Cefalea tensiva

Buonasera, sono una ragazza di 17 anni. Esattamente un anno fa mi sono iniziati questi episodi di mal di testa e vertigini più o meno violenti. Il dolore è nella parte posteriore della testa, è un dolore pulsante che al massimo si estende ai lati ma mai davanti; ho notato che quando ho gli attacchi mi infastidiscono i rumori e la luce. Per quanto riguarda le vertigini sono spesso forti, da perdere l'equilibrio anche stando seduta
Dopo circa 4-5mesi che convivevo con questi dolori ho preso appuntamento con una neurologa la quale ha detto che si trattava o di emicrania o cefalea e segnato alcuni analisi: Risonanza magnetica, Pev, Ecodoppler delle caroteidi ed esami vari del sangue, per quanto riguarda il dolore di prendere al momento di questi attacchi una Tachipirina. Ho fatto visite oculistiche e otoiatriche e dal punto di vista loro sto bene. Anche gli esami fatti sono tutti nella norma. Il mese scorso ho avuto un altro appuntamento dalla neurologa, ho spiegato i peggioramenti dei sintomi e mi ha diagnosticato cefalea cronica e da prendere: Laroxyl in gocce, Difmetrè all'inizio del dolore e Pineal Tens una volta al giorno. La prima sera che presi 3 gocce di Laroxyl mi si intorpidì lingua e gola e la mattina seguente mi svegliai con uno strano sfogo sull'avambraccio. Abbiamo avvertito la dottoressa di queste complicazioni la quale ci ha consigliato di prendere le gocce con abbondante acqua per eliminare il fastidio alla gola e per quanto riguarda lo sfogo erano delle punture di insetto. Non mi sono fidata molto del suo consiglio infatti mi consultai con il medico generale il quale mi disse che era uno sfogo allergico e non una puntura di insetto. La sera successiva riprovai il medicinale e mi fece lo stesso effetto alla gola, anche se con abbondante acqua ma niente segni di irritazione. Questa sera sono arrivata alla dose massima consigliata dalla neurologa cioè 9 gocce e l'effetto è identico a quello della prima volta. Continuo a prendere all'inizio del dolore il Difmetrè che però non mi fa effetto, come non mi fanno effetto la Tachipirina, Oki, Aulin
Sto scrivendo ogni giorno sul diario della cefalea.
Il dottore generico parla di problemi psicologi, quindi di prendere appuntamento con uno psicologo o psichiatra per farmi insegnare a tenere a bada lo stress e di conseguenza eliminare questi mal di testa. Recentemente sono stata anche da una fisioterapista la quale mi ha consigliato alcune posizioni da fare per ridurre il dolore ma sono state inutili
Mi rivolgo a voi perchè la mia neurologa non prende in considerazione le mie parole. Personalmente non sono d'accordo a prendere Laroxil perchè lo trovo pesante per una ragazza della mia età, perchè continua a darmi fastidio e soprattutto perchè non sto vedendo effetti positivi dopo un mese. Cosa devo fare?
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,6k 2,1k 23
Gentile Utente,

lei titola "cefalea tensiva" ma la neurologa ha fatto diagnosi di emicrania che è tutta un'altra cosa, peraltro la sintomatologia descritta giustificherebbe ampiamente questa diagnosi.
Se così fosse esistono tanti altri farmaci da potere utilizzare in questa forma.
Le consiglierei di sentire un altro parere, magari un neurologo esperto in cefalee.
Non abusi con l'antidolorifico.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test