Utente 389XXX
salve
ho 45anni circa 2 mesi fa ho iniziato ad avere leggero formicolio al braccio sinistro dorso e prime 3 dita e se sto molto al computer anche indolenzimento passeggero.
A volte anche alle prime dita del piede,ma raramente,a volte anche al visto lato sinistro ma raramente.
Se però piego velocemente il collo in avanti(in basso) mi formicolano le 3 dita della mano sinistra per un istante(non so se si tratta di un indizio a questo punto ortopedico-neurologico).
Posturalmente ho spesso il collo piegato in avanti(dormo per abitudine cone 2 cuscini)
Non ho nessun altro tipo di disturbo nè motorio ,nè di forza,nè di stanchezza,nè di equilibrio etc e neanche di dolore,solo fastidi.

Sono andato dal neurologo mi ha fatto tutte le prove di forza,motorie,riflessi etc.. ma tutto negativo.
Per il braccio mi ha indicato una EMG che ho fatto con esito 'probabile radicolopatia c7'.
Il neurologo elettromiografista mi ha detto che non era nulla di che e mi ha consigliato Nicetile,non avendo dolori altri problemi importanti.

A questo punto mi pare di aver capito che ci deve essere un ' erniazione o qualcosa dovuto ad invecchiamento dei dischi che irrita la radice c7

Ma se ho dei disturbi anche se lievi a viso e piede a questo punto la radice c7 che controlla i nervi del braccio che c'entra?
Non vorrei che l'eventuale protusione spingesse sul midollo e quindi provoca parestesie e distrubi anche lontano dal distretto di competenza della radice c7
anche se il neurologo elettromiografista ha detto che avrei ben altri sintomi e tendeva ad escluderlo,quando glielo ho chiesto.

In questi 2 mesi i sintomi non sono peggiorati anzi direi migliorati però un pò sono andato in ansia.

A questo punto per capire bene se c'è un'ernia e se comprime il midollo dovrei fare RM e/o Tac?
Secondo lei è indicata?

Essendo poi un pò ansioso-claustrofobico andrebbe bene la rm aperta o la tac?



saluti

PS
in concomitanza all'esordio dei formicolii ho avuto 2mesi fa uno zoster sulla scapola destra ,passato lo sfogo ivi localizzato,è rimasto per 40giorni turgore e perdita di sensibilità nella zona dello sfogo appunto la zona della scapola destra fino al centro della schiena,poi tutto è tornato nella norma,ma lo zoster può aver acutizzato una radicolopatia cronica già presente,come ha ipotizzato il neurologo-elettromiografista?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che dopo la visita neurologica e l'EMG sia indicato studiare la colonna vertebrale, soprattutto il tratto cervicale e lombosacrale. L'esame di elezione è la RM ma si attenga a quello che Le ha detto il neurologo o che Le consiglierà il medico curante.
Lo zoster? Teoricamente, considerata la sede, potrebbe avere influito sull'accentuazione della sintomatologia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 389XXX

salve
grazie intanto della rapida e precisa risposta

volevo aggiungere che i fastidi scompaiono con l'attività motoria,lavori manuali,sport mentre aumentano in certe posizioni da sdraiato (schiena verso il materasso) con braccia distese oppre seduto sul computer con braccio disteso sulla tastiera(principalmente al braccio) sembrano quindi essere disturbi posizione ed angolo dipendente.

mi sono anche reso conto che quando con braccio sinistro(ossia la parte sinistra dove ho i fastidi) penzoloni lo ruoto all'indietro
sento una serie di scricchiolii (a livello di cuffie rotatorie della angolo della spalla)quando vado a riportarlo in avanti(senza avvertire dolore e fastidio) che non ricordo di aver avuto in passato e che non ci sono sul braccio destro.
Se ripeto per diverse volte questo esercizio poi dopo qualche ora avverto fastidio(non proprio dolore)proprio all'angolo dei rotatori della spalla,come fosse fastidio di tipo reumatico.
Può una compressione a livello di rotatori della spalla contribuire ad irritare i nervi del braccio è questo compatibile con l'EMG che decreta ''compatibilità con radicolite cronica c7''?


Per quanto riguarda la zona lombare da lei indicata effetti l'unico disturbo che ho da tempo(qualche anno quindi quando non avevo nessun tipo di formicolio che appunto si è presentato solo 2 mesi fa) è quando mi alzo dal computer se ci sto per alcune ore ed in stato di tensione o immagino posturalmente scorretto(sto in genere con schiena flessa ossia curvata all'indietro) quando mi alzo poi dopo impiego qualche secondo per mettermi dritto con la schiena devo farlo lentalmente non posso farlo velocemente e devo rimanere appunto 5-6 secondi piegato in avanti mentre cammino.

e poi quando ho fatto lavori un pò pesanti in passato o colpo d'aria ho avuto lombalgia(passato completamente con 4 giorni di ibuprofene in un caso mentre in un altro caso l'ibuprofene non aveva effetto ed è passato da solo dopo 1 settimana di difficoltà a sedermi ed alzarmi sempre in zona lombosacrale),a questo punto deve esserci anche forse qualche problema come dai lei ipotizzato al tratto lombo-sacrale.

La rm aperta è valida anche per il tratto cervicale dove è presente il midollo o è valida solo per la zona lombosacrale dove non c'è?Ma per le due zone(cervicale e lombosacrale) ci vogliono due risonanze o ne basta una?

Per la spalla ritiene anche li che bisognerebbe fare indagini anche perchè gli scricchiolii li sente anche una persona che si metta vicino alla spalla.


grazie
saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ovviamente anche una compressione a livello della spalla può essere compatibile col reperto elettromiografico.
Per il problema "spalla" è indicata una visita ortopedica.
La RM ai tratti cervicale e lombare si effettua nello stesso esame ed è preferibile la macchina chiusa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 389XXX

Salve
ho contattato uno centro convenzionato con la ASL con file di attesa corte,mi hanno detto che non ci sono problemi ad effettuare la RM cervicale ma qualche problema potrebbe sorgere vista la vicinanza con le arcate dentarie se c'è presenza di protesi a base metallica o perni non recenti(mi pare di aver capito che quelle vecchie hanno diversa composizione metallica)
Ed io li ho entrambi NON recenti!

Anche perchè mi ha detto dura 1 ora(non ho capito se solo quella cervicale o anche lombare) e pare possa provocare surriscaldamenti(quella cervicale essendo vicino alla bocca)

Cosa mi consiglia?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Deve chiedere al dentista quale materiale ha utilizzato, in base al periodo penso che si possa regolare bene. Altrimenti faccia la TC.

Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 389XXX

grazie
avevo già chiesto al dentista la composizione per altri motivi
e mi ha detto che in quel periodo si usava la classica lega cromo-cobalto e spesso c'era pure un pò di nickel,però la certezza non la può avere

il cobalto,nickel meno il cromo risultano essere ferromagnetiche

ho trovato anche un consulto dentistico sempre su medicitalia e anche li sono un pò discordi anche se si propende più per il si può fare
anche se le mie protesi sono più vecchie
http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/chirurgia/5562_risonanza-magnetica.html
non vorrei ritrovarmi la bocca in ebollizione e distacco di protesi o danni ai perni

per quanto riguarda la sindrome pseudo radicolare di cui mi parlava in caso di problemi alla rotazione della spalla
che simula una radicolite in effetti sempre su medicitalia ho trovato questo articolo
che appunto afferma che a volte non è anche una piccola ernia rilevata (tramite rx,tac,rm)a provocare dolori e fastidi ,ma appunto problemi di tendini ed articolazioni

https://www.medicitalia.it/minforma/neurochirurgia/339-sindrome-pseudo-radicolare-muscoli-legamenti-articolazioni-imitano.html?refresh_ce

cmq a questo punto devo decidere se fare o meno la risonanza o magari chiedere al radiologo che la farà se ci sono problemi


cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Chieda al radiologo, ritengo sia la persona più competente in tal senso.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 389XXX

salve
in attesa di risonanza(lista di attesa) ho fatto ecografia spalla per escludere che i rotatori della spalla possa irritare il nervo indirettamente(in quanto il radiologo mi ha detto che il nervo passa sotto al braccio e non sopra quindi da come ho capito,direttamente il nervo non può essere toccato ,ma solo indirettamente)

''modesti fenomeni tendinosici dei tendini componenti la cuffia dei rotatori
lievi fenomeni reattivi della borsa SAD
Nella norma il CLB
Modesta artrosi acromionclaveare''

in effetti periodicamente con sbalzi caldo freddo accuso dolore alla spalla(ed in questi giorni da me ci sono stati sbalzi di oltre 10gradi)
che però stavolta si sono estesi al braccio o forse sommati al disturbo precedente da solo saltuario formicolio
stavolta la differenza con questo sopraggiunto fastidio che il dolore aumenta se faccio lavori
mentre prima col solo formicolio questo scompariva col movimento e non avevo dolore di tipo reumatico

in questi giorni dopo aver passato ore al computer per motivi di lavoro
ho disturbo(tipo dolore reumatico)su muscolo esterno avambraccio,angolo del braccio,specie quando piegato e angolo spalla oltre che dorso mano
ed il dolore si accentua appena mi metto alla tastiera o in certe posizioni con un certo angolo rispetto al corpo(tipo 60° el braccio)
sto usando con lieve sollievo una crema antinfiammatoria a base di diclofenac

ho usato ibruprofene per bocca ma non avuto sollievo
a sto punto ,su prescrizione del medico,mi rimane diclofenac per bocca?

grazie
saluti

[#9] dopo  
Utente 389XXX

ed una sensazione diffusa di calore
non so se dovuto al diclofenac ma non penso che i cerotti possano fare questo

grazie
saluti

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'ecografia della spalla deve farla visionare ad un ortopedico, non è di competenza neurologica, lo stesso dicasi per la terapia perché non si può consigliare a distanza.
La sensazione di calore è improbabile che sia causata dal diclofenac cerotto ma non si può escludere del tutto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 389XXX

ok
anche se appunto dolori alla spalla l'ho avuti anche in passato a causa in genere si sforzi fisici o sbalzi di temperatura (a muscoli caldi)
anche se stavolta si è aggiunta una certa dolenzia al muscolo esterno avambraccio posizione dipendente.

[#12] dopo  
Utente 389XXX

salve
dopo due settimane il dolore al muscolo esterno dell'avambraccio sinistro(insorto dopo un uso eccessivo del computer ) non è passato nonostante l'ho ridotto quasi del tutto l'uso,
in piscina ho dovuto smettere di nuotare(quindi oltre al formicolio ora ho anche il dolore che spesso è forte)
Quando inizia il dolore anche se non sto facendo nulla,se tocco il muscolo dell'avambraccio esterno (dovrebbe essere l'estensore ulnare cmq in quella zona per capirci)nella zona centrale fino al polso,lo sento dolorante e pure leggermente turgido rispetto al braccio destro.
Quindi a questo punto il nervo infiammato (se è questo il problema)deve aver infiammato anche il muscolo,ma mi chiedo non è dipende da un problema di circolazione locale che infiamma il nervo ed quindi muscolo?
Ha senso che mi faccio un ecodoppler arterioso/venoso del braccio?
O una ecografia del braccio.
E' un esame poco costoso e che potrei fare rapidamente nel giro di pochi giorni in attesa della tac che prevede tempi lunghi(l'appuntamento è tra 45giorni,che sono una infinità)
ed escludei problemi di circolazione locale.
Oppure è indicata una risonanza al braccio o dei semplici raggi al braccio,questi ultimi sono sufficienti per vedere se ho nervi infiammati e/o muscoli infiammati o per forza devo fare la risonanza al braccio(li farei fa privato e c'è una notevole differenza di presso tra i due )?


Il dolore soprattutto quando sono seduto o se faccio particolari movimenti
da sdraiato invece il dolore quasi non esiste ed è molto ridotto se sono in piedi.
Il dolore alla spalla invece è quasi sparito solo se mi muovo in certe posizioni lo avverto
Se premo un punto dietro la spalla mi parte il formicolio al braccio.

Quando il nervo tira parte dalla mano (le tre dita principali)poi la parte esterna dell'avambraccio sx e lo sento fino al pettorale alto anteriore sx ossia all'intersezione tra la parte anteriore della clavicola e il fascio dei nervi brachiali che passa li


in ogni caso se mi può consigliare nel frattempo che aspetto la tac
un controllo dello stato dell'avambraccio(dove ho dolore)
tra eco ,ecodoppler venoso-arterioso,rx o risonanza
ed un principio attivo per lenire il dolore (ho preso diclofenac per due volte ma senza risultato)

grazie
saluti





[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è difficile dare un consiglio su quale esame effettuare senza una valutazione diretta, il rischio è di consigliarla male magari tralasciando l'esame più appropriato al Suo caso solo perché a distanza non è possibile cogliere quegli elementi che farebbero propendere per un esame piuttosto che un altro.
Deve essere un collega che l'ha visitata a prendere questo tipo di decisione.
Per es., a distanza, sembrerebbe poco probabile il fattore vascolare, dal vivo potrebbe essere diverso.
Anche un consiglio sul principio attivo da utilizzare non è consentito on line, non è legale oltre che professionale.
Mi dispiace deluderLa ma sono certo che capirà.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 389XXX

be,capisco in parte
nel senso che se non si può dire neanche antinfiammatorio allora è finita..
anche perchè leggendo il sito è pieno di consigli di principi attivi
anche lei li ha dati
ma cmq pazienza.

lo specialista consiglia un esame alla volta,risultato mesi e mesi di sofferenza vista la lungaggine delle file.. e visto che ormai i medici sono esami-dipendenti..

però io mi chiedo una cosa,che senso ha una medicina che senza l'esame strumentale non sa fare una diagnosi?
anche io so vedere una ernia su una rm una volta che ne ho viste un paio

ho capito
devo farmi tutti gli esami e privati se ne voglio uscire se no rimango cosi' per mesi

non si è capito se è lo zoster(nevralgia posterpetica)
non si è capito se è un'ernia
non si è capito se dipende da muscoli o tendini
non si è capito che medicina devo prendermi per togliermi l'infiammazione e dolore

questo ha dell'incredibile
molto deluso in generale
saluti

[#15] dopo  
Utente 389XXX

dimenticavo
45anni mai andato in ospedale(se non 1 volta al pronto soccorso per una puntuna di antidolorifico)
tutte le analisi e visite per evitare file lunghissime me le sono sempre strapagate,al primo problema che ho avuto ho dovuto spendere 400euro e ancora in alto mare..
fortuna che qualcosa guadagno e che per formazione capisco di chimica(organica ed inorganica)e capisco quando il mio medico generico spesso su queste materie ne sa meno di me..
non sono un medico ovviamente..

sento alla tv che bisogna pagare le tasse perchè cosi' hai la sanità al momento del bisogno..
niente di più falso.....
magari se ti rompi una gamba o ti devi mettere un bypass
per tutto il resto sei abbandonato a te stesso..
il prossimo sinistrorso che mi dice che bisogna pagare le tasse per avere una sanità efficiente,lo mando a quel paese..
se non hai soldi per pagarti le visite private soffri o magari ci rimani se sei grave..

tutto il resto sono chiacchiere..
il mio idiota di medico di famiglia pensa solo a prescrivere meno medicine possibile in modo da non eccedere se no gli riducono lo stipendio ed a somministrare più vaccini antinfluenzali possibili,proprio perchè rende alla faccia delle pericolosissime reazioni avverse(successe a mio padre e mio cugino il primo ci stava per lasciare le penne,il secondo è diventato autistico per un richiamo vaccinale!)
questa è la sanità pubblica!

[#16] dopo  
Utente 389XXX

quando avrò speso 1000euro e fattomi tutti gli esami le farò sapere come è andata,con tutti quegli esami in mano poi anche un profano potrebbe capirli ,non serve più un medico,idem per la cura

saluti

[#17] dopo  
Utente 389XXX

salve
ecco esiti esami:


Esame TAC rachide cervicale:
''rettilineizzazione lordosi cervicale .Presenza di alterazioni degenerative spondilouncoartrosiche ed interapofisarie nel tratto compreso tra c5 e c7 con riduzione in altezza dei corrispondenti spazi intersomatici per discopatie.Si associa la presenza di ''barre'' disco-osteofitarie in c5-c6 e c6-c7 con impronta sulla parete anteriore del sacco durale e con estensione intraforaminale bilaterale e riduzione di ampiezza dei corrispondenti forami di coniugazione.
Regolare ampiezza del canale vertebrale osseo.''

----------------------------------------------------------------------------------
Esame ecodoppler venoso/arterioso arti superiori:nella norma.

-----------------------------------------------------------------------------------

Esame Zoster igg e igm:
igg positivo valore 1500(positivo se >100)
igm negativo valore 4( negativo se <20 )

quindi il medico ha detto che è zoster recente(igg molto alte)
compatibile con quello diagnosticatomi 3 mesi fa dopo la visita il 30 giugno scorso ; l' infezione non è attiva essendo igm molto basse.Ha escluso ,essendo igg molto alte,che potessero essere le igg della varicella avuta oltre 10anni fa.
concorda?
Ricordo che lo sfogo zoster ha interessato la scapola destra alto fino al centro della schiena con perdita di sensibilità(ora completamente recuperata)anche se i fastidi ce li ho solo sulla parte sinistra.
-----------------------------------------------------------------------------------

Esame (parziali) sangue:
vitamina D(25OH) : valore 8 deficit grave (deficit se <8;insufficienza se compreso tra 10 -30;sufficienza tra 30 -100)
sto integrando con dosi di attacco di vit D3 dibase(secondo prescrizione medica)
La vitamina D me l'ha abbassata lo zoster o il suo valore basso ha facilitato l'attacco zoster,essendo implicata sempre nelle infezioni?

Pcr,Ves,Fibrinogeno,fattore reumatoide: nella norma ,quindi NO infiammazioni in corso.

Folati,B12:nella norma, quindi no carenze neurotrofiche

Glicemia,Calcemia,Magnesio,Potassio,ferritina,transferritina,sideremia: nella norma
Lipasi,Amilasi,omocisteina :nella norma.

-------------------------------------------------------------------------------------

ricordo i precedenti esami(a cui sono seguiti quelli sopra)


Esame neurologico:
''esame neurologico negativo per segni di interessamento focale o diffuso di SNC e SNP ,l'anamnesi depone per verosimile tunnel carpale(compressione e/o irritazione del mediano);si consiglia esame EMG arto superiore sinistro ed eventualmente,successivamente, RM rachide cervicale ''

--------------------------------------------------------------------------------------

Esame EMG/ENG arto superiore sinistro(referto scritto da neurologo):
''compatibilità con radicolopatia c7 motoria cronica''
posso allegare le 3 pagine dell'esame con i valori e le curve.

--------------------------------------------------------------------------------------



ricordo:
Dal 1° luglio per due mesi ho avuto solo formicolio poi a settembre inizia (dopo lunghe sedute al computer per motivi di lavoro)anche il dolore all'avambraccio che continuo ad avere quando guido la macchina o sto al computer e anche se sto a lungo seduto specie se con polso alto rispetto all'avambraccio.Non ho quasi mai in piedi nè sdraiato .
Ora rimane il dolore/fastidio al muscolo esterno dell'avambraccio(mi pare il flessore ulnare del carpo per capire la zona) che si estende però fino al polso parte esterna ;poi anche mi pare siano coinvolti dei nervi brachiali tipo il soprascapolare sentendo il fastidio nella parte interna del deltoide fino a dietro la punta della spalla :percepisco anche una sensazione sensazione di 'tiraggio' di un nervo nella zona del gran dorsale (laterale) fino al nervo succlavio questo tiraggio spesso si attiva contemporaneamente a quella del formicolio lungo la parte esterna dell'avambraccio.
Che sia cervicobrachialgia?

leggendo varie situazione come le mie in internet propenderei per appunto radicolopatia (anche se la cosa strana è che il formicolio al braccio e mano è comparso insieme allo sfogo zoster.)
in quanto molti lamentano lo stesso fastidio.


mi hanno parlato di ozonoterapia
ma mi chiedo se posso fare la normale cura di cortisone che mi ha anche prospettato il mio medico curante(25mg di medrol per 10 giorni) che mi ha detto si fa per tunnel carpale e simili
non è possibile che per disinfiammare il nervo non posso prendere nulla.
Quando ho avuto dolori alla parte lombare l'ho risolto cosi' se no non andava via e per anni non ho avuto ricadute.
Essendo ormai scomparso lo zoster,il cortisone non dovrebbe creare problemi,corretto?

è consigliata anche una visita fisiatrica (per capire se anche la clavicola può rientrare nel sistema di compressione del nervo sebbene l'ecografia alla spalla non ha rilevato fenomeni di degni di nota)oltre che di nuovo un'altra neurologica?
O sono sufficienti ormai questi referti per una diagnosi verosimile?

Il radiologo mi ha detto che gli osteofiti con impronta in zona anteriore del sacco durale sono meno problematici rispetto all'impronta sulla parte posteriore
ma non capito bene cosa volesse dire,se può spiegarmelo

la ringrazio se vorrà rispondermi

saluti
mdg




[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

certamente una visita fisiatrica è senz'altro indicata sia per una valutazione clinica che strumentale e per iniziare un programma terapeutico adeguato al Suo caso.
Il problema cervicale, da valutare anche dal punto di vista fisiatrico, va oltre la presenza degli osteofiti in quanto c'è anche una riduzione dell'ampiezza dei forami di coniugazione in cui decorrono le radici spinali che conferma la radicolopatia.
Comunque tutto il reperto cervicale giustifica ampiamente anche i formicolii all'arto superiore e alla mano nonché il dolore all'avambraccio.
Ovviamente la terapia cortisonica può essere assunta se prescritta dal medico curante.
Le IgG sono compatibili con uno zoster recente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 389XXX

salve
siccome la visita fisiatrica nel mio ospedale va per lunghe è equivalente una visita ortopedica omeglio fisiatrica?
Oppure meglio che mi rivolgo ad un altro ospedale?

Quindi secondo lei lo zoster col dolore non c'entra?
anche se rimane la singolare coincidenza dell'inizio del formicolio a luglio negli stessi giorni di esordio dello zoster (ora dimostrato anche con le igg )
tra l'altro formicolio al braccio mai avuto in vita mia mentre penso che la riduzione formaminale e osteofiti li avevo già prima di luglio non avendo in quel periodo nè praticato sport nè traumi nè altro

invece dei fastidi tipo reumatico li avevo avuti alla spalla(stesso punto dietro la spalla) in concomitanza con colpi di freddo
una volta mi durò 4mesi ma alla fine andò via senza farmaci e senza alzare oggetti pesanti
Ora invece il fastidio/dolore non dipende affatto dallo sforzo ma dalla posizione(peggio di tutti quando scrivo sulla tastiera come ora o se guido per lungo tempo con braccio sx sullo sterzo)

può essere di aiuto anche un materasso specifico?
avendo anche il raddrizzamento della lordosi e dormendo spesso con 2-3 cuscini?

grazie
saluti


[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che la visita fisiatrica sia la più indicata, poi sarà lo specialista a dare tutte le informazioni che desidera in base ai riscontri della visita e alla visione degli esami diagnostici.
Correlazione con lo zoster? Impossibile esprimersi senza la visita diretta, da questa postazione sembra poco probabile ma la valutazione potrebbe cambiare dopo un'accurata visita medica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 389XXX

grazie della risposta provo a prenotare:

volevo porre i seguenti quesiti:

1)la carenza assoluta riscontratami di vitamina D (valore 8 quindi insufficienza grave)che so essere anche coinvolta nella prevenzione di malattie infettive è una causa di facilità di attacco dello zoster
o è lo zoster che l'ha fatta diminuire?
Inoltre la sua mancanza può dare poblemi in generali ai nervi(come mi pare di aver letto)?



2)il cortisone mi pare di aver capito essere controindicato in fase acuta di zoster ma io cmq non ho più l'infezione da tempo e lo confermano anche le igm
quindi nel caso il dottore lo prescriva per la radicolite ,il cortisone non è controindicato in questa fase di zoster lo assente,giusto?Oppure rimane attivo lo stesso in piccoli focolai(che causa appunto dolore post erpetico)senza che le igm lo segnalino?

3)la ozonoterapia che mi ha suggerito il medico ,qualora non dovesse passare coi farmaci il fastidio/dolore,secondo lei è valida per questo tipo di problema cervicale?

grazie
saluti



[#22] dopo  
Utente 389XXX

infine volevo chiedese se una risonanza all'avambraccio polso,potesse servire a capire bene quale nervo è implicato se e quanto infiammato etc..

se crede posso allegare l'emg/eng che ho effettuato

saluti

[#23] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Per il motivo che riferisce è più indicata l'EMG.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente 389XXX

si ma appunto l'emg/eng era stata prenotata ed eseguita per sospetto tunnel carpale mentre l'esito dice dice ''compatibilità con radicolite cronica motoria''
questa diagnosi esclude il tunnel carpale oppure no?

infine forse non aveva letto i miei quesiti posti sopra
se cortesemente vorrà rispondermi

1)la carenza assoluta riscontratami di vitamina D (valore 8 quindi insufficienza grave)che so essere anche coinvolta nella prevenzione di malattie infettive è una causa di facilità di attacco dello zoster
o è lo zoster che l'ha fatta diminuire?
Inoltre la sua mancanza può dare poblemi in generali ai nervi(come mi pare di aver letto) o nevralgie?



2) il medico mi ha detto che la cura di infiammazioni simili dei nervi sia di 25mg di flutidimetasone al giorno per 10-15 giorni,ma non è un pò troppo o è lo standard?

3)la ozonoterapia che mi ha suggerito il medico ,qualora non dovesse passare coi farmaci il fastidio/dolore,secondo lei è valida per questo tipo di problema cervicale?

grazie
saluti

[#25] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
1. Entrambe le ipotesi sono possibili così come una totale indipendenza da queste.

2. I dosaggi sono individuali, secondo l'entità di ogni singolo caso clinico e non è corretta la generalizzazione.

3. Lo stesso vale per l'ozonoterapia, dipende dai singoli casi, in alcuni soggetti è valida, in altri inefficace, in altri ancora dannosa.

Da questa postazione si possono dare solo informazioni generali e non riguardanti singoli casi, questi sono di esclusiva pertinenza del medico che lo segue.

Se l'EMG riscontra esclusivamente una radicolite è ovvio che venga escluso un tunnel carpale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente 389XXX

affinchè possa essere utile a chi legge,scrivo anche come andata a finire con quello specifico problema.
Verso ottobre è sparito da solo.
Ma l'anno dopo stesso periodo (sbalzi di temperatura)
è ricomparso anche se meno forte(quindi stavolta si poteva escludere lo zoster concomitante).

Avendo capito che era un problema di cervicale il medico di base mi ha dato 3 iniezioni di Kenacort di cui solo 2 fatte (a distanza di 3 giorni)perchè sufficienti a farlo scomparire ad oggi..cmq sto attento nei periodi di sbalzi di temperatura ad sforzare poco il braccio sinistro.

grazie
ciao

[#27] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente.

La ringrazio per avere messo a disposizione degli utenti che leggeranno il post gli sviluppi del caso.
Mi fa piacere che la sintomatologia sia regredita.

Cordiali saluti e buona estate
Dr. Antonio Ferraloro

[#28] dopo  
Utente 389XXX

grazie a lei

Aggiungo che ho scoperto anche che il kenakort è un cortisone particolare a lunga permanenza in circolo oltre i 20 giorni adatto ,molto più di altri,a questo tipo di patologie più di nervi infiammati a decorso più cronico che acuto(anche se poi non si è ripresentato ma si potrebbe rispresentare)

Faccio notare che il medrol 16mg a me come ad altri fa stare moltro nervoso anche solo per bocca e quindi avevo un paura a farmi addirittura una iniezione di questo Kenakort.
Forse il lento rilascio ha meno effetti collaterali,non so,mentre Bentelan o Deltacortene ma pure Medrol mi pare di aver capito sono molto più rapidi e da usare in presenza di effetti acuti.

L' effetto sul mio stato d'animo era addirittura quasi ininfluente e nessun altro disturbo.