Vertigini, intorpidimenti e debolezza

Buonasera a tutti.
Ho 35 anni e circa un anno fa ho avuto un attacco di fortissime vertigini che mi hanno costretto a interrompere ciò che stavo facendo per riprendermi un po'. Da quel giorno, queste vertigini sono rimaste, migliorando e peggiorando ciclicamente: mi impediscono di camminare con sicurezza e di stare saldo in piedi e in generale stanno limitando parecchio la mia vita e il mio lavoro. Ho fatto svariati esami per cercare una causa: un esame neurologico, vari esami cardiaci, un esame dall'otorino, un holter pressorio, infine la risonanza magnetica. Nessuno ha dato esito, eccetto l'holter che ha individuato una leggera ipertensione, per la quale il medico non mi ha prescritto niente.
Riporto l'esito della risonanza encefalica: "complesso ventricolare in sede, regolare per morfologia e volume. Regolari gli spazi della convessità. La tonsilla cerebellare destra è in posizione più bassa della controlaterale. Assenza di alterazioni di segnale del parenchima cerebrale anche dopo somministrazione endovenosa di MDC. Regolari i canali acustici interni e le cisterne dell'angolo pontocerebellare".
In questi ultimi giorni, le vertigini hanno ricominciato a essere davvero forti e ad accompagnarsi a un senso di debolezza generale; oggi, mentre ero al lavoro, si sono accompagnate anche a un progressivo intorpidimento della parte destra del corpo, in particolare viso e braccio. Da parecchio tempo ho l'impressione che la vista all'occhio destro sia un po' annebbiata. Spulciando un po' online (cosa che forse non si dovrebbe mai fare) ho scoperto che sono tutti sintomi dell'ictus o della SM.
Dopo tutte quelle visite, il mio medico non mi ha prescritto nulla in particolare, anche perché l'ultima volta che l'ho visto le vertigini non erano particolarmente intense. Potrebbe centrare la cervicale? Cosa faccio? Vado al pronto soccorso? Sono preoccupato!
Grazie per ogni aiuto possiate darmi.
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 51
Gentile utente,
le vertini come sono?
-rotatorie,
-o come un senso di disequilibrio e di sbandamento?
Ha fatto una RM: le pare possibile che questa non avrebbe evidenziato segni compatibili con una SM e con un Ictus.
Ha fatto dall'ORL un esame Vestibolare così da escludere una patologia ricorrente infiammatoria dell'orecchio?
La RM è stata fatta con mezzo di contrasto? La tonsilla cerebellare più bassa oltrepassa o non oltrepassa il margine del forame occipitale? Lo chieda al radiologo (che si esprima in maniera compiuta).
La impressione è quella di aver fatto tante cose ma slegate tra loro. Credo le occorra un bravo specialista che le faccia da "direttore d'orchestra".
Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la risposta!

Faccio un aggiornamento. Poco dopo aver mandato il messaggio qui, sono andato al pronto soccorso. Mi han tenuto dentro due giorni facendomi di tutto: analisi del sangue, tac cerebrale, visita cardiologica, doppler trans.ana.spet.pro.fis, elettrocardiogramma, visita otorinolaringoiatrica, visita neurologica, eco-color doppler tronchi sovraortici.
Tutti gli esami hanno dato esito negativo, cioè non han trovato niente che non va. Le vertigini però restano, anche se sono un po' meno forti di quando sono andato al PS. Il consiglio che mi han dato i medici del PS e il mio medico è di fare un nuovo holter pressorio (ne ho già fatto uno in settembre) e dei raggi alla cervicale. Gli 'imputati' maggiori dunque sono la pressione e la cervicale.
Già che ci siamo, l'holter che ho fatto in settembre ha registrato oscillazioni della pressione piuttosto consistenti. A momenti in cui la pressione era 110 minima e 170 massima (durante il lavoro, per poco tempo per fortuna) si alternano momenti in cui era 60 minima e 120 massima (di notte). L'ipertensione è un problema che mio padre ha da sempre... il medico però è sempre stato contrario nel darmi già un trattamento farmacologico in così giovane età. Secondo voi questi sbalzi di pressione possono essere i responsabili delle vertigini?

Quanto alle sue domande: le vertigini mi danno senso di disequilibrio e di sbandamento. Le visite dall'otorino hanno escluso ogni patologia. La RM è stata fatta con mezzo di contrasto, ma non so rispondere all'altra domanda: proverò a chiedere al radiologo.
Il "direttore d'orchestra" dovrebbe essere il medico di famiglia, no? O alludeva a qualcun altro?

Grazie a tutti!
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 51
Gentile utente,
oer rispondere alla sua ultima domanda: chi dovrebbe essere il direttore d'orchestra ritengo che questa figura possa essere ricoperta o dal collega che meglio e da più tempo la conosce ed in quasto caso il medico di medicina generale ovvero lo specialista che dovesse riscontrare delle anomalie in corso di accertamenti quindi probabilmente il cardiologo (se all'holter pressorio si evidenziasse una problematica di ipertensione arteriosa).
Cordialmente.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test