Protrusioni e crami con dolori lancinanti

Salve gentili dottori, vi scrivo per conto della mamma della mia fidanzata che presenta di tanto in tanto episodi di dolore acuto nella zona dell'interno coscia destra e che si propagano fino al piede dello stesso lato. Lei descrive questi episodi come crampi. Il problema è che a causa del dolore ogni volta il colorito della sua pelle diviene giallastro, suda freddo e collassa.
Questi episodi si verificano in piena notte durante il sonno.
Inoltre regolarmente durante la giornata, anche quando essi non si verificano, lei soffre di " bruciore " nella zona lombare che viene da lei stessa identificato come un bruciore " ai nervi " (chiedo scusa per il linguaggio poco tecnico).
Dopo tutte le analisi fatte si è pensato potesse essere un problema nervoso compromesso dalla condizione della sua colonna vertebrale.
Vi riporto i risultati di un esame da lei eseguito :

" RMN RACHIDE CERVICALE* LOMBARE
Esame eseguito mediante sequenze SE, TSE e FFE, senza infusione e.v. di mezzo di contrasto.
Sono presenti artefatti da movimento.
In ambito cervicale, spondilo-unco-artrosi.
A C6-C7, osteocondrosi intervertebrale, protrusione discale posteriore mediana paramediana destra.
A C4-C5, C5-C6, D1-D2, protrusione discale postero mediana.
Regolare l'ampiezza del canale vertebrale.
Non alterazioni del segnale a carico del midollo cervicale.

In ambito lombare, appianata la fisiologica lardosi.
Note di iniziale spondilo-artrosi.
Ad L4-L5, piccola ernia del disco postero mediana.
Ad L3.L4, altra piccola ernia postero mediana aparamediana sinistra.
Ad L2-L3, bulging discale popsteriore ad espressione mediana paramediana sinistra.
Regolare l'ampiezza del canale vertebrale.
Non alterazioni del segnale a carico del cono ".
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 69k 2,1k 23
Gentile Utente,

nel caso della Signora si dovrebbero visionare le immagini per dare un parere attendibile, studiare i rapporti che le ernie e le protrusioni riscontrate hanno con le strutture circostanti, in particolare con le radici nervose dei nervi spinali.
Inoltre è fondamentale una correlazione clinica con queste alterazioni della colonna vertebrale.
Pertanto consiglierei una visita neurologica corredata da qualche altro esame strumentale per lo studio della funzionalità dei nervi in questione, per es. EMG se lo specialista la richiederà.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test