Utente
Salve,
circa 1 mese fà mi svegliavo con evidente perdita di sensibilità piede sx e più sfumati al piede dx, la perdita di sensibilità era tale da avere difficoltà anche di equilibrio.
Nessun altro sintomo rilevato. Dopo accurata visita neurologica, lo specialista prescriveva RM encefalo, cervicale e midollo con e senza mdc.
Ad oggi i sintomi si sono molto attenuati, equilibrio perfetto, solo lieve formicolio ancora persistente.

Il referto della RM è il seguente:

Focalità iperintense in T2 e FLAIR in sede sottocorticale periventricolare sovratentoriale bilaterale, nei centri semiovali, la maggiore per dimensione in sede peritrigonale posteriore a destra, mostra diametro trasverso di circa 10 mm, in sede pontina paramediana sinistra di circa 5 mm, in sede peduncolare cerebellare sinistra diam trasverso di circa 7 mm ed in sede emisferica cerebellare posteriore destra di circa 7 mm, quest'ultima con evidenza più sfumata delle precedenti.
I reperti in assenza di significativo apporto anamnestico fornito dal paziente e precedenti specifici, non sono di univoca interpretabilità diagnostica, e sono meritevoli di approfondimento clinico specialistico e correlazione ai dati di laboratorio specifici.
Nelle acquisizioni ottenute dopo somministrazione ev di mdc paramagnetico, non evidenti significative impregnazioni di mdc in corrispondenza delle suddette focalità descritte.
Sistema ventricolare in asse, normoconformato.
Regolare ampiezza degli spazi subaracnoidei sovra e sottotentoriali.
Apprezzabile in sede midollare posteriore mediana paramediana sinistra a livello di D11-D12 areola di alterato segnale iperintensa in T2 del diametro longitudinale di circa 12 mm; tale areola presenta dopo somministrazione di mdc intenso contrast enhancement intrinseco.
Non apprezzabili significativi rilievi discosomatici a livello cervicodorsale, fatta eccezione per verosimili esiti di osteocondrite giovanile in sede cervicale.

Nell'attesa di nuova visita neurologica, potreste azzardare qualche ipotesi?
Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

senza visionare direttamente le immagini non è possibile dare un parere attendibile. Basandosi esclusivamente sul referto si potrebbe ipotizzare un'origine infiammatoria, al momento non attiva a livello cerebrale ma solo a livello dorsale (D11-D12).
Sa cosa ha riscontrato il neurologo alla visita specialistica?
Comunque quella di sopra è solo un'ipotesi discorsiva a distanza non basata né sulla visita diretta né sulla visione delle immagini RM, pertanto non ha alcun valore diagnostico.
Faccia vedere l'esame al neurologo che l'ha richiesto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio della celere risposta dr. Ferraiolo, il neurologo alla visita accennò appena ad una possibile forte infiammazione, ma senza sbilanciarsi assolutamente in quanto necessitava della rmn.

Dopo aver letto il referto al neurologo (non ha potuto ancora visionare le immagini) con una certa sicurezza, ha optato per "una infiammazione".

L'infiammazione in questione, potrebbe essere compatibile con un esordio di SM? Se non lo fosse, è curabile? Quali possono essere le cause? Potrebbe essere una infiammazione derivante da virus e/o batteri?

La ringrazio per la risposta che vorrà offrirmi.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ipotesi SM è un'opzione diagnostica possibile che però andrebbe verificata con ulteriori accertamenti che il neurologo stesso richiederà.
In questo caso la malattia risulta curabile, essendo la SM nella maggioranza dei casi una malattia con decorso "benigno" e poco o per nulla invalidante.
Allo stato attuale è poco probabile l'origine batterica o virale delle alterazioni riscontrate.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie dr. Ferraiolo,
quello che mi spaventa nelle sue parole è "In questo caso la malattia risulta curabile".

Qualora non si trattasse di SM, ci sono ipotesi ancor più gravi potenzialmente non curabili?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dalle notizie che ha dato e con tutti i limiti del consulto a distanza sembrerebbero poco probabili altre situazioni ma Le ricordo che on line non si possono dare certezze.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Buonasera dott. Ferraloro,
vorrei aggiornarla della situazione al fine di chiederLe un suo parere in merito.

Sono stato ricoverato per accertamenti, dopo circa 2 mesi dall'evento (attualmente completamente rientrato) e a distanza di oltre 1 mese dalla prima, ho effettuato nuova RM con contrasto, l'esito è sovrapponibile alla precedente con la differenza che la lesione midollare, ora non prende contrasto. Nell'arco dei due mesi trascorsi non mi è stato somministrato nulla, l'infiammazione si è "spenta" da sola.
In seguito ho eseguito i potenziali evocati sensoriali, motori e visivi, tutti con esito negativo, tutti, quindi, nella norma.

Ho eseguito prelievo del liquor di cui ancora attendo l'esito.

Con tutti i limiti del consulto a distanza, potrebbe indicarmi se a fronte di questi dati in possesso sono potenzialmente possibili diagnosi di malattie "peggiori" della sm?

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi da buone notizie, cioè l'esito negativo dei potenziali evocati e la "negativizzazione" della presa di contrasto dell'alterazione a livello D11-D12 in assenza di terapia specifica.
Vedremo l'esito dell'esame del liquor.
Per il resto non vedrei altre possibili malattie "peggiori della SM".

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro