Sospetto parkinson

Salve,avrei bisogno di un chiarimento,mio padre età 66,presenta sintomi simili al parkinson,lentezza nei movimenti,rigidità muscolare,apatia,niente tremore,appetito sempre presente dorme profondamente quasi oserei dire uno stato comatoso ( il pomeriggio e la notte ).Secondo i neurologi consultati ( 3 )si tratterebbe di parkinson ed hanno prescritto i seguenti farmaci :Sinemet 100/25 ,1/2 copr 3volte al di',poi 1/2 compr 4volte al di ed infine 3compr 3volte al di,a questo è stato associato Stilden gocce 10 gocce al di,Colinplus una bustina al di e Nootropil compresse 1200 1 compr al di.Nessun risultato ottenuto ne a livello motorio ne a livello comportamentale,zero risultati, nemmeno la rigidità e cambiato forse e peggiorata.Premetto che questi sintomi sono comparsi dopo un paio di mesi di un intervento di sostituzione di valvola aortica bicuspide calcifica ( sostituita da prot mecc ) e tratto di aorta discendente colpita da aneurisma.Inoltre facendo altre indagini sono emersi noduli alla tiroide e in attesa di fare l'ago aspirato e soot Euritox 50 1/2 compr al di daportare poi ad 1compr al di.
Il medico curante ha deciso momentaneamente di sospendere i farmaci del parkinso ed di inziare in attesa di altro consulto il Neuraben 2compr al di,Citicolin 500 e Liposomforte a giorni alterni,Dimenticavo che il paziente e sotto terapia anticoagulante Sintrom, e se questo crea interazioni con i farmaci sopradetti.
Scusate il dilungare,accetto qualsiasi consiglio per cercare di riportare anche se non al 100% lo stile di vita di mio padre come era prima e totalmente un altra persona.

GRAZIE
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

per quanto tempo è stata praticata la terapia? Sono stati effettuati esami diagnostici, per es. una RM encefalica? Quest'ultima non serve per la diagnosi di Parkinson primario ma per verificare eventuali alterazioni cerebrovascolari in modo da potere escludere un parkinsonismo vascolare che risponde meno ai farmaci antiparkinsoniani.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Intanto grazie per la celere risposta,per quanto riguarda la terapia farmacologica è stata praticata da gennaio 2014 ad oggi,il trattamento con Euritox due sttimane.Per quanto riguarda gli esami strumentali abbiamo effettuato un EEG ed una TAC ( la RM ci è stata sconsigliata per quanto riguarda la protesi valvolare meccanica ),ed un TSA.Posto i risultati degli esami.
EEG:Attività cerebrale caratterizzata da rallentamenti bilaterali.

TAC :Sistema ventricolare sopratentoriale in asse,ampio, di regolare morfologia.Calcificazioni parietali dei sifoni caratodidei.
Accentuazione dell'ipodensità della sostanza bianca capsulare e periventricolare,da vasculopatia cronica.
Dilatazione abiotrofica degli spazi liquorali della base e della convessità.

Ecocolordoppler vascolare TSA :Asse succlaveare pervio ed esente da lesioni.Assi carotidei pervi con pareti lievemente ispessite.Lesioni di parete iperecogene diffuse bilaterali.Piccole placche calcifiche lievemente irregolari sono presenti a carico della ICA sx e dx con stenosi non emodinamiche del 35% a sx e a dx.Arterie vertebrali pervie e demodulate al Tillaux ed in V3.Assenti lesioni significative.
Ispessimento lieve del complesso medio intimale.
IMT medi 2,2 mm.

Consiglia qualche esame da fare o suggerimenti vari?
Dimentivavo di dirle che siamo di Catania

GRAZIE
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
A questo punto sarebbe consigliabile una SPECT DaT SCAN per valutare lo stato funzionale dei nuclei della base la cui alterazione è responsabile della Malattia di Parkinson. Da non sottovalutare anche i parkinsonismi atipici considerata la scarsa risposta terapeutica.
Il consiglio che Le posso dare è di rivolgersi ad un neurologo esperto in parkinsonismi o ad un centro per la cura delle malattie extrapiramidali che nella Sua città è di alto livello.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore,le scrivo per farle sapere che la situazione di mio padre ha subito un peggioramento negli ultimi tre giorni,i sintomi erano sia di deambulazione con mancanza di farza negli arti inferiori sia nel cammino molto lento con ripartenze e fermate e sia dal punto di vista del sonno molto profondo, soporifero.Stamattina non apriva gli occhi ,parlava ,li apriva e li richiudeva,quindi abbiamo chiamato il 118 ed è stato portato al prontosoccorso da esami strumentali si evidenziato un ematoma subracnoideo della parte destra,stiamo aspettando che rientrino i parametri di cougulazione in quanto lui prende l'anticoagulante SINTROM,do si provvedera all'intervento e speriamo bene.Le chiedo se tutti quei farmici presi per il sospetto parkinson abbiano potuto creare,peggiorare o accelerare un ematoma già pre esistente e se tutti quei sintomi descritti in precedenza erano causati da questa situazione che lentamente si faceva largo?.Lui tiene le palpebre chiuse come se dormisse,pero mentalmente è lucido riconosce le voci dei prenti,sa dove si trova ,come sichiama e lentamente parla e muove gli arti.

GRAZIE
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,
mi dispiace per l'accaduto, speriamo che la situazione possa evolvere verso una risoluzione positiva del problema.
Escluderei il sinemet come responsabile del problema, così anche gli altri farmaci. Solo il sintrom può avere delle responsabilità in merito, essendo un anticoagulante.
La TC che Lei ha riportato sopra quando è stata effettuata? E dopo quanto tempo dall'insorgenza dei sintomi? Le chiedo questo perchè è negativa per sanguinamento.
Un grosso in bocca al lupo.

Cordialità

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test