnosi di SLA.

PS : La mia giovane età ed il fatto che mia madre sia gia malata di Sclerosi Multipla rendono in qualche modo la possibilità di avere la SLA un evento remoto anche se correlato ai sintomi che ho descritto?

Vi ringrazio in anticipo per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

capisce bene che on line non è possibile fare o escludere una diagnosi senza visitare il paziente.
Istintivamente mi pare poco probabile che possa trattarsi di SLA ma in ogni caso Le suggerisco di effettuare una visita neurologica che da sola sarebbe già sufficiente per escluderla.
Stia sereno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Mi scusi se insisto ma potrebbe spiegarmi perchè instintivamente le pare improbabile la SLA?Inoltre,perdoni l'ignoranza,ma ho letto che bisogna fare diversi esami per potere verificare che si tratti di SLA,questa la fonte :

https://it.wikipedia.org/wiki/Sclerosi_laterale_amiotrofica#Diagnosi

Nessun test può fornire una diagnosi definitiva di SLA, benché la presenza di segni di danno ai motoneuroni superiore ed inferiori in un singolo arto è fortemente indicativa. La diagnosi di SLA è basata principalmente sui sintomi e sui segni che il medico osserva nel paziente e da una serie di test che servono per escludere altre malattie. I medici esaminano la storia medica completa del paziente e di solito conducono esami neurologici a intervalli regolari per valutare se sintomi come la debolezza muscolare, l' atrofia di muscoli, la iperreflessia e la spasticità stiano diventando progressivamente peggiori.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non leggo i siti divulgativi, noi ci basiamo esclusivamente su dati scientifici consolidati dalla comunità scientifica internazionale.
Infatti nella SLA la diagnosi è clinica (segni e sintomi) ed io infatti Le ho scritto <<Le suggerisco di effettuare una visita neurologica che da sola sarebbe già sufficiente per escluderla.>>.
E poi la sintomatologia è generalmente progressiva e non certo intermittente con periodi di remissione clinica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore non volevo certo mettere in discussione il suo parere ma solo chiarirmi le idee in un mare di confusione e ansia che posso capire mi renda parecchio invadente quindi le farò giusto un'ultima domanda:

In definitiva si può dire che se entro 2-3 mesi non ho altri sintomi e il braccio non è peggiorato significativamente la SLA è da escludersi a priori?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'unica opzione è fare una visita neurologica, anche per valutare l'obiettività del Suo problema e ricercare eventualmente una causa se si sospettasse un danno organico, per es. cervicale (perchè potrebe essere anche una sensazione soggettiva, non confermata da prove obiettive).
La sintomatologia alternante non è da SLA.
Non si faccia prendere dall'ansia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Dottore perdoni l'ulteriore insistenza me le chiedo : se la debolezza che adesso sento più che altro al pollice dovesse trasferirsi anche alle altre dita sarebbe da prendere in considerazione l'ipotesi SLA?

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'unico soggetto che può prendere in considerazione l'ipotesi SLA è il neurologo qualora alla visita riscontrasse segni che depongano per tale patologia.
Pertanto, per tranquillizzarsi, Le rinnovo l'invito ad effettuare una visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Penso di mobilitarmi a giorni;volevo semplicemente sapere se dovesse preoccuparmi un'eventuale trasferimento di debolezza/fiacchezza anche alle altre dita o se anche qualora capitasse potesse essere benissimo altro dalla SLA.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'eventuale compromissione delle altre dita non è sintomo specifico di SLA ma potrebbe riferirsi anche ad altre condizioni assolutamente benigne.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Ok ora so di farle una domanda idiota ed irritante ma mi sto rendendo conto che il panico toglie il pudore : qualora si verificasse la compromissione delle altre dita in percentuale la possibilità SLA a quanto ammonterebbe?Le prometto che non la disturberò più.

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non esiste una percentuale scientificamente studiata.
Diciamo che le probabilità sono molto basse rispetto ad altre condizioni benigne.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
La ringrazio,non volevo una percentuale precisa semmai sapere se con molto basse si intende "meno del 10%" o giu di li.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Forse anche meno ma, ripeto, è fondamentale la visita neurologica.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Dottore mi dispiace ricontattarla ma sono nel panico,da diverse ore il problema si è spostato anche al braccio destro...è un sintomo grave/preoccupante o devo intendere la situazione invariata rispetto a prima?

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non penso che cambi nulla, Le rinnovo l'invito alla Visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente
Gentile dottore le vorrei porre una domanda al limite della psicosi e spero non si offenda ma ormai sono arrivato a questo punto.Dopo 5-6 giorni che ho questi sintomi (da oggi come le ho detto anche al braccio destro) se fosse SLA riuscirei a lanciare una penna in aria e prenderla (con una mano sola,alternando destra e poi sinistra) l'80% delle volte?Anche la forza non mi sembra diminuita sensibilmente ma avverto per lo più una sensazione di indolenzimento/fastidio che si propaga nelle braccia (specie se sto a letto,arrivando a non farmi addormentare;sono sveglio da oltre 30 ore infatti).Se non sbaglio fosse SLA non dovrei provare alcuna sensazione fastidiosa ma solo debolezza effettiva.Vorrei fare la visita ora ma purtroppo qui in casa (mio padre più che altro) vengo preso per pazzo e mi han detto di aspettare 20 giorni e allora faccio tentativi/mi pongo dubbi in continuazione etc.Se potesse dare un commento quindi alle considerazioni che ho fatto ne sarei molto grato.Saluti.

PS : non si preoccupi non intendo tormentarla per 20 giorni al massimo gia che sono nell'argomento mi dica se nell'ipotesi SLA in 20 giorni dovrei peggiorare nettamente.

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con quegli esercizi che fa escluderei una SLA. Comunque penso che dovrebbe effettuare anche un consulto psichiatrico perchè mi pare che si stia rovinando la vita, alla Sua giovane età non può permetterselo.
Sta subentrando una forma ossessiva che andrebbe curata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente
Gentile dottore mi perdoni se la importuno nuovamente ma vorrei parlarle di una cosa che mi è successa.Ieri pomeriggio e nell'arco delle 10 ore seguenti ho eseguito per 8-10 volte -talvolta a distanza di nemmeno un ora fra l'una e l'altra- la prova di Mingazzini (coi palmi rivolti verso l'alto) per 40-50 secondi ogni prova.A questo punto mi chiedo :

1)E' normale senta le braccia (in misura nettamente superiore il sinistro che è stato il più debole/più colpito e indolenzito dall'inizio) deboli e indolenzite?

2)Se è solo indolenzimento dopo un esercizio di questo tipo entro quanto dovrebbe passare?

3)Dopo 8 giorni dall'esordio della debolezza superare il test di Mingazzini più volte nella stessa giornata dovrebbe farmi sentire al sicuro nonostante oggi senta il braccio sinistro decisamente peggio degli altri giorni?

[#19]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che non sia normale che Lei faccia queste prove e per così lungo tempo, non è normale.
Se Lei non si cura non starà bene e non può sacrificare così la Sua giovinezza, si rovina da solo.
Mi ascolti, faccia la visita psichiatrica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente
La ringrazio per l'interessamento e dovessi continuare ad assillare me stesso dopo la visita neurologica prenderò seriamente il suo consiglio.Quel che non ho capito è se è normale sentirsi così indolenziti dopo tutte quelle prove o se in fondo non possa essere una spia d'allarme.

[#21]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

lo riterrei normale considerata la tensione prolungata a cui sottopone i muscoli.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente
C'è purtroppo una novità allarmante.Ho provato il test di babinski su entrambi i piedi (o meglio me lo ha fatto mia madre e lo abbiamo fatto bene sia perchè controllato scrupolosamente come si faceva su + siti professionali sia perchè lei essendo malata di SM lo ha fatto in precedenze) e le mie dita rimangono immobili,ferme,zero riflessi mentre leggo che

"Nell'adulto, in condizioni di normalità, si induce la flessione plantare delle dita del piede"

Come debbo interpretare il fatto di non avere reazioni?

[#23]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

premesso che la ricerca del riflesso plantare DEVE farla un medico esperto perchè sono importanti anche le sfumature con cui questo riflesso si evoca ed in tal senso occorre anche esperienza, la non risposta viene definita "alluce muto" che in alcuni soggetti è normale riscontrarlo senza che abbiano patologie neurologiche.
Poi ogni segno va interpretato nel contesto globale dell'esame neurologico e clinico-anamnestico.
Pertanto non faccia automedicazione o autodiagnosi ma si affidi ad un neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente
Gentile dottore entro qualche giorno prenoterò una visita dal neurologo e volevo chiederle se tale visita + eventuale elettromiografia saranno sufficienti ad escludere l'ipotesi SLA in modo certo e definitivo o se sto eseguendo visita+emg troppo precocemente rispetto al sintomo del braccio debole.Il mio dubbio è che magari il dottore non riscontrerà cali di forza significativi nè l'emg darà segni di possibile SLA solo perchè sono ancora in una fase troppo iniziale.

[#25]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la visita neurologica più l'EMG è sufficiente per escludere la patologia che Lei teme.
Stia sereno.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente
Gentilissimo Dr. Ferraloro alla luce di visita neurologica ed emg si è chiarito che non ho assolutamente nulla.Ci tenevo a informarla e a ringraziarla per avermi sopportato in un periodo così buio.

[#27]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi fa estremamente piacere che non Le è stato riscontrato nulla. Istintivamente l'ho sempre pensato ma non potevo sbilanciarmi al "buio".
Mi permetta una correzione al Suo post, non l'ho sopportata ma supportata!
Adesso viva la Sua vita con serenità.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#28] dopo  
Utente
Dottor Ferraloro è successa una cosa terribile e inaspettata e mi vergogno a raccontarlo perchè non credevo di potermi ridurre così dopo aver risolto la situazione da un punto di vista strettamente medico.Ho postato tutta la faccenda in psichiatria ma visto che l'argomento è correlato le posto lo stralcio che riguarda l'aspetto neurologico :

Finita la visita ero contento ma il giorno dopo un pensiero ha praticamente distrutto la mia vita rendendomi totalmente folle.Il pensiero era l'aver letto della forte correlazione fra colpi di testa e SLA.Non so il meccanismo esatto ma ho iniziato a colpire ripetutamente la mia testa (nella parte alta,con pugni rovesci) in maniera discretamente forte ogni 20-30 minuti per anche 5-6 volte di fila nell'arco delle ultime 24 ore.E' come se il fatto che questo gesto possa farmi ammalare di SLA in futuro mi porti a vederlo come una cosa da non fare e quindi il non farlo diventa quasi una prova di resistenza che non so reggere e devo colpirmi.E più passa il tempo meno credo sarò in grado di controllarmi.Adesso sono divorato dalle ossessioni e dai dubbi che gia 24 ore di microtraumi (e un un centinaio di colpi) siano sufficienti a innescare la malattia fra qualche anno (come in alcuni calciatori dopo anni e/o a fine carriera).

Lo stralcio era questo.Veniamo più precisamente a noi.Quel che mi terrorizza è l'aver letto questo :

La federazione olandese gioco calcio, per preservare il cervello dai microtraumi ripetuti, ha vietato il colpo di testa ai calciatori con meno di 16 anni; tutto ciò a causa della scoperta che il livello di s-100 betaproteina aumenta (sia nel sangue sia nel liquido cefalorachidiano) in seguito a traumi alla testa anche lievi, ma ripetuti. Il livello della proteina è un indice della sofferenza delle cellule nervose e indica che anche in seguito a traumi pur piccoli, nel punto della lesione, tale sofferenza dura per mesi (fino a nove). Se nel frattempo un secondo trauma colpisce la zona lesa, l'effetto è moltiplicativo, fino a 100 volte la lesione originaria.

Cioè se un secondo trauma ne moltiplica fino a 100 volte il livello io che mi sono colpito 100 e più volte in appena 24 ore (anche se lieve è cmq un'azione ripetuta,come dice l'estratto) avrei gia causato danni che in un futuro potranno farmi ammalare di SLA?

[#29]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la causa della SLA è tuttora sconosciuta. Sono state avanzate diverse teorie, alcune delle quali completamente abbandonate. Anche questa è una teoria che non ha ancora sufficienti livelli di scientificità. Pertanto stia tranquillo che non ha causato nessun danno che Le potrebbe fare sviluppare la SLA in futuro. Le ricordo che è vero che la percentuale di SLA aumenta tra i calciatori ma quanti sono che contraggono la malattia su tutti quelli che giocano? Una percentuale irrisoria. Io seguo il calcio da più di 40 anni e ho visto passare migliaia e migliaia di giocatori, quelli colpiti sono decine.
Quindi il meccanismo del trauma è ridimensionato dai numeri reali!
Faccia piuttosto al più presto una visita psichiatrica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#30] dopo  
Utente
La ringrazio ancora della risposta ma volevo sapere nello specifico una cosa : QUALORA i microtraumi ripetuti potessero essere alla base di una delle possibilità di contrarre la SLA solo 2 giorni di microtraumi frequenti nello stesso punto sarebbero sufficienti?O ci vorrebbero mesi/anni?Uno dei motivi per cui involontariamente perservero in questo strano "tic" è che penso che tanto anche se smetto dopo 2 giorni di botte ripetute la frittata è fatta.Inoltre il fatto che soffra di fascicolazioni benigne rende il mio sistema nervoso particolarmente delicato e suscettibile ai microtraumi in maniera più forte di un individuo normale?

PS : per la visita psichiatrica mi sto mobilitando,fino a 1 mese e mezzo fa non avrei mai immaginato che il cervello mi si potesse ritorcere contro in questa maniera assurda.

[#31]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se la possibilità che i traumi cranici possano sviluppare la SLA è concreta (personalmente ritengo di no) occorrerebbero anni ed anni di traumi e non certamente qualche ora o qualche giorno, nè tantomeno i microtraumi da fascicolazione che comunque a livello cranico non ne creano.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#32] dopo  
Utente
Perfetto,questa notizia mi rassicura molto.La ringrazio nuovamente per l'ennesimo supporto!

[#33]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi raccomando la visita psichiatrica!

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro