Decadimento improvviso e parkinsonismo

Buongiorno, mia mamma soffre di depressione da oltre 30 anni, 2 anni fa a seguito di un aggravamento della depresione, peggiorata da mania compulsiva ossessiva e da una personalità ciclotimica è stata ricoverata e seguita in un centro specializzata per circa 2 mesi. Da questo centro è uscita curata e con una buona qualità della vità legata a una terapia antidepressiva completata da Ziprexa da 5 mg.
Da anni soffre di distonia cervicale curata con tossina botulinica.
Da diversi mesi a seguito di diverse cadute le è stato diagnosticato un parkinsonismo ed è stata curata con sinemet e requip, circa 1 mese e mezzo fa è entrata in confusione mentale e non riusciva più a camminare, dopo un ricovero di circa 15 gg è stata dimessa con terapia di sinemet, requiq e antidepressivi.

Da allora giorno dopo giorno è peggiorata in maniera notevole fino ad avere di nuovo grandissime difficoltà a muoversi e grande confusione mentale più allucinazioni sprattutto notturne.
Da prima le è stata radoppiata la dose di sinemet e poi ridimezzata reinserendo lo ziprexa.

Oggi è in terapia con Ziprexa sinemet requip e sono stati sospesi gli antidepressivi.

Di fatto ha la bocca impastata fa fatica a parlare ed è spesso inebetita non capendo più che giorno è (compreso Natale pure dopo averglielo detto più volte) e ora del giorno, ha episodi di disorientamento al punto da non riconoscere più la propria stanza da letto.
Avendo letto che ci sono tanti tipi di parkinsonismo mi chiedo se queste cure sono adeguate o se ne possono esistere altre. Se la confusione / demenza è causata dai farmaci o viceversa è questa la causa del parkinsonismo.
Cosa posso fare?
Dimenticavo dalla tac cerebrale risultano 2 piccole ischemie e una ipertrofia della zona frontale.
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Caro utente,
nel caso di suo madre un TC cranio non ci dice nulla salvo che non vi sono patologie organiche endocraniche grossolanamente visibili con tale metodica.
E' vero esistono diversi tipi di parkinsonismo, sia per quel che concerne le manifestazioni cliniche prevalenti sia per quel che concerne il grado di impegno funzionale sia per quanto riguarda le eventuali comorbilità. Nello specifico esiste il Parkinson plus...demenza. In questo caso alla sintomatologia motoria si aggiunge il deficit cognitivo. Inoltre la lunga storia neuropsichiatrica certamente non aiuta. Il disorientamento spazio/temporale è uno dei sintomi principali della demenza. Le allucinazioni visive, e solo quelle visive sono causate con ogni probabilità dai farmaci per il Parkinson. Per questi due aspetti assume Zyprexa. E questo purtroppo è quel che si può fare allo stato dei fatti. Levodopa e Dopaminoagonista per il parkinsonismo, Zyprexa (farmaco neurolettico) per contenere le manifestazioni del deterioramento cognitivo (come le allucinazioni visive). Ciò in generale è quanto le posso dire su quanto scritto senza poter visitare il paziente e nulla conoscere su eventuali altre patologie concomitanti età-correlate.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per la risposta, mamma ha 78 anni e tolti gli antidepressivi calato il sinemet e reintrodotto lo ziprexa è più lucida anche se dorme tantissimo e ha di nuovo perso l'interesse alla vita. Mi chiedevo se la terapia sarebbe differente se venisse diagnosticato una tipologia specifica di parkinsonismo? Quali ulteriori esami/approfondimenti sarebbero utili per capire meglio le cause del parkinsonismo e della demenza/confusione? Se le strutture pubblicizzate in internet sul parkinons e malattie extrapiramidali potrebbero essere d'aiuto a stabilizzare la paziente?
Cosa mi consigliate? Mi devo arrendere o posso ancora fare qualcosa?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio