Utente
Buongiorno, volevo avere un vostro parere riguardo a questo problema.
Sono circa 5 anni che soffro di fascicolazioni muscolari sparse in varie parti del corpo, un po' dappertutto che vanno e vengono, mentre sui polpacci sono praticamente costanti, di piu a destra, a sinistra a volte scompaiono.
Dopo svariate visite neurologiche ed esami non sono riuscito anora ad arrivare ad una conclusione.
Le visite neurologiche effettuate da 3 diversi medici nel corso degli anni sono risultate tutte negative, mentre le EMG effettuate mostrano segni di sofferenza neurogena cronica con PUM aumentati in ampiezza e polifasici, agli arti inferiori con fascicolazioni (1+) rilevate nei polpacci, nel nervo tibiale e nel primo interosseo. La VCM è rallentata agli arti inferiori mentre agli arti superiori è nella norma. Anche agli arti superiori si rilevano PUM polifasici. La VCS e nella norma sia sopra che sotto. Nell'ultimo referto c'è scritto che si puo escludere una neuropatia.
E' presente una stenosi del canale lombare diffisa da L4 a S1 come riportato dal referto RMN.
Esami del sangue tutti nella norma, (transaminasi, mioglobina, LDH ecc) solo alterato il valore del CPK a 400 con limite a 310. (faccio palestra regolarmente)
In generale mi sento bene, corro sul tappeto e per strada senza problemi anche a velocità sostenute, (11 km/h sul tappeto) l'unico problema che riscontro è un temore muscolare ai quadricipiti quando faccio uno sforzo di poca intensità mentre se lo sforzo e pesante tutto funziona nella norma. (questo è presente sin dall'esordio delle fascicolazioni e non è mai migliorato ne peggiorato).
Nelle 4 EMG effettuate i risultati non mostrano segni di peggioramento nel corso del tempo ma nemmeno di miglioramento.
Ad oggi non sono riuscito ad avere una diagnosi, vorrei chiedere un vostro parere.
Grazie.

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Gent.le,
difficile che gli esami possano mostrare dei miglioramenti nel tempo ma è buon segno che non ci sia progressione del disturbo. Una ipotesi, poichè via mail solo di ipotesi si può parlare, è quella della sindrome delle fascicolazioni benigne. Vedo però come le Emg evidenzino una sofferenza "neurogena" con PUM (potenziale di unità motoria) "aumentati di ampiezza" (sofferenza midollare al di sopra dei distretti esplorati?). Fino a qui stiamo scrivendo di muscoli e radici spinali ( e forse di midollo spinale) ma vedo come lei alleghi anche un rallentamento delle VC (velocità di conduzione) motoria: qui siamo nel campo dei nervi periferici ovvero a valle delle radici spinali: se la VC è ridotta non è possibile scrivere come sia escudibile una neuropatia. Mi parla di una stenosi del canale lombare tra L4 ed S1 alla RM. Come è la RM rachide cervicale?
In sintesi: caso complesso. Indicherei "nuova valutazione clinica neurologica di persona" portando con sè al seguito la documentazione sanitaria già acquisita (come è possibile: 3 visite neurologiche negative con reperti Emg/Eng di questo tipo?).

Cordialmente,
http://www.europeanhospital.it/uos/neurologia_clinica.html
http://trepinilab.it/servizi/specialistica/neurologia/
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente
Innanzi tutto grazie per la risposta. Forse mi sono espresso male, nel senso la diagnosi che mi è stata fatta ed è riportato anche sul l'ultimo referto emg recita testualmente: reperti elettrofisiologici indicativi di sofferenza neurogena multi radicolare diffusa, prevalentemente distribuita sulle ultime radici lombosacrali dato compatibile con il riscontro radiologico di stenosi del canale.
Se sto troppo tempo in piedi ho dolore alla schiena in basso e devo sedemi,a volte ho dolore anche dietro la gamba fino davanti allo stinco, maggiormente a dx.
Secondi lei e possibile che questa diagnosi sia corretta?
Per i pum polifasici invece non può dipendere dalla palestra? Faccio body building da 10 anni circa...
Grazie.

[#3]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
La diagnosi così formulata mi sembra possa essere corretta e la radicolopatia multisegmentale lobare dipendente dalla stenosi del canale lombare. Mi chiedevo se avesse effettuato RM ed Emg anche a livello cervicale. La morfologia polifasica dei PUM fa parte di quadro elettromiografico di sofferenza radicolare neurogena. Quel che resta non comprensibile è affermare una assenza di neuropatia innanzi ad una documentata riduzione/rallentamento della velocità di conduzione delle fibre nervose periferiche.
Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente
La RMN cervicale la effettuerò a breve, x quanto riguarda la Emg arti superiori e stata fatta e risultano solo dei pum talora polifasici... Mentre le vcs e vcm sono normali...
Mi chiedevo a questo punto se esiste una terapia x la stenosi oltre all'intervento chirurgico che mi è stato già sconsigliato dopo visita dal neurochirurgo..?
Non ho capito se secondo lei le fascicolazioni sono dovute alla stenosi o di altra natura?
Grazie per l'attenzione!

[#5]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Le fascicolazioni possono dipendere da molte cause:
-sindrome da fascicolazioni benigne,
-denervazione radicolare o nervosa periferica pertanto anche da stenosi del canale sia lombare ma mi piacerebbe vedere una RM cervicale,
-stress psicofisico o da eccessivo carico funzionale,
-ed, inoltre, fortunatamente raramente malattie neurodegenerative.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente
Devo dire che se sono sotto stress le fascicolazioni aumentano in modo considerevole mentre per esempio la mattina appena alzato raramente sono presenti e se ci sono non le percepisco si vedono solo, poi ma mano nella giornata aumentano fino ad infastidirmi.
Le visite neurologiche fatte escludono malattie degenerative ( varie visite con 3 diversi medici ) .
Un altro dettaglio non so se sia importante e che assumendo vitamine del gruppo b quel tremore dei quadricipiti sotto sforzo si attenua vistosamente , sento le gambe molto stabili. Ma dopo qualche giorno che smetto l'assunzione poi ritornano come prima...
Che abbia un deficit vitaminico? Nessuno fin ora ha dato peso a questo lato...
Grazie.

[#7]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Bene: un fattore acclarato allora è lo stress psicofisico cui si aggiunge la radicolopatia da stenosi del canale lombare. Credo che più che le vitamine possano gli integratori elettrolitici di potassio e magnesio. In ogni caso se ha la correlazione all'assunzione vitaminica ne parli con il suo medico.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8] dopo  
Utente
Si l'ho fatto presente già ma non ho avuto indicazioni in merito, non esistono esami x valutare un eventuale carenza di queste vitamine? Oppure il giovamento che ne traggo è dovuto semplicemente al fatto che il complesso b nutre i nervi?
In ogni caso poi non ho indicazioni in merito alla stenosi, se non quella che l'intervento è sconsigliato... Nel frattempo? Non esiste una terapia? Rimango così..?
Grazie ancora!

[#9] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, volevo sottoporle il referto RMN:
Cervicale: Rettilineizzazione della fisiologica lordosi cervicale in clinostatismo, conservata l'idratazione dei dischi intersomatici, non evidenti immagini riferibili ad ernie discali. Canale vertebrale di ampiezza nei limiti,
Non alterazioni di segnale a carico del midollo spinale.
Lombare: Riduzione intensità del nucleo polposo del disco intersomatico l4-l5 come per iniziali fenomeni degenerativi.
A livello l4-l5 si segnala protusione discale posteriore a prevalenza sx, si segnalano altresi protusioni discali posteriori a livello l3-l4 a parziale impegno intraforaminale bilaterale ed l-5s1 a prevalenza sx.
Cono midollare in posizione fisiologica.
Dorsale: Minimi bulging discali posteriori nel tratto d4-d8.
Cosa ne pensa? Ci siamo con la diagnosi fatta tramite l'EMG?
Grazie ancora.

[#10]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Gent.le utente,

Perdoni e la stenosi del canale lombare? Che fine ha fatto? Circa la EMG questa rende conto della radicolopatia più o meno diffusa o mulsti segmentale ma perchè I PUM sono di ampiezza aumentata se non c'è rimaneggiamento o sofferenza midollare e perchè le VC motorie erano rallentate quale indice di polineuropatia?

Come le dicevo prima la clinica: nuova valutazione neurologica ed eventuali esami dovessero rivelarsi indicati. Ciò portando con sè ogni esame o visita effettuata, delle RM le immagini e non i referti: debbono essere valutate da chi ha cognizione di causa in neuroimaging.

Mi sembra che i quadri diagnnostici ipitizzati non siano sempre i medesimi così come i reperti strumentali: questa volta come dicevo non c'è più la stenosi del canale lombare ed il rallentamento delle VC motorie cosa ha a che fare con la radicolopatia?

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#11] dopo  
Utente
Innanzi tutto grazie per la sollecita risposta, da quello che posso intuire secondo lei c'è dell'altro, x quanto riguarda il referto di sofferenza neurogena può essere compatibile con il referto RMN lombare ma non collima il fatto della riduzione della vcm anche se solo degli arti inferiori? Quindi può essere in atto una neuropatia secondo lei? In tal caso esistono esami x accertare tale situazione? Grazie ancora.

[#12]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Non so , ho detto che mi sembra che non ci sia una una piena coincidenza tra referti RM, referti EMG ed dati clinici. Tutti è tre sembrano non essere mai i medesimi ad ogni nuovo test.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#13] dopo  
Utente
Ho ricontrollato il referto emg in effetti nn parla di vcm ridotte forse l'ho evinto io da questi 2 valori: nervo peroneo comune dx sot.cap.fib. vcm 39,2 mentre peroneo comune sx sot.cap.fib vcm 37,8 tibiale dx cavo poplite vcm 35 ovviamente tutto espresso in metri al secondo. Negli altri nervi esaminati le velocità superano tutte i 50 m/s. Se vuole glie lo mando in ptv.
Ho tratto conclusioni errate? Abbia pazienza e grazie ancora.

[#14] dopo  
Utente
Dove posso contattarla per prenotare una visita? Grazie.

[#15]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Gent.le utente,
sulla pagina del Blog Medicitalia dedicata a chi le scrive dovrebbe esserci sia il telcel di lavoro che la email personale.
Può, se crede, contattarmi attraverso suddette vie.
La ringrazio per l'attestato di fiducia.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it