Utente 245XXX
Buongiorno, da diverso tempo soffro di un dolore al braccio dx con formicolio alle dita della mano. Il mio medico mi dice che potrebbe trattarsi di Tunnel Cubitale o Ernie cervicali. Sto facendo sedute di massofisioterapia, ma avverto ancora gli stessi sintomi ( forti dolori al braccio dalla scapola al gomito. Di cosa si potrebbe trattare? Con la fisioterapia si potrebbe risolvere il problema o ci sono altre cause da valutare? o esami specifici da effettuare? Grazie , Cordilamente. Pasquale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

quali sono le dita della mano coinvolte? Un esame utile potrebbe essere l'EMG agli arti superiori. Prima di pensare alla fisioterapia occorre fare una diagnosi corretta e in base a questa valutare se la fisioterapia possa essere indicata per quel tipo di patologia. Altrimenti fare della FKT senza una diagnosi potrebbe risultare inutile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 245XXX

Buonasera
Grazie anzitutto per la celere risposta. Sono tutte le dita della mano dx.
Questo soprattutto durante l'attività lavorativa ( sono impiegato e lavoro prevalentemente su Pc.). durante le altre ore della giornata il dolore è più attenuato.
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche l'attività del mano al pc potrebbe essere un fattore causale, il tutto andrebbe indagato mediante visita neurologica e EMG, eventuali altri accertamenti li indicherà il neurologo qualora lo ritenesse opportuno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 245XXX

***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.

[#5] dopo  
Utente 245XXX

Buongiorno Dottore.
In relazione al quesito proposto, nell'ultima settimana ho effettuato una elettromiografia, un Rx rachide cervicale e una RNM del rachide cervicale. Ahimè è venuto fuori 1 ernia C3-C4 e 1 piuttosto grande a C6-C7. Il neurologo mi ha dato una terapia con :
NICETILE fiale : 1 al mattino e1 alla sera per 5 gg - poi 1 alla sera per 10 gg , poi 1 bustina per 45 gg
BRAINIL : 1 cp al mattino per 60 gg
LIPOIBEG-R : 1 cp alle 11,00 e 1 cp alle 17,00 per 60 gg.
Ha ritenuto opportuno non ricorrere a cortisonici o FANS per aggredire il dolore, ma una terapia per rinforzare la guaina mielinica di rivestimento dei nervi.
Non esclude, comunque, l'intervento chirurgico.
Questa terapia va a lenire il dolore al braccio ed il formicolio alla mano e al braccio?
Nel mio caso , le ernie danno dolori di testa ? ( dolore non forte sulla fronte e sulle tempie con sensazione di torpore ). A volte anche sensazione di instabilità e giramenti di testa.

Vorrei un Suo parere.
Grazie
Saluti

[#6] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

si dovrebbero visionare le immagini per dare un parere attendibile in quanto è fondamentale vedere i rapporti che contraggono le ernie discali con le strutture circostanti, cioè se ci sono delle compressioni, per es. sulle radici spinali.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente 245XXX

Le posso inviare il referto o vuole anche la foto della risonanza?
Grazie

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

potrebbe copiarmi il referto. L'invio di foto è vietato dalle linee guida del sito.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 245XXX

Ok lo manderò a breve.
Saluti

[#10] dopo  
Utente 245XXX

Buongiorno.
Avrei una domanda da sottoporre. Mio figlio di quasi 19 anni, da qualche mese avverte tachicardia associata a fame d'aria. A Marzo 2011 ha fatto la visita sportiva con annesso holter e non è risultato niente di anormale. Abbiamo fatto tutti gli esami del sangue con in aggiunta le Catecolamine e niente.( aveva più o meno gli stessi sintomi di oggi ). Lo scorso marzo c.a. è stato sottoposto a 2 elettrocardiogramma in Pronto soccorso da cui non risultava nulla,a parte pulsanzioni intorno a 90 e a volte 100/105. Successivamente ha fatto un Ecg da uno cardiologo e nulla. Visto il perpetuarsi della situazione, e spesso gli capita dopo una partita di calcetto o di pallavolo. Al pronto soccorso siamo andati per via delle palpitazione eccessive ed eseguito l'ECG non risultava nulla.
Di notte dorme poco e lo vedo svogliato, apatico e spesso non vuole andare a scuola dicemdo che questi disturbi non lo fanno sentire a proprio agio.
Per ulteriori chiarimenti,il giorno 11/06/2012 ho prenotato una visita sportiva con la speranza che il buon estito dell'esame serva a tranquillizzarlo e dare quella serenità che gli permetterà di ricominciare a svolgere attività fisiche e sportive.
Secondo la Sua esperienza potrebbe trattarsi di ansia che provoca questi disturbi considerando che dopo qualche ora tutto passa
E' consigliabile e/o opportuno approfondire con ulteriori esami.
Grazie Cordialmente

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato che tutti gli esami diagnostici effettuati sono nella norma l'ipotesi dell'origine ansiosa del disturbo è probabile.
Il medico dello sport probabilmente effettuerà un ECG da sforzo, se negativo anche quello ci si può orientare su un fattio ansioso, considerando anche che dorme poco ed è apatico. Da non escludere anche un lieve stato depressivo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 245XXX

In riferimento alla Sua del 31.05.2012 Le descrivo i referti.

RX COLONNA CERVICALE:
esame eseguito nelle due proiezioni ortodonali e completato mediante radiogrammi obbliqui. si osserva lieve scoliosi sinistro-convessa;i metameri mostrano incipienti alterazioni spondilosiche al tratto distale dove a C6-C7 si osserva ridotta ampiezza dello spazio intersomatico, come per dispopatia e di entrambi i forami di coniugazione.

RM CERVICALE:
esame eseguito con tecnica SE secondo piani sagittali ed assiali.
regolare allineamento dei metameri che mostrano alterazioni spondilosiche;
conservata ampiezza del canale vertebrale; a C4-C5 ninima ernia discale posteriore mediana; a C6-C7 grossolana ernia discale posteriore paramediana destra che determina evidenti segni di conflitto midollare e radicolare.Non aree di alterato segnale al midollo.
A fronte di questi esiti e considerando la terapia che sto facendo, Lei pensa che potrei scongiurare l'intervento chirurgico? Continuo dopo 15 giorni di terapia ad accusare ancora dolore e formicolio al braccio e alla mano. Grazie
Cordialmente

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ernia discale C6-C7 crea conflitto con la radice nervosa corrispondente. Dipende dall'entità di questo conflitto il tipo di terapia da adottare, cioè se conservativa o chirurgica. Ovviamente non è questa la sede idonea per questo tipo di valutazione, dovrebbe parlarne col neurochirurgo.
Se ricorda, alla replica #6, Le avevo anticipato l'eventuale compressione sulla radice spinale <<è fondamentale vedere i rapporti che contraggono le ernie discali con le strutture circostanti, cioè se ci sono delle compressioni, per es. sulle radici spinali>>. Nel Suo caso c'è.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro